Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands
Gamereactor
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
preview
Tekken 7

Tekken 7: Il nostro hands-on

Abbiamo potuto dare un'occhiata alla build più recente del nuovo capitolo della longeva serie picchiaduro di Bandai Namco.

  • Testo: Sam Bishop

Bandai Namco ha recentemente tenuto un evento presso i loro uffici di Londra dove ha mostrato alcuni dei titoli che pubblicheranno nel prossimo futuro, e uno di questi è naturalmente Tekken 7, l'ultimo capitolo della longeva serie picchiaduro, il cui lancio è previsto a giugno. Senza esitazione, poi, ci siamo immersi nella versione PlayStation 4 del gioco per dare un'occhiata a ciò che Bandai Namco aveva in serbo per noi.

Parliamo innanzitutto dei nuovi personaggi che abbiamo avuto modo di provare, tra cui Master Raven che, come ci si può aspettare, è molto simile a Raven, un altro personaggio di Tekken. Master Raven si è dimostrata particolarmente agile quando abbiamo giocato nei suoi panni, e i suoi movimenti rapidi potrebbero essere utilizzati con effetti devastanti se si impara ad usarli correttamente (cosa che non siamo riusciti a fare, a causa del poco tempo a disposizione durante la nostra prova). Anche la sua spada si rivela utile, grazie ad alcuni attacchi particolari.

Il successivo è stato Shaheen, che è probabilmente quello tra i nuovi personaggi meno entusiasmanti che abbiamo provato. Il suo stile di combattimento non è particolarmente affascinante, ma tuttavia si è dimostrato potente, e le frasi audio che pronuncia sembrano indicare che sia abbastanza stoico e non particolarmente avvezzo alla violenza, un aspetto che sembra contrastare tantissimo con il classico comportamento dei personaggi di Tekken. Inoltre, se Shaheen subisce parecchi danni alla testa, il suo copricapo cade e rimane a terra per il resto del combattimento, un dettaglio che ci è sembrato davvero interessante.

Tekken 7Tekken 7

Abbiamo anche giocato nei panni del robusto Gigas, che offre uno stile completamente diverso in termini di gioco. Questo personaggio è interamente incentrato sulla potenza, una cosa intuibile già a guardare la sua massiccia corporatura, e anche se gli attacchi sono molto più lenti e sono più facilmente contrastabili rispetto a tanti altri, e se lo si usa nel modo giusto, può sicuramente provocare disastri. Gigas regge molto bene la pressione, travolgendo i giocatori se si riesce a spingerli contro il muro, per esempio.

L'ultimo nuovo personaggio che abbiamo potuto provare è stato, naturalmente, Akuma. Quello che ci è piaciuto di Akuma è che il personaggio di Street Fighter è stato mantenuto inalterato in questa versione Tekken, sia che si tratti dei suoi attacchi sia dei più piccoli dettagli personali - la sua storia in Street Fighter è chiara, ma si fonde così bene con quella di Tekken 7 da non risultare mai fuori luogo. È anche molto potente in termini di stile di combattimento, e può utilizzare molte mosse classiche come l'Hadoken che i fan di Street Fighter hanno imparato a conoscere e amare.

I tempi di caricamento durante tutta l'esperienza, tuttavia, sono stati piuttosto lunghi, e non sembra che siano migliorati molto rispetto all'ultima volta che abbiamo provato il gioco. Ogni schermata di caricamento impiega da circa 30 secondi a un minuto per andare avanti, e durante la suddetta schermata di caricamento il frame rate cala e diventa un po' più nervoso. Non è un problema enorme in fin dei conti, ma resta comunque qualcosa di evidente, e potrebbe facilmente diventare un aspetto frustrante nel caso persistesse nel prodotto finale. Naturalmente, questo genere di cose tendono ad essere risolte e ottimizzate alla fine dello sviluppo, dunque incrociamo le dita.

Tekken 7Tekken 7

I fan della serie sapranno che ci sono nuove caratteristiche di gioco come Rage Art e Rage Drive, e la prima può fare davvero la differenza se si è sul punto di perdere un combattimento. Quando si assume un bagliore di colore rosso, quando la nostra salute è bassa, è possibile attivare la Rage Art per scatenare un effetto devastante sul nemico; va tuttavia detto che questo a volte può essere rischioso in quanto l'avversario può schivarlo e bloccarlo, quindi il tempismo risulta ancora una volta fondamentale - non è un modo immediato per condurci alla vittoria assicurata, ma dà ai giocatori comunque una possibilità di combattere.

Rage Drive è un'alternativa, se avete voglia di inanellare una serie di attacchi più potenti, piuttosto che scatenarne uno solo potentissimo con Rage Art. In questo caso, si usa la vostra rabbia per connotare il vostro personaggio del colore blu, grazie a cui i vostri attacchi potranno mettere a segno più danni, quindi ci sono un sacco di opzioni a disposizione del giocatore che spesso potrebbero salvargli in corsa la partita.

È tuttavia dal punto di vista grafico che il gioco dà il meglio di sé. Da quando è stato pubblicato l'ultimo gioco della serie, Tekken Tag Tournament 2 (ma bisogna andare al lontano 2007, se vogliamo invece parlare della serie principale, Tekken 6), i giochi sono cambiati molto in termini di grafica, e questo è il primo Tekken su questa generazione di console. Di conseguenza, sembra che gli sviluppatori abbiano ridefinito e dettagliato con cura Tekken 7, e se questo è certamente evidente nei personaggi, lo è ancora di più per quanto riguarda le ambientazioni. Uno scenario, ad esempio, era circondato dai rami, e il livello di dettaglio era davvero impressionanti. Gli ambienti e le arene di Tekken sono sempre stati particolarmente ampollosi, ma a quanto pare Bandai Namco ha colto l'occasione per alzare la posta.

Tekken 7

Da un punto di vista della performance, a parte i tempi di caricamento, tutto il resto ha funzionato bene, ma ci sono stati alcuni problemi di clipping per quanto riguarda alcuni personaggi, soprattutto a proposito dei loro abiti e accessori. Il copricapo di Shaheen, per esempio, talvolta gli tagliava le spalle, e attraversava la neve quando era a terra.

Tutto sommato, ci sono tantissime cose di cui essere felici, e Bandai Namco è chiaramente soddisfatta dei progressi fatti, considerando che hanno mostrato più di 20 personaggi e un mucchio di arene durante l'evento, ognuno dei quali ci ha colpito. Non vediamo l'ora di scoprire cos'altro verrà incluso a giugno, anche perché Tekken 7 promette di essere una release particolarmente ghiotta e interessante.