Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands
Gamereactor
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
preview
Vampyr

Vampyr - Provato

Essere un vampiro nella Londra del 1918 è tutt'altro che semplice.

Se per voi Vampire: The Masquerade era la cosa più figa a cui potevate giocare sul vostro PC, allora probabilmente siete rimasti a bocca asciutta in attesa di un'altra esperienza analoga e di giocare a titoli a tema vampiri della stessa fattura. Se questo è il vostro caso, allora vi consigliamo di di tenere d'occhio Vampyr, il nuovo titolo di Dontnod, che non solo vi permette di diventare una sanguinaria creatura della notte, ma vi permette anche di decidere il destino di un'intera comunità di persone innocenti.

Ad un evento a porte chiuse tenutosi all'E3, Focus Home Entertainment ha tenuto una presentazione e ci ha dato un'ampia dimostrazione del gioco. Il protagonista, il dottor Jonathan Reid, è un tipo tranquillo, ma comunque è anche un vampiro e un medico. È anche un ragazzo simpatico e, da medico, ha fatto giuramento di non infliggere danni ai suoi pazienti e, anche se sembra abbastanza amichevole, in fin dei conti è comunque un vampiro e questo conflitto interiore rappresenta il fulcro attorno cui ruota tutto il gameplay e la storia.

Vampyr è ambientato a Londra intorno al 1918, quando l'Influenza Spagnola ha mietuto vittime ovunque, uccidendo le famiglie intere in tutta la città. In quanto medico, sarà compito di Reid aiutare quante più persone possibili, tuttavia starà a voi decidere come e quando aiutare, e se volete concentrarvi su altre attività e ignorare chi ha bisogno del vostro aiuto, potete farlo. Operate fuori da un ospedale (scusate la battuta), che anche un terreno neutrale, dove i cacciatori di vampiri non sono autorizzati a cacciare e non possono uccidervi. Non sappiamo ancora i dettagli della storia, ma ci aspettiamo qualche colpo di scena e che dovremo prendere un paio di decisioni difficili per conto del dottor Reid.

"Dunque, incontrerai vampiri nel gioco, ovviamente", ci ha detto il lead level designer Florent Guillaume. "Sei uno di loro, quindi alcuni di loro sono amici, incontrerai alcuni vampiri amici che vi aiuteranno nella vostra quest e nella vostra avventura, e troverete anche nemici. E non ci sono solo vampiri - il gioco è soprannaturale, una parte fantastica del gioco. Ci sono gli esseri umani che vi affrontano, sono cacciatori di vampiri [...] che stanno cercando di ripulire la città da questa bestia".

Come in un qualsiasi gioco di ruolo, Vampyr presenta missioni principali, missioni secondarie e un sistema di livellamento complesso e dettagliato. Durante il gioco, dovrete usare punti esperienza su diversi talenti e abilità per rendere il dottor Reid più potente ed efficiente. Questo è il motivo per cui Vampyr diventa interessante, perché per acquisire l'esperienza non basta semplicemente avventurarvi e uccidere le persone, e poi livellare Reid in modo tradizionale. Anzi, dovrete consumare qualcuno e, a seconda di quanto è pura la persona, guadagnerete più o meno potere. Il punto è che per ogni umano che uccidete, il benessere generale di Londra andrà giù, è tutto perfettamente bilanciato. Se uccidete troppe persone, la città ne soffrirà, ucciderne troppo pochi, metteranno a repentaglio i vostri poteri.

Vampyr
VampyrVampyrVampyr

Ci sono altre cose importanti da considerare quando si uccide un'anima innocente. Ad esempio, se decidete di uccidere una vecchia signora gentile, consumerete anche i suoi ricordi, che vi permetteranno di conoscere cose su di lei e sulla sua famiglia. Molti abitanti di Londra si conoscono: alcuni sono familiari e altri sono connessi in modi diversi. Ciò significa che influenzerete persone diverse per ogni uccisione e sarà importante conoscere quali persone sono collegate a chi, e cercare di prevedere quali conseguenze avranno le vostre azioni. Non abbiamo avuto modo di vedere come funziona questa meccanica in modo profondo, ma certamente sembra interessante e sorprendentemente pieno di sfumature.

"Sì, beh, ci sono due estremi ma non vogliamo giudicare alcunché", ci ha raccontato Guillaume a proposito delle scelte morali. "Non vogliamo giudicare il giocatore e [...] non c'è sistema di karma, non c'è un sistema morale, non c'è nero o bianco, ci sono molte aree grigie [...] e vi mettete nei panni di questo personaggio, che deve uccidere, ha bisogno di sangue per evolversi e sopravvivere e per farlo bisogna togliere la vita a innocenti e tutti questi personaggi che popolano il mondo hanno tutte le loro storie, i loro retroscena, le loro relazioni con altri personaggi e le scelte che prendete sulle vite delle persone influenzeranno le altre persone ad esse legate. Per esempio, se uccidi una madre, cosa succede al figlio? ""

"Hai la completa libertà", ci ha spiegato il direttore narrativo Stéphane Beauverger quando abbiamo parlato con lui all'inizio di quest'anno, aggiungendo che" potresti decidere di uccidere tutti nel gioco, o di non uccidere nessuno. Ad eccezione, mi viene da dire, nessuna vita innocente".

Quando non state combattendo la terribile influenza o pensando a quale sarà il vostro prossimo spuntino, ci sarà una quest line principale in cui potete eseguire missioni e missioni secondarie da completare, e il gioco dovrebbe durare circa 15-30 ore, a seconda del vostro stile di gioco. Anche se siete un vampiro, questo non significa che non avete nemici, in quanto ci sono cacciatori di vampiri che vi verranno a cercare e che coglieranno ogni occasione per ficcarvi un paletto nel cuore. Per difendervi, avete a disposizione una vasta gamma di poteri a disposizione, come il teletrasporto, che vi permette di sconfiggere i nemici e di attaccarli alle spalle. Poiché si tratta di un gioco di ruolo, potete anche aspettarsi di sbloccare più mosse quando livellate. Non abbiamo visto molto combattimento, solo uno, ma questo ci è sembrato divertente.

Vampyr offre un nuovo impulso all'esperienza dei vampiri, e le meccaniche che ruotano attorno alla vita dei Londinesi sembrano particolarmente interessanti. Con una storia intrigante, un massiccio mondo aperto da esplorare, combattimenti divertenti e tragedie familiari in attesa di accadere, siamo usciti dalla presentazione con una grande voglia di nutrirci di alcune povere anime ancor più di prima, e questo è un buon segno. Vampyr verrà pubblicato su PC, Playstation 4 e Xbox One questo novembre.

VampyrVampyrVampyr