Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands
Gamereactor
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
articoli

Game of the Year 2016

I migliori titoli del 2016 secondo la nostra redazione.

  • Testo: Redazione

1º Uncharted 4: Fine di un Ladro

"C'è una sequenza che, ancor più del finale, ci ha emozionato in Uncharted 4: Fine di un Ladro ed è quella ambientata nella soffitta della casa di Nathan ed Elena. Nate è lì, perso nel suo mondo fatto di carte, zaini da viaggio, cimeli recuperati nel corso delle sue numerose avventure - un mondo che sembra quasi non appartenergli più, ma che osserva con sguardo malinconico di chi è costretto ad abbandonare quel cammino. In sua compagnia, ripeschiamo alcuni oggetti iconici tratti dai primi tre episodi ed è lì che si è manifestata la nostra più angosciante e drammatica stretta al cuore. Sopraffatti dalla consapevolezza che quella sarà l'ultima tappa del viaggio di Nate, la nostra ultima tappa in sua compagnia, e un po' fa male. L'aspetto che in qualche modo ci rincuora e ci rende meno tristi è il fatto che i Naughty Dog abbiano lavorato davvero sodo, pixel dopo pixel, parola dopo parola, affinché Uncharted 4 rappresentasse quella conclusione perfetta ed eccellente che la serie, ma soprattutto i suoi più grandi estimatori, avrebbero meritato.

Forte di una trama ancora più ricca e intrigante, un comparto grafico che ha permesso di scoprire il potenziale racchiuso nell'hardware di casa Sony e una colonna sonora che punteggia alla perfezione questo titolo incredibile, Uncharted 4: Fine di un Ladro è riuscito nello straordinario intento di spodestare dalla nostra classifica degli Uncharted preferiti persino Il covo dei Ladri, fino ad oggi inarrivabile. A nostro avviso, è ad oggi il miglior titolo della saga e probabilmente uno dei migliori (se non il migliore) visto su PS4 negli ultimi mesi.
E speriamo che ci perdonerete la citazione di una canzone degli Afterhours, forse è la più indicata ad esprimere le nostre sensazioni a conclusione della saga, che abbiamo scelto per salutare Drake: "Io non tremo. È solo un po' di me che se ne va". Grazie di tutto, Nathan. Ci mancherai tantissimo."
(La nostra recensione)