Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
FacebookFacebook
recensione

Mortal Kombat X

Il futuro del genere picchiaduro è qui.

Dopo aver giocato nei mesi scorsi con build precedenti, avevamo già avuto il sospetto che Mortal Kombat X potesse rivelarsi qualcosa di molto speciale, e la versione finale del nuovo titolo del celebre franchise picchiaduro ne ha dato conferma. Sembra che il cambio di team (ora ribattezzato NetherRealm Studios), da Midway a Warner Bros., sia stata la decisione più giusta da prendere e da allora abbiamo assistito ad un'evidente evoluzione nei loro titoli: basti pensare a Mortal Kombat 9, Injustice: Gods Among Us e ora Mortal Kombat X, che sono proprio i titoli pubblicati dopo questo necessario cambio di rotta.

E' indubbio che la serie avesse bisogno di una scossa, e il remake del 2011 ha rappresentato tutto quello che i fan si sarebbero aspettati dal franchise. Il gameplay è tornato ad essere in 2D con grafica 3D, il sistema di combattimento è stato semplificato, ma al tempo stesso bilanciato, e la ricca modalità storia - piena zeppa di cutscene spettacolari - ha segnato il debutto di qualcosa che non era mai stato fatto prima in un gioco di combattimento. Mortal Kombat X prende le basi su cui si fonda quel remake del 2011, migliorandone il concept generale.

Annuncio pubblicitario:

La modalità storia segue le vicende a diversi anni di distanza dagli eventi di Mortal Kombat, e tutto si basa (come sempre) sul conflitto tra Earthrealm e Outworld, ma l'attenzione, questa volta, è rivolta nei confronti di una nuova generazione di combattenti. Cassie Cage è la figlia di Sonya Blade e Johnny Cage, Jacqueline Briggs è la figlia di Jax, Takashi Takeda è il figlio di Kenshi e così via. La storia è abbastanza lunga per trattarsi di un gioco di combattimento, ed è raccontata grazie a cutscene fantastiche, come sempre esagerate e con quello spirito e quel tipico humour nero per cui la serie è ben nota.

Questi filmati si alternano ai momenti di gioco veri e propri, in cui i combattimenti rappresentano, come di consueto, i momenti più alti, anche se non mancano sequenze con QTE. Nella modalità storia non è possibile scegliere un personaggio, ma uno predefinito (nel primo capitolo saremo Johnny Cage, nel secondo Khan Kotal, e così via). Questo può in qualche modo ostacolare le proprie performance in combattimento, in quanto ci troveremo a giocare anche con personaggi con cui non abbiamo particolare familiarità, ma tuttavia la modalità storia va vista come una valida opportunità per migliorare le proprie e competenze e conoscenze con il restante roster.

Annuncio pubblicitario:

La campagna di Mortal Kombat X vi impegna per diverse ore, e anche se rappresenta l'attrazione principale, in realtà questa è solo la punta dell'iceberg per ciò che riguarda la quantità di contenuti messa a disposizione dei giocatori, che di solito si dividono tra lupi solitari e chi, invece, ama competere con altri avversari. Prima di lanciarvi nei combattimenti con altri, vi consigliamo caldamente di provare la modalità di allenamento. Il gioco già permette di apprendere i movimenti di base e quelli più avanzati del sistema di combattimento, anche se crediamo che il tutorial possa essere più efficace in tal senso. Anche qui è ancora possibile allenarsi in un determinato stage, con diverse opzioni che saranno familiari ai fan dei picchiaduro. In questa modalità, è anche possibile definire i molteplici comportamenti dell'avversario e osservare dettagli che solitamente sono percepibili solo da giocatori professionisti, come ad esempio il numero di fotogrammi nell'animazione, i danni che provocano, il tempo di recovery e altre informazioni simili.

Si tratta di un buon sistema di allenamento, anche piuttosto importante, ma che senza dubbio si rivolge principalmente ai veterani di Mortal Kombat piuttosto che ai principianti. Supponiamo che, se vi state approcciando per la prima volta al gioco o tornate a giocare alla serie dopo tanto tempo, vi convenga allenarvi duramente, perché ci sarà qualcuno più forte di voi che vi farà mangiare la polvere, se ben allenato. Ci vuole solo tempo e pazienza, prima o poi sarete voi ad avere il coltello dalla parte del manico.

Chi ama giocare in solitaria ha più opzioni a sua disposizione, come nel caso delle Torri. Questa modalità segue un format più vicino alla modalità arcade più tradizionale, in cui occorre annientare più amici di fila con un solo combattente, scelto questa volta da voi. Ci sono anche le versioni online e le sfide speciali delle Torri, come Test Your Luck e Test Your Might. Nella prima, ci troviamo ad affrontare più nemici con elementi casuali - nessun blocco, arene rimpicciolite, scenari bilanciati, e altre scelte bizzarre che cambiano completamente il gameplay. Test Your Might è una sfida mitica in cui è necessario rompere oggetti multipli con un singolo colpo.

C'è un'altra opzione per il giocatore singolo, ossia la Cripta. Si tratta di una modalità che ha fatto la sua comparsa sin dagli ultimi giochi della serie, ed è letteralmente amata dai fan, di solito pieni di tanti elementi sbloccabili, che vanno da nuovi art, abbigliamento e fatality. In Mortal Kombat X, la Cripta assomiglia ad uno di quei vecchi giochi di avventura, in cui si attraversano cimiteri e caverne alla ricerca di oggetti da sbloccare. Ci sono anche tesori e creature da affrontare (ma qui basterà semplicemente premere un pulsante per ucciderle). Per sbloccare i contenuti nella Cripta, è necessario spendere monete d'oro, che si vincono in quasi tutte le modalità di gioco. In alternativa è possibile utilizzare l'applicazione mobile o utilizzare soldi veri nei negozi digitali.

C'è un altro elemento che, anche se online, non comporta l'interazione con gli altri giocatori, che è il nuovo sistema di fazioni da guerra. Una volta che si inizia a giocare, il gioco vi presenterà varie fazioni e vi chiederà di sceglierne una. Dopodiché, quasi ogni azione che farete nel gioco contribuirà a offrire bonus o vantaggi alla vostra fazione, anche se ci sono sfide specifiche. Se la vostra fazione risulterà vincitrice in determinati periodi, tutti i membri saranno premiati con item esclusivi, incluse le fatality, per esempio.

E poi c'è la modalità online.

Se siete un fan del genere picchiaduro, questa modalità sarà forse quella più interessante per voi. Nella modalità online di Mortal Kombat X, troverete diverse opzioni, come partite amichevoli, partite ranked, e anche un'opzione King of the Hill, in cui si devono affrontare più avversari consecutivamente. Potrete anche salire di livello e sbloccare le opzioni per modificare il vostro profilo, tra cui banner e simili. Se volete rendere le cose più interessanti, potete provare anche le versioni online di Test Your Luck e delle Torri. E, naturalmente, potete anche giocare con gli amici in multiplayer locale.

Non abbiamo mai riscontrato problemi di latenza durante i combattimenti online, ma a volte abbiamo dovuto aspettare alcuni secondi prima di riuscire a trovare un avversario, e il menu ci è apparso un po' lento in questa modalità. Eppure, Mortal Kombat X soddisfa quasi tutti i requisiti in questa modalità online. Il matchmaking inoltre ci ha messo di fronte ad avversari di livelli decisamente più alti rispetto al nostro, ma supponiamo che questo sia qualcosa che diventerà più equilibrato nel corso del tempo.

Fin qui è tutto molto figo, e Mortal Kombat X ha contenuti di grandissima qualità, ma questo avrebbe rappresentato un dettaglio irrilevante se il gameplay - vero fulcro del gioco - non fosse stato all'altezza. Fortunatamente, Mortal Kombat X riesce a soddisfare anche questo requisito essenziale in modo eccezionale. Il gameplay si dimostra molto fedele al DNA della serie, optando per un sistema che è più difficile e più incisivo rispetto a quanto solitamente troviamo nei giochi di combattimento giapponesi. Se si arriva da Street Fighter, Tekken o Dead or Alive, allora sarà necessario un breve periodo di adattamento prima di riuscire ad adeguarsi al ritmo di Mortal Kombat. Netherrealm predilige una maggiore fluidità nei movimenti piuttosto che utilizzare animazioni che hanno maggior peso e impatto. In Mortal Kombat X, sentirete ogni pugno e calcio dato o ricevuto dai personaggi.

Ci sono varie combo, mosse speciali e fatality da imparare, con a disposizione un cast di 24 personaggi (sarà possibile inoltre acquistarne altri in DLC). La grande novità è l'aggiunta degli stili di combattimento, tre per combattente. Ogni personaggio ha mosse di base e speciali, ma gli stili consentono al combattente scelto di specializzarsi in diversi settori. Prendiamo ad esempio Sub-Zero: è possibile scegliere la versione Grandmaster, che permette di invocare un clone di ghiaccio e lanciarlo; oppure Cryomancer, che ha il potere di creare armi di ghiaccio, e Unbreakable, che conferisce un'aura di protezione e una barriera di ghiaccio al personaggio. Ciò significa che è possibile scegliere uno stile di attacco, uno stile difensivo, o una via di mezzo. Una mossa eccellente per Mortal Kombat, a nostro parere.

Tornano in Mortal Kombat X le brutality, che possono essere attivate se si soddisfano determinati criteri durante il combattimento (utilizzando un particolare colpo più volte e concludere il combattimento con esso, ad esempio). Non sono così interessanti come le fatality, ma sono un modo in più per umiliare l'avversario. Tornano anche gli attacchi a raggi X, devastanti colpi che è possibile utilizzare quando ci sono tre bar di energia a disposizione (che consentono anche di avviare versioni più potenti delle mosse speciali di attacco e contro-attacco). Questi attacchi a raggi X sono deliziosi dal punto di vista visivo, anche piuttosto brutali, ma durante i combattimenti online, risultano un po' ingiusti, data la quantità assurda di danni che provocano. Queste sequenze durano anche per alcuni secondi, e può diventare frustrante dover restare lì a guardarle, senza alcuna possibilità di reagire. Naturalmente tutto cambia se siete voi ad infliggerli...

Vale anche la pena elogiare la qualità grafica del gioco (abbiamo giocato alla versione PS4). I modelli sono per lo più molto dettagliati, ma il pezzo forte sono le arene, davvero fenomenali. E non si limitano ad essere belle, ma anche interattive: è possibile saltare sopra le automobili, schiacciare la testa dell'avversario contro una statua o anche lanciare una povera vecchia che sta assistendo al combattimento.

Mortal Kombat X è un gioco di combattimento superbo. Il sistema di combattimento è eccezionale, molto fedele alla tradizione del franchise, il cast è immenso e variegato, ed è ricco di contenuti che non finiscono mai. Sia per giocatore singolo sia per coloro che amano sfidare altri giocatori, troverete molte cose da fare in Mortal Kombat X. Si tratta di un nuovo passo avanti nel genere picchiaduro, che guarda avanti senza dimenticare le sue radici.

Mortal Kombat XMortal Kombat XMortal Kombat X
Mortal Kombat XMortal Kombat XMortal Kombat X
Mortal Kombat XMortal Kombat XMortal Kombat X
09 Gamereactor Italia
9 / 10
+
Modalità storia fantastica; Introduzione allo stile di combattimento è eccellente; Tanto contenuti; Modalità online interessante e ben funzionante; Ottimo graficamente.
-
Alcune operazioni online appaiono un po' lente; Attacchi a raggi X frustranti.
Annuncio pubblicitario: