Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
FacebookFacebook
recensione

Journey

Iniziamo un viaggio poetico ed emozionale attraverso il deserto, verso una montagna distante. Journey non è un gioco per tutti, ma è uno dei titoli più straordinari dell'anno.

Annuncio pubblicitario:

Una figura siede in mezzo alla sabbia. Non si muove e mantiene una posizione meditativa. La figura ha due chiari occhi luminosi, e viene risvegliata da un leggero movimento del controller. Non è possibile dire chi sia questa figura, dato che il suo vestito rosso scuro gli copre la faccia e il corpo. Ci sono solo il vento, la sabbia e il sole, e sullo sfondo una collina.

La sabbia si sparge il momento in cui ci muoviamo e, quando raggiungiamo la collina, diventa ancora più presente. Ci facciamo strada con dei passi pesanti, che affondano nella sabbia. Raggiungiamo la cima e scorgiamo una montagna. Questi sono i nostri primi passi in un viaggio di esplorazione.

Annuncio pubblicitario:

Thatgamecompany,come sempre, ha prodotto qualcosa di diverso e unico. Nei titoli come flOw e Flower, lo studio californiano è diventato una sorta di pioniere per quanto riguarda i titoli tranquilli e densi di atmosfera per PSN. Il loro ultimo titolo, Flower, uscito nel 2009, è stato un gioco in grado di dividere giocatori e critici in due parti distinte. Alcuni lo trovavano troppo facile e troppo New Age, altri lo trovavano semplice e incantevole, come giocare con il vento.

JourneyJourney

Journey differisce da Flower in molti modi. Principalmente a causa del fatto che in questo gioco controlliamo un'entità fisica, anche perché abbiamo davanti a noi un chiaro obiettivo. La misteriosa montagna illuminata dalla luce divina ci fornisce una motivazione e un'ambientazione. Il movimento attraverso il deserto non è soltanto un passaggio, è un mondo che cambia in continuazione e che viene plasmato dal vento davanti agli occhi del giocatore.

Il tutto ha un tocco minimalista sin dalla musica fino all'accogliente rumore della sabbia, il mistero cresce attorno al nostro personaggio. Mano a mano che si procede si sbloccano alcune capacità, tra le quali spicca la possibilità di poter volteggiare per l'aria per alcuni secondi.

Il viaggio procede attraverso le rovine di una civiltà perduta. Queste rovine racchiudono alcune antiche pergamene che possono essere attivate attraverso la preghiera, e le possono girare un ponte magico sospeso tra due pilastri.

Ad un tratto ho incontrato una figura simile a me, che camminava nel bel mezzo del deserto. È stato bello trovare un altro giocatore che so muoveva in maniera indipendente e disinteressata, ma che condivideva con me lo stesso mondo e un obiettivo comune.

Journey
JourneyJourney
Journey
Journey
Journey
Journey
Journey
Journey
Journey
Journey
Annuncio pubblicitario: