Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
FacebookFacebook
recensione

Grand Theft Auto V

Siamo tornati a Los Santos per "vedere l'effetto che fa" in versione next-gen.

Annuncio pubblicitario:

Ecco la cronologia delle mie prime ore di Grand Theft Auto V su PlayStation 4:

18:30 - Ho un lavoro da fare insieme a Trevor, Michael e Franklin.
18:35 - Passo alla prospettiva in prima persona, anche se di solito non ne sono un fan (preferisco la visuale in terza persona).
18:40 - Mi accorgo che la transizione da una prospettiva all'altra è senza soluzione di continuità.
18:45 - Probabilmente non ho bisogno di dirvi come è andata la rapina.
18:55 - Ho visto un gatto.
19:00 - Insieme ad un mio amico ho rubato la mia prima macchina.
19:50 - Mi annoio.
20:00 - Nikki è il mio nuovo amore, ma ho il sospetto che possa essere più interessata ai miei soldi che a me.
20:05 - Mi è sembrato che Nikki avesse piccole perle luccicanti di sudore sulla pelle e per essere sicuro (e offrirvi una recensione appropriata), sono tornato da lei. E sì, mi sembra proprio che sia sudata.
22:15 - Ne ho abbastanza delle tentazioni che offre la grande città dopo essere stato ucciso da un Rottweiler di cattivo umore, così decido di riposare la mente abbandonando la città e andando in montagna, dove la tranquillità regna sovrana.
22:25 - Rubo una bicicletta e mi incammino verso la cima della vetta più vicina.
23:35 - Vengo ucciso da un puma.
23:45 - Il mio paracadute non si apre come previsto - quale pulsante devo usare? Splat.
23:50 - Ho scoperto nuovi pesci nel mare. Ho il tempo per fare una pausa.
02:00 - Sono ancora con la prospettiva in prima persona attivata. Accidenti è impressionante.
02:55 - Dichiaro che questo sia il miglior GTA fino ad oggi.
03:15 - Mi rilasso in cima ad un treno merci, mentre mi godo la vista del Grand Senora Desert, delle Taaviam Mountains e di Murietta Heights prima di ritornare a East Vinewood.
03:40 - La mia coscienza mi sopraffà. Mi sono goduto solo il panorama, senza pensare alla recensione?
Ora di andare a letto - Domani è un nuovo giorno.

Annuncio pubblicitario:

Questo è un breve riassunto delle mie prime ore con il remake di nuova generazione di Grand Theft Auto V. La maggior parte delle esperienze next gen promesse da Rockstar sono state mantenute, e anche se all'inizio fossi un po' scettico, devo dire che lo sviluppatore ha mantenuto fede a quanto aveva annunciato.

Grand Theft Auto V

Non mi ero trovato per nulla d'accordo con la nostra recensione di GTA V sulle console di ultima generazione, curata dal nostro collega Rasmus. Era evidente che ci fossero alcuni problemi in termini di framerate, e proprio come il suo predecessore, ho trovato le sue carenze tecniche fastidiose, anche se, senza dubbio, fosse il miglior GTA della storia della saga. Non sopportavo il fatto che potessi essere solo un personaggio negativo, costantemente incazzato con tutti quelli che incontra, un aspetto che ovviamente è rimasto anche in questa nuova versione. Non mi importava molto dei controlli delle auto, delle animazioni, ma anche della storia, e anche se le ambientazioni erano abbastanza buone, non mi avevano fatto gridare al miracolo. Ho tuttavia apprezzato l'idea del mondo aperto e delle tante distrazioni che offriva, ma Assassin's Creed (soprattutto Black Flag) mi ha tenuto occupato parecchio da questo punto di vista, con l'eccezione di San Andreas e Chinatown Wars. Il fatto che Assassin's Creed: Unity mi abbia un po' deluso per i suoi cali di framerate e i suoi continui bug, non mi ha comunque spinto a provare dell'interesse ulteriore nei confronti del gioco, neanche se Rockstar ha annunciato tanti più personaggi sullo schermo, una risoluzione a 1080p, e un sacco di altri extra.

