Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
FacebookFacebook
recensione

Pillars of Eternity

Obsidian riporta in auge l'RPG vecchia scuola.

Annuncio pubblicitario:

Obsidian ha inventato una macchina del tempo, chiamata Pillars of Eternity. Non appena iniziamo a giocare, abbandoniamo il 2015 e la nostra mente vola a quasi quindici anni prima, al 2000, l'epoca d'oro dei giochi di ruolo per PC, quando Bioware e Black Isle ci hanno deliziato con un'esperienza brillante una dietro l'altra. Siamo tornati all'epoca degli ambienti pre-renderizzati, con visuali isometriche e storie intricate, caratterizzate da migliaia di box testuali.

Annuncio pubblicitario:

Obsidian è sempre stato percepito come il "fratello minore" di Bioware, in quanto si è occupata negli anni dello sviluppo di diversi sequel di titoli dell'azienda (tra questi, Neverwinter Nights 2, KOTOR 2...), si è specializzata in titoli RPG e la loro eredità è quella di Black Isle, dal momento che diversi membri-chiave hanno fatto parte della leggendaria divisione RPG di Interplay. Da soli, questi elementi parlano dell'importanza di questo progetto. Pillars of Eternity è stato sviluppato con rispetto e amore, tonnellate di amore. Questo titolo ha un fascino tutto suo, anche se rende dichiaratamente omaggio a quella generazione di titoli che hanno rivoluzionato il genere alla fine degli anni '90.

Pillars of Eternity è un omaggio, nel senso che cerca di "imitare" (a volte abbastanza palesemente) tali titoli sfruttando la loro tipica prospettiva isometrica, i ritratti dei personaggi, il sistema dei party, opzioni di dialogo e un sistema di combattimento "in tempo reale con pausa". Anche il puntatore del mouse è identico a quello di Infinity Engine. Tuttavia, il titolo non si limita ad essere un'accozzaglia di citazioni e strizzatine d'occhio ad un passato glorioso: anzi, al suo interno troviamo elementi unici e innovativi.

Naturalmente, quindici anni è un arco temporale molto lungo quando si parla di tecnologie. Ma questo titolo non sembra curarsi eccessivamente di risoluzioni elevate e di fps, quando si ha a disposizione un team artistico di talento. E il settore artistico di Pillars of Eternity è assolutamente sbalorditivo.

Le immagini non sono realistiche. Non troverete il vento spazzare via una nuvola di polvere, né fiamme che prendono vita fluttuanti intorno a voi. Non troverete effetti di luce in tempo reale o personaggi con baffi in 4K. Ma il gioco riesce comunque a immergere il giocatore in un convincente mondo fantasy. Fin dal primo istante, si ha la sensazione di essere all'interno di un racconto di finzione, e si iniziano a scoprire gli elementi unici del mondo creato da Obsidian. Iniziano a prendere vita alcune semplici tecniche di animazione, così come le dinamiche in un'immagine statica che simulano le increspature dell'acqua o che introducono un gruppo di animali nei dintorni e alcuni effetti meteorologici di base.

Pillars of EternityPillars of Eternity

Il gioco ha anche un approccio diverso nel raccontare la sua storia. Ad esempio, all'inizio dell'avventura si arriva a una città in cui troviamo una dozzina di corpi appesi ad un enorme albero. L'immagine è davvero agghiacciante, ma il gioco non sembra crogiolarsi nella crudezza delle immagini della sequenza. Anzi, utilizza il dialogo, la musica e le animazioni dei corpi appesi per creare un'atmosfera unica.

Questo è anche un ottimo modo per suscitare la curiosità del giocatore, perché lo spinge a voler scoprire immediatamente cosa sta succedendo in città. Naturalmente, il modo principale per interagire con i personaggi di Pillars of Eternity è tramite i dialoghi (no, in realtà, ci sono centinaia di conversazioni). E le scelte relative ai dialoghi dipendono dalle abilità che il giocatore ha deciso di aggiornare.

Se siete abbastanza intelligenti, le conversazioni vi apriranno ad una varietà di opzioni audaci; se siete intuitivi, riuscete ad indovinare cosa sta accadendo e stabilire connessioni, e se siete un esperto di lore, potreste riuscire ad avere qualche elemento in più che vi aiuti nella comprensione del mondo. Queste estese opzioni di dialogo a volte sono legate alle competenze e alle abilità che avete aggiornato, a dialoghi precedenti o addirittura alla razza scelta, ma anche al lavoro e alla provenienza scelti per il vostro personaggio.

Il modo in cui evolvete il vostro personaggio influenza anche altri aspetti, come ad esempio il modo di risolvere alcuni enigmi o affrontare alcune situazioni nel corso della vostra avventura. Altre abilità, come quelle atletiche o di sopravvivenza, potrebbero svolgere anch'esse un ruolo fondamentale in questo settore, così come alcuni oggetti del vostro inventario.

A volte, appaiono sullo schermo rotoli di pergamena che contengono del testo e semplici illustrazioni per spiegare alcuni momenti importanti della nostra avventura. Questi eventi narrativi sono brillanti perché permettono al giocatore di esplorare la storia in un modo più coinvolgente. A volte capita di dover risolvere un puzzle toccando una serie di campane o semplicemente raggiungendo una sporgenza con attrezzi da arrampicata. Questi eventi sono dinamici e di grande effetto: permettono al ritmo del gioco di restare sempre fresco, e senza "cozzare" con il resto del gioco.

Le battaglie e l'evoluzione del personaggio ci hanno ricordato molto quanto visto in Dungeons and Dragons. In molti aspetti, Pillars of Eternity ci ha ricordato le regole presenti nel quarto gioco di ruolo, come i poteri giornalieri, il sistema di dote e anche i lavori tra cui possiamo scegliere, ma per fortuna, queste sono le uniche somiglianze riscontrate. (Beh, in realtà, ci sono anche gli incantesimi che risultano simili a quelli di D&D. In realtà, si potrebbero facilmente confondere alcuni di questi con quelli di Players Handbook.)

Potete lanciare incantesimi sulle vostre armi, armature e scudi, cucinare, scrivere pergamene e fare pozioni utilizzando soldi e ingredienti che potete ottenere uccidendo i nemici o esplorando il mondo di gioco. Ad un certo punto, potete anche stabilire una vostra roccaforte, e potete passare dallo status di eroe a quello di feudatario.

Pillars of EternityPillars of Eternity

Alcune meccaniche appaiono un po' strane. Ad esempio, una volta che avete imparato tutto di un nemico (e quindi riempito la sua pagina sul vostro bestiario), non guadagnerete più XP sconfiggendolo, ma completando missioni, trovando trappole, aprendo serrature e scoprendo nuovi luoghi.

Per questo motivo, non avrete libertà totale su tutte le azioni: dovrete essere di un certo livello. A questo proposito, Pillars of Eternity è più impegnativo rispetto ad altri giochi. Il modo in cui è possibile mettere su il proprio party è tanto strano quanto interessante. Fondamentalmente avrete la possibilità di viaggiare insieme ad alcuni personaggi davvero forti, molto ben predisposti al dialogo e ben definiti, oppure semplicemente riempire i vostri slot liberi con alcuni avventurieri assunti in una locanda locale.

La cosa migliore di Pillars of Eternity è che è arrivato proprio al momento giusto. Sentivamo la mancanza di questo tipo di giochi e titoli usciti nel corso degli ultimi mesi - come Wasteland 2 o Divinity: Original Sin - sono stati dei veri e propri antipasti per chi ha davvero voglia di tornare a giocare agli RPG vecchia scuola.

L'unica cosa negativa di questo titolo è il fatto che non rischia troppo e anche gli omaggi, per quanto funzionali, lo rendono troppo simili ai giochi che girano su Infinity Engine. A parte ciò, Pillars of Eternity si rivela un ottimo gioco di ruolo, con una storia emozionante e certamente ci fa ricredere in una rinascita del genere RPG per PC.

Pillars of EternityPillars of Eternity
Pillars of Eternity
Pillars of Eternity
Pillars of Eternity
Pillars of Eternity
Pillars of Eternity
Pillars of Eternity
08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
Un gioco solido, che permette di giocare come volete. Offre innumerevoli alternative a situazioni diverse. E' un gioco bello, lungo e completo. Il mondo e la storia sono accattivanti.
-
Ha ancora alcuni difetti minori, soprattutto nelle finestre di dialogo. E' un gioco molto conservatore, che non si prende dei rischi. L'omaggio a titoli Bioware e Black Isle è fin troppo evidente e rischia di farperdere la propria personalità.
Annuncio pubblicitario: