Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands
Gamereactor
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
preview
Pro Evolution Soccer 2018

Pro Evolution Soccer 2018 - Provata la beta

Abbiamo provato alcune partite rapide e la modalità co-op in preparazione alla nuova stagione.

  • Testo: Sam Bishop

Anno nuovo, nuovo PES, e al momento è in corso una fase beta online che permette ai giocatori di avere un assaggio di Pro Evolution Soccer 2018 su PlayStation 4 e Xbox One. Con questa beta, abbiamo la possibilità di avventurarci online e sfidare altri giocatori in Partite Rapide, usando come squadre il Brasile o la Francia all'interno dello stadio Neu Sonne (che sarebbe l'Allianz Parque a São Paulo nella vita reale), ma c'è anche un'altra modalità che entusiasmerà i fan di PES, ossia la modalità co-op online.

Questa modalità è interessante perché permette a tre giocatori di sfidarsi l'uno contro un altro con una squadra formata da tre giocatori, che all'apparenza non sembra essere troppo diverso da ciò che abbiamo già fatto in passato, ma c'è un sistema statistico molto interessante che mostra chi sta andando bene e chi no. Dopo ogni metà partita, c'è una lista di statistiche che mettono in evidenza cose come tiri e passaggi fino ad arrivare alle intercettazioni, e non c'è modo di sfuggirne se qualcuno sta facendo una brutta figura, un aspetto che aumenta il livello di competizione all'interno delle stesse squadre.

I giocatori vengono valutati all'interno delle partite, che va bene per cose come tiri e un buon attacco, ma lo è un po' meno per cose come i falli, anche se questo non è un sistema perfetto. Ad esempio, una volta abbiamo giocato come difensore e quando siamo intervenuti sull'attaccante, in quanto sarebbe stato un uno contro uno con il portiere, abbiamo fatto fallo, ma questo è stato valutato come cattivo dribblaggio, e in generale per alcune cose non sembrano esserci molte sfumature. I tiri ci fanno sempre salire il nostro rating, per esempio, anche se lo abbiamo effettuato a 40 metri di distanza, ma cose come il pressing e la finta non vengono in alcun modo presi in considerazione.

Questo non impedisce comunque che il gioco sia un vero gioiello, anche se non conoscete i compagni di squadra con cui state giocando. Avere tre persone nella stessa squadra cambia drammaticamente le cose e potete anche esultare insieme, rendendo la cosa ancora più speciale quando tutti e tre lavorate sulla palla in una bella posizione, prima di effettuare il vostro tiro in porta.

Pro Evolution Soccer 2018

Speriamo solo che le pause vengano sistemate un po' nel gioco finale, in quanto in ogni partita a cui abbiamo giocato le pause venivano prese ogni cinque minuti, e questo ha un po' influenzato il ritmo della partita, interrompendone il flusso.

Le partite rapide, come ci si aspetterebbe, ci hanno abbinato ad altri giocatori in modo casuale, ma questa volta di partita in partita, e in questo caso abbiamo notato altri cambiamenti in termini di gameplay in azione (piuttosto che tenere d'occhio ciò che stavano facendo i nostri compagni). Nel complesso, tutto è sembrato tranquillo, come ci saremmo aspettati da PES, ma ci sono alcune cose che vale la pena sottolineare nello specifico di questa beta.

In primo luogo, la difesa risulta piuttosto diversa e potrebbe apparire più difficile per i giocatori all'inizio. Per esempio, abbiamo fatto fatica nelle nostre prime partite ad affrontare gli attaccanti in una sola situazione, per esempio, e bisognava tenere premuto i tasti X/A insieme per entrare in scivolata. Una volta che avete capito come funziona, le cose tenderanno a migliorare.

Un'altra cosa da notare sono i tiri, che appaiono molto più soddisfacenti. Negli ultimi giochi di PES abbiamo ritenuto che questa parte fosse un po' troppo ripetitiva, in quanto i goal risultavano sempre molto simili tra loro; qui invece sembra che ci sia una varietà molto diversa nei tiri, e qui non basta solo tirare in porta quando si è vicini al portiere. Bisogna fare più fatica per tenere testa al portiere.

La beta online, anche se non è altro che un test delle modalità di gioco, mostra molto di ciò che è stato promesso da PES 2018, soprattutto per quanto riguarda la modalità co-op, che verrà implementata in PES League in futuro. Se il resto del gioco risulta di una qualità simile, non vediamo l'ora di scoprire cosa ci attende in futuro, e non vediamo l'ora di saperne di più alla Gamescom il prossimo mese, dove avremo occasione di scoprire le ultime novità del gioco e i nuovi annunci delle squadre.

Pro Evolution Soccer 2018Pro Evolution Soccer 2018Pro Evolution Soccer 2018