Ma a differenza di Ubisoft, è evidente che Rockstar conosce i suoi limiti. E' vero, ci sono tanti personaggi sullo schermo, e ci sono momenti in cui questo aspetto è particolarmente evidente, ma impallidisce in confronto a Unity. Quando nel gioco di Ubisoft abbiamo centinaia e centinaia di personaggi, qui probabilmente ne vedrete al massimo 20 e bisogna guardarli con attenzione. Ma è chiaro che Rockstar si sia presa il suo tempo per conoscere l'hardware e i suoi limiti, e anche con questo, GTA V è un sogno.

Finalmente abbiamo un GTA che non freeza mai o non ha cali di framerate, ma piuttosto un gioco saldamente ancorato ai suoi 30 fotogrammi al secondo. Sì, è riuscito ad avere un solo calo di framerate solo una volta nelle mie prime sei ore. Per circa un secondo. In poche parole, Rockstar ha mantenuto la parola. E il risultato è spettacolare.

Ma ciò che è ancora più impressionante è la prospettiva in prima persona. Come ho detto poco fa, normalmente non sono un grande amante di questo punto di vista, a meno che sia in un gioco esclusivamente in prima persona, ma il lavoro fatto qui è spaventoso. Non riesco a ricordare di aver visto qualcosa di così ben fatto prima d'ora. Quando si nuota, si vedono le braccia, se si guarda in basso, si riescono a vedere persino i piedi e le mani, e se si sta in piedi, è possibile vedersi schioccare le nocche o pulire una fronte stanca. Se indossate un casco, vedrete i suoi bordi e la visiera.Terrete il telefono cellulare in mano, quindi non occuperà più spazio prezioso sul vostro schermo. Potrete vederlo in varie angolazioni, sia che siate in piedi sia che siate alla guida. Ma non vorreste mica farvi beccare alla guida con il cellulare in mano, vero?

Grand Theft Auto V

E' estremamente soddisfacente sparare con le armi e il passaggio dalla terza alla prima persona è immediato tanto quanto passare da un personaggio all'altro. Abbiamo inoltre tantissime opzioni che permettono di personalizzare le caratteristiche in terza persona che si desiderano mantenere, fino al vostro campo visivo, ma c'è anche la possibilità di avere impostazioni diverse in terza persona e in prima persona. E, naturalmente, potete decidere le impostazioni della telecamera. Vi piace guidare in terza persona e sparare in prima persona? Volete giocare a GTA Online in prima persona (e decidere la medesima impostazione per chi gioca con voi)? Avete, inoltre tre livelli di aim-assist, o potete addirittura disattivarlo. Siete voi a decidere.

A proposito di guida, è qui che che notiamo il miglioramento più importante. Alla fine, guidare in GTA V mi piace. Ora abbiamo un controllo maggiore al volante ed è possibile godersi i dettagli di tutte le auto che possediamo. I cruscotti sono stati ripensati tutti con un'attenzione maniacale al dettaglio. Alcuni sono dotati di stereo moderni che mostrano il nome della vostra stazione radio sul display, mentre le auto vecchie hanno solo un buco di fianco al tachimetro. In sintesi, la propsettiva in prima persona è davvero una grande aggiunta.

E le stesse parole di encomio le riservo anche per le ambientazioni. La prima volta che vedo una strada piovosa, rimango semplicemente a bocca aperta. Vi sorprenderò, ma a vedere tutte quelle pozzanghere mi verrebbe voglia di essere ancora un bambino e saltarci dentro. E' spaventoso. Le pozzanghere non sono l'unico miglioramento, ma troverete un sacco di brillanti differenze tra quando c'è il brutto tempo e il bel tempo. Lo stesso vale per l'illuminazione, così come piante e alberi, fumo ed edifici.

E' davvero incantevole. E' come fare un viaggio per le città americane. Non c'è niente sul piano tecnico che interrompa l'illusione. Non ci sono pop-in con i personaggi o texture. Il livello di immersione è impareggiabile.

Grand Theft Auto VGrand Theft Auto V
Grand Theft Auto VGrand Theft Auto VGrand Theft Auto VGrand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Grand Theft Auto VGrand Theft Auto VGrand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Grand Theft Auto V
Annuncio pubblicitario: