Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
FacebookFacebook
recensione

Wildstar

"Grazie ad una solida componente multiplayer, anche se manca l'innovazione, Wildstar riesce comunque a ritagliarsi la sua nicchia nello spazio degli MMO".

Annuncio pubblicitario:

Se si combina l'estetica di Ratchet & Clank, i contenuti di World of Warcraft e il sistema di combattimento attivo di Guild Wars 2, allora avrete come risultato il nuovo MMORPG sci-fi di Carbine Studios, Wildstar.

Carbine è costituito da un gruppo di ex-sviluppatori Blizzard, e l'ispirazione da World of Warcraft è abbastanza chiara ed evidente. Lo stile grafico è morbido e ha colorazioni pastello, che tenta - seppur con molte caratteristiche volutamente caricate o meno - di assomigliare a WoW. Wildstar fa tuttavia propria questa scelta stilistica, che tuttavia per molti aspetti ricorda più Ratchet & Clank rispetto al suo fratello maggiore.

Annuncio pubblicitario:

Ma non è solo per ciò che riguarda la grafica che Carbine trae ispirazione da Blizzard. Wildstar abbraccia tutto ciò da cui Guild Wars 2 ha preso le distanze, ossia quel sistema tradizionale di quest presente nel genere MMO. Questo significa che muoversi su Nexus risulta curiosamente simile alle esplorazioni su Azeroth. Abbiamo una lista di missioni, che a sua volta si possono completare prima di tornare da chi vi ha assegnato la missione per ricevere la vostra ricompensa. L'ambientazione fantascientifica, tuttavia, apre alla possibilità di ricevere quest via radio, in modo da poter completare la lista di missioni, senza dover tornare continuamente dal proprio quest giver tutte le volte.

Wildstar

Non mi sarebbe tuttavia dispiaciuto se questo tradizionale sistema di questing non fosse stato, per così dire, contornato da missioni noiose e banali. Seguono un'oramai consolidata ricetta: uccidere x nemici, raccogliere x articoli, portare in salvo tale persona e così via. Una volta ogni tanto si fa trovare qualche gemma occasionale, ma purtroppo questi rari barlumi di originalità annegano nella piscina di mediocrità rappresentata dal contenuto single-player di Wildstar. Il modo in cui viene raccontata la storia è tutt'altro che attraente, vuoi per il doppiaggio piuttosto scadente, vuoi per gli eccessivi wall of texts. Trovo questa modalità particolarmente deludente, perché la storia e l'ambientazione sono di per sé molto interessanti, davvero.

Ad essere onesti, Carbine introduce quello che chiamano un sistema a percorso, un aspetto innovativo nel genere MMO. Quando si crea il proprio personaggio, si sceglie se questo personaggio è un esploratore, un soldato, uno scienziato o un colono. Questo sistema è separato dal sistema delle classi, ed è piuttosto incentrato sul tipo di contenuti che vi contraddistinguono. In quanto esploratore, per esempio, avrete il compito di scalare le vette più alte o esplorare le caverne più profonde. Come colono, invece, occorre apportare miglioramenti alla mappa a cui ognuno che giocherà trarrà dei benefici, in cui si ricevono dei bonus tutte le volte che qualcuno li usa. Questo permette di adattare maggiormente la vostra lista di quest al vostro stile di gioco, ma non fraintendetemi, si tratta sempre della stessa noiosa lista.

Alla fine è il design della mappa a salvare la modalità single-player di Wildstar dall'essere nient'altro che una rottura. Carbine è solitamente piuttosto creativa quando realizzano le proprie mappe, e utilizzano questo aspetto per rivitalizzare un viaggio altrimenti asciutto e noioso nei meandri di Nexus. Già nelle prime fasi del gioco, ho trovato oggetti nell'ambiente circostante che mi hanno permesso di librarmi tra le stelle, e mi hanno dato un meraviglioso senso di libertà di movimento, diverso da qualsiasi cosa abbia mai sperimentato prima in altri MMO. Dove gli altri cercano di creare un mondo credibile, Carbine vi offre regni liberi che vi permettono di rendere il mondo il vostro parco giochi. Basta andare dal punto A al punto B, può essere una gioia.

Inoltre, il sistema di combattimento contribuisce a rafforzare l'esperienza nel suo complesso. L'area di impatto degli attacchi nemici o amichevoli sono resi disponibili visivamente al giocatore, e schivare in modo attivo e posizionarsi sono elementi fondamentali per riuscire a vincere in combattimento. E' possibile utilizzare molti attacchi anche quando si è in movimento, in particolare con la classe Stalker. Combattere in Wildstar è divertente e coinvolgente, un aspetto che trova conferma nei combattimenti contro i boss e nei grandi combattimenti di gruppo. Se dovessi criticare qualcosa riguardo al sistema di combattimento, sarebbe la mancanza del senso d'impatto. Gli attacchi non sembrano avere il peso che dovrebbero, anche a causa della qualità media delle animazioni, unita all'alta possibilità di muoversi. Ciò detto, il sistema di combattimento nella sua interezza è solido come una roccia.

La conclusione in merito al contenuto single-player di Wildstar è che, nel suo complesso, risulta deludente. Carbine si aggrappa troppo a delle convenzioni sicure che abbiamo visto e rivisto in questo genere nell'ultimo decennio. Il sistema a percorso, la mappa dal design creativo e il sistema di combattimento attivo certamente aiutano, ma non sono sufficienti per salvare questa parte del gioco.

Wildstar

Ciò detto, sarebbe più corretto dire che la forza di Wildstar risieda non tanto nel suo contenuto single-player, ma piuttosto nel suo contenuto multiplayer. Ci sono tre tipi di missioni multiplayer nel gioco: Avventure, Dungeons e Raid.

Le Avventure si trovano in aree relativamente aperte in cui gruppi di cinque giocatori devono completare una serie di attività che li portano in giro per la mappa, che culmina con un boss. Questo contenuto ha una bassissima bar d'ingresso, ed è un ottimo modo per i giocatori MMO inesperti per avere un'idea di come il contenuto multiplayer del gioco funzioni. La difficoltà è sufficientemente alta per quelli di voi che commettono errori, ma abbastanza bassa per quelli come voi che sono più tosti. Le Avventure sono un bel mix di sequenze pre-programmate e spazi aperti in cui si è liberi di scegliere il vostro angolo di approccio. Ad esempio, nella mia prima avventura tutta la squadra scende da una nave da trasporto fino a un campo sottostante, ma ben presto ha dovuto scegliere una delle diverse missioni da affrontare. Questo aumenta la rigiocabilità delle avventure, per non parlare del fatto che ogni avventura ha due livelli di difficoltà.

I Dungeons sono, come le Avventure, per cinque giocatori, ed inoltre sono disponibili in due modalità: una normale e una veterano. Questo tipo di contenuto si basa sulla progressione lineare con gruppi di nemici e combattimenti contro i boss. La natura più strutturata di questo contenuto richiede una maggiore cooperazione all'interno del gruppo per riuscire ad avere successo, e c'è molto più spazio per la tattica. Detto questo, c'è poco di rivoluzionario nella modalità Dungeons in Wildstar: sono più o meno proprio quello che ci si aspetta dal genere.

Infine abbiamo i Raid, che sono rispettivamente per 20 o 40 squadre giocatori. Non ho avuto l'opportunità di provare questo contenuto, ma basti dire che sono abbastanza standard per quanto riguarda i raid MMO, ma non offrono alla maggior parte dei giocatori hardcore un obiettivo che possa spingerli a continuare.

Per quanto riguarda le modalità multiplayer di Wildstar, possiamo dire in altre parole che sono abbastanza solide, anche se non rivoluzionarie. Carbine Studios si è presa molti pochi rischi nel cambiare le convenzioni esistenti in questo settore, e il risultato è un contenuto multiplayer abbastanza standard. Se ne avete abbastanza di questi aspetti, o non amate il modello tradizionale di contenuti multiplayer degli MMO, penso che sia giusto dire che Wildstar non sia proprio il gioco che faccia per voi. Per altri, però, questo potrebbe essere invece perfetto.

Infine, Wildstar ha diverse modalità PvP da offrire. Sono possibili scontri 1v1 o 2v2 ovunque, 3v3 o 5v5 in una modalità arena. Qui è solo il numero di uccisioni a decretare il vincitore. In battaglia, due squadre di dieci giocatori combattono su vari obiettivi. Sulle due mappe attualmente presenti nel gioco, potete sia combattere e raccogliere un determinato numero di maschere prima che scada il tempo o, a turno, attaccare o difendere i punti di controllo. Di queste modalità, quella che certamente preferisco è quest'ultima, dal momento che gli obiettivi che rendono la lotta più interessante sono semplicemente quelli in cui si riescono ad uccidere più personaggi della squadra avversaria. Rispetto ai contenuti single-player, il PvP è una boccata d'ossigeno, soprattutto considerando il fatto che è possibile salire di livello, mentre fate PvP.

Wildstar

C'è anche un'ultima modalità PvP che si sblocca al massimo livello, vale a dire Warplots. Qui, due squadre da 40 giocatori combattono per sconfiggere un nemico più forte, personalizzato e in parte scelto da ciascuna squadra prima dell'inizio del combattimento. Non ho avuto l'opportunità di provare questa modalità, ma ha un ruolo importante nel tenere occupati i giocatori al termine della altre parti del gioco, mentre si attendono nuovi contenuti.

Grazie al sistema di combattimento attivo, ho trovato i contenuti PvP particolarmente impegnativi, con un alto livello di abilità. Molti attacchi semplicemente non andranno a buon fine perché sia voi sia il vostro avversario siete costantemente in movimento. Detto questo, ancora una volta avrei preferito che Carbine Studios avesse osato un po' più in termini di creatività.

Con questa solida componente multiplayer, anche se manca l'innovazione, Wildstar riesce comunque a ritagliarsi la sua nicchia nello spazio MMO. Il sistema di combattimento attivo migliora l'esperienza in ogni area del gioco, ma vorrei che Carbine avesse osato un po' di più. Soprattutto le parti singleplayer del gioco sembrano abbastanza monotone, e mi sono stancato molto presto. Se si riesce ad andare oltre a questo aspetto, e apprezzate un po' di sfida, seppur il gioco sia piuttosto standard, Wildstar potrebbe risultare un buon acquisto.

07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Contenuti multiplayer molto solidi, Combattimento attivo.
-
Contenuti single-player noioso; Mancanza di innovazione.
Annuncio pubblicitario: