Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands
Gamereactor
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
articoli

GOTY 2016: I miglior Third Person Shooter

Scopriamo le cinque posizioni dei titoli sparatutto in terza persona migliori secondo la nostra redazione

  • Testo: Redazione

5º Uncharted 4: Fine di un Ladro

"Sebbene la formula utilizzata dai Naughty Dog nella serie sia rimasta sostanzialmente invariata, concentrando gli scontri con i nemici in aree aperte in momenti ben precisi (solitamente a ridosso di una nuova scoperta lungo il nostro viaggio) e alternando l'uso di armi con combattimenti corpo a corpo, ci sono alcune interessanti novità. In primo luogo, ancor più rispetto al passato, i giocatori sono invitati ad usare non solo le coperture, ma un sistema stealth ben più strutturato che sfrutta l'erba alta offerta dai rigogliosi paesaggi (a partire dal Madagascar) che attraverseremo. Questa dinamica si sposa alla perfezione con un'altra novità introdotta nel gioco, ossia il sistema di allerta dei nemici (qui graficamente rappresentato da un diamante), che può essere di due tipi: diamante di colore giallo e uno di colore rosso.[....]

L'introduzione del rampino, inoltre, gioca un altro tassello importantissimo all'interno delle dinamiche di combattimento: oltre a permetterci di spostarci con maggiore agilità nel mondo di gioco (che qui, più che mai, lavora tantissimo sulla verticalità), possiamo sfruttarlo sia per attaccare in modo tattico i nostri nemici, ma anche per fuggire all'occorrenza e trovare un nuovo nascondiglio. E se le novità illustrate non fossero sufficienti, lo studio californiano ha voluto arricchire ulteriormente Uncharted 4: Fine di un Ladro introducendo per la prima volta un veicolo "guidabile". Accanto a piccoli motoscafi che ci serviranno per esplorare le isolette al largo del Madagascar, avremo a disposizione in alcune aree una jeep, che oltre a rivelarsi utilissima per attraversare le lunghe distese lussureggianti del mondo di gioco (un aspetto che svecchia molto la dinamica dell'attraversamento della mappa), può rivelarsi anche un interessante strumento per risolvere alcuni piccoli puzzle disseminati in giro, sfruttando il verricello con cui è equipaggiata. Il suo utilizzo è semplice quanto intuitivo, e anche se non siete degli assi della guida (come chi scrive), potrete muovervi senza alcun indugio all'interno delle aree apposite.

Nel complesso, la componente action del gioco ha assistito ad un netto miglioramento rispetto a quanto fatto in passato, complice sicuramente (e ci dispiace continuare a ribadirlo) la recente esperienza con The Last of Us, che ha senza dubbio spinto ad un nuovo livello questa componente del gioco, mostrando un lato decisamente più maturo e strutturato." (La nostra recensione).