Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
preview

Quake Champions - Provato

Abbiamo dato un'occhiata al nuovo shooter di id grazie alla closed beta dell'ultimo weekend.

Quake Champions è ciò che avrebbe dovuto essere il multiplayer di Doom quando è stato lanciato l'anno scorso. Id Software ha messo in stand-by quella parte del gioco e, quando è stato pubblicato nel mese di maggio, la campagna è stata universalmente acclamata dai giocatori, mentre la componente multiplayer è letteralmente impallidita in confronto. Dopo poche ore con Quake Champions, diventa palese per quale motivo la componente competitiva di Doom sia stata accolta in modo così tiepido: Id fa degli shooter eccezionali, il dado di Doom era già stato tratto al lancio, e lo studio poteva fare molto di più.

Fortunatamente, sembra che la situazione sarà un po' diversa quando Quake Champions sarà disponibile nel corso di quest'anno, come arena shooter gratuito in esclusiva su PC, e il gioco già sembra essere in ottima forma. È veloce, è grintoso, è violento ed è un vero gioiellino. Questo è un Overwatch per adulti navigati, dove i i vari eroi - qui chiamati campioni - si ritrovano in arene gotiche, e dove lo scorrimento di sangue e le squartamento di budella sono offerti in abbondanza grazie ad una serie di armi pesanti che non mancano di offrire violenza a fiotti.

Annuncio pubblicitario:

Questo ultimo weekend di closed beta è stato caratterizzato da una nuova modalità, chiamata Duel, per cui i giocatori scelgono tre eroi e poi entrano in battaglia contro un altro terzetto. Quando un personaggio muore, un altro entra in battaglia. Ci siamo scontrati contro un pro di Quake (al momento è aperta principalmente ai giornalisti e ai giocatori pro che testano il gioco, e come si può immaginare, non finisce mai bene per i giornalisti, che, nella maggior parte dei casi, vengono macellati come agnelli), ma la modalità funziona bene e incoraggia a riflettere bene sulla squadra da mettere su. Ad esempio, scegliere un campione come Visor potrebbe darvi inizialmente un vantaggio tattico, oppure in alternativa, i giocatori potrebbero preferire una solidità difensiva all'inizio, prima di passare a qualcuno un po' più agile come seconda e terza scelta.

Oltre a questo, abbiamo provato un po' di Deathmatch (non è finita bene) e alcuni round di Team Deathmatch (dove ci siamo divertiti maggiormente), e durante il nostro tempo trascorso sulla closed beta, anche quando siamo stati fatti letteralmente a pezzi da giocatori molto più esperti, ci siamo comunque divertiti, grazie a controlli pesanti, un'arma cinetica e un'azione rapida. Le tre arene dove si è svolta l'azione - Burial Chamber, Blood Covenant, e Ruins of Sarnath- sono tutte fantastiche e ognuna è ricca di dettagli e di un terreno interessante. Forse alcuni giocatori hardcore, quelli che preferiscono le performance rispetto ad bel design (non è sicuramente la parola giusta, ma ci siamo capiti), potrebbero dire che a loro non interessano aspetti come gli effetti particellari e i vari suppellettili di ogni mappa, ma nessuno potrà dire che questo nuovo Quake non sia incredibile.

Quake Champions
Quake ChampionsQuake ChampionsQuake Champions

La qualità visiva si estende al cast di personaggi, ognuno dei quali risulta e, soprattutto, è unico. Ciò è possibile grazie alle statistiche differenziate per ogni personaggio e poteri speciali che offrono opzioni uniche nel furore della battaglia. Ce ne erano otto nella beta, e abbiamo provato la maggior parte di queste almeno una volta. Sorlag si corazza dietro un'armatura di spessore naturale e sputa acido; Visor può vedere attraverso le pareti ottenendo così un vantaggio tattico; Ranger è abbastanza esplicativo, ma è anche uno di quelli solidi; il robotico Clutch è molto lento, ma ha un enorme (anche se temporaneo) scudo; Anarki si avvicina velocissimo a bordo di un hoverboard e si cura; Nyx è un po' tranquillo, ma può entrare e uscire dalla realtà e sorprendere gli avversari; Slash rilascia dietro di sé una scia esplosiva che funge da trappola per incastrare i nemici; Galena può guarire gli alleati e danneggiare i nemici con il suo potere speciale; e il nostro preferito è stato probabilmente Scalebearer, che utilizza la sua capacità Bull Rush per ricaricare i suoi avversari a velocità mortale.

La combinazione delle abilità rende le partite interessanti e vi costringe a valutare costantemente il campo di battaglia in base a ciò che accade intorno a voi. Saremmo interessati a capire in che modo la dinamica delle partite a squadre cambia nel caso in cui le squadre siano limitate a uno per ogni personaggio, ma in questa fase è un punto interrogativo, non una critica. Allo stato attuale, ogni personaggio sceglie una delle tre armi di partenza, e successivamente è una corsa al punto sulla mappa in cui apparirà la vostra arma preferita. Id mantiene l'azione intensa perché il tempo di respawn sulle armi è veramente rapido e non dovete mai aspettare a lungo prima che un cannone a rotaia o un lanciatore di razzi facciano la loro comparsa (purtroppo non ci sono lancia-granate, a quanto ne sappiamo) e in quanto tale, ci vorrà molto tempo prima che i giocatori siano ben equipaggiati e trovino debolezze nella linea nemica.

Siamo ancora alle fasi iniziali, ma questi primi segni di vita sono estremamente promettenti e, non appena il numero di campioni aumenterà a dismisura, possiamo solo immaginare il nostro divertimento. Il ritmo è veloce, l'azione è frenetica (anche se alcune delle hitbox potrebbero esserlo ancora di più), e il design generale è accattivante a dir poco. Sembra che abbiamo un po' di tempo prima che Quake Champions abbandoni la beta, ma avendo giocato durante il fine settimana, siamo felici di dirvi che sta prendendo forma piuttosto bene.

Annuncio pubblicitario: