Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands
Gamereactor
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
recensioni
The Witcher 3: Wild Hunt

The Witcher 3: Wild Hunt

L'ultimo capitolo con protagonista Geralt di Rivia si rivela uno dei titoli "must-have" per l'attuale generazione di console. Ecco perché.

Ricchezza: è la prima e forse unica parola che viene in mente quando si gioca a The Witcher 3: Wild Hunt. L'opulenza della grafica open-world - che trasuda diversità in ogni quest, svago e passatempo a nostra disposizione - dialoghi coinvolgenti, un lavoro sul doppiaggio eccezionale, una mitologia ben dettagliata, un eccellente character design e combattimenti divertenti. In altre parole, questo action-RPG si fa beffa della superficialità insita nelle missioni e nella storia presenti in titoli sandbox minori, anche se va detto che non tutto nel gioco è perfetto quanto una "O" di Giotto...

Vestiamo i panni di Geralt di Rivia, un cacciatore mutante che lavora su commissione e che sta battendo il mondo di gioco per una quest molto personale, una di quelle che permette di intrecciare la nostra storia e il nostro destino con quelli di tanti altri personaggi che incroceremo lungo il nostro cammino. Da questo arco narrativo principale si dipanano molteplici storie e quest, di cui alcune importanti, altre minori, ma tutte comunque interessanti. Difficilmente vi troverete ad affrontare missioni in cui vi si chiede "Vai a prendere questo, Uccidi X di questi", un genere di missioni che affliggono altri titoli RPG. Quello insito in The Witcher 3 è il nuovo standard di riferimento per il genere.

Ognuna di queste missioni offre la possibilità di guadagnare XP, ottenere oggetti ed equipaggiamenti, ma anche uccidere mostri. Il combattimento in tempo reale è fondamentale per sopravvivere alla natura selvaggia che ci circonda - ma anche alla vita di città, alle volte - in Witcher 3. Abbiamo a disposizione due spade: una per affrontare gli esseri umani, l'altra i mostri, che Geralt sguaina automaticamente sulla base dello scontro che si trova ad affrontare. È possibile eseguire attacchi forti e veloci, bloccare, effettuare parate. Abbiamo a disposizione cinque incantesimi - qui chiamati Signs - che possono essere rapidamente selezionabili schiacciando semplicemente i pulsanti frontali, un elemento che offre un mix di abilità offensive e passive. Se ne lanci uno, questo prosciugherà la barra degli incantesimi, e avremo bisogno che si ricarichi prima di poterne utilizzare uno nuovo. Oltre a questo, poco più avanti nel gioco si avrà la possibilità di ottenere una balestra per gli attacchi a lunga distanza.

Di primo acchito, le opzioni a disposizione in The Witcher 3 sembrano davvero limitate, ma - come vedremo - per ogni cosa in Wild Hunt, è tutta questione di sfumature. E di conoscenza. Ad esempio, usare la spada a cavallo può darci la possibilità di decapitare un avversario, ma l'operazione richiede più tempo e una maggiore coordinazione rispetto a quando siamo a piedi, così come una diversa velocità e una diversa angolazione per riuscire ad effettuare un attacco di successo.

The Witcher 3: Wild Hunt

Troveremo tantissime creature e tantissimi personaggi da affrontare e ciascuno richiede un approccio diverso per sconfiggerlo, e ognuno è suscettibile ad un particolare Sign. Se ci troviamo ad affrontare una mostruosa creatura gigantesca, per il combattimento ravvicinato è largamente consigliato usare un'armatura potente. Le tattiche per affrontare un gruppo di banditi saranno completamente diverse da quelle che adopereremo per sedare un branco di lupi inferociti. E' fondamentale capire quando è il momento di schivare e quando semplicemente basta rotolare. Il combattimento di base è sempre stimolante, teso, emozionante.

Poi, beh, l'importante è aguzzare l'ingegno e trovare una soluzione al volo. E' chiaro che gli animali con pelliccia reagiscono maggiormente ad un incantesimo di fuoco, ma cosa succede quando si viene attaccati mentre si è a piedi da un bandito a cavallo, e bisogna capire al volo che il modo migliore per affrontarlo è gettargli un rapido incantesimo, che vi permetta di ottenere il controllo mentale del suo destriero, il quale lo scaraventerà giù dalla sella e lo renderà vittima della vostra spada?

La diversità delle situazioni fanno coppia con un altro aspetto: i nemici non sono del vostro stesso livello. Se è vero che quando vi imbattete in una quest, ancor prima di iniziare, vi viene suggerito un livello di XP consigliato, non verrete assolutamente avvisati dei pericoli che popolano la campagna. Abbiamo incontrato un grifone mentre passeggiavamo in montagna, che ci ha ucciso con un solo colpo. Abbiamo impiegato dieci minuti ad uccidere un gigantesco Demonio al termine di una missione della quest principale e ci siamo sentiti dei fenomeni, per poi essere messi a tappeto durante una rissa con due saccheggiatori neanche mezz'ora più tardi. Se rimanete bloccati nel bel mezzo di un gruppo di appostati, la vostra barra della salute verrà fatta fuori in pochi secondi. Il gioco vi tiene costantemente sulle spine.

The Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild Hunt

C'è un elemento importante con cui bisogna purtroppo fare i conti che, seppur teoricamente sia una delle risorse migliori del gioco, si trova bloccato da un sistema di menu piuttosto complesso e un tutorial abbastanza discutibile. Concettualmente, l'allenamento è una parte importante per sopravvivere in The Witcher. E' molto importante prepararsi alle battaglie studiando menu che suggeriscono a quali pozioni e oli i nostri obiettivi sono deboli. Idealmente ci si trova completamente sopraffatti dal lore del mondo, ma in realtà equipaggiarsi adeguatamente si rivela il modo più veloce per concludere i combattimenti.

Pozioni, oli e aggiornamenti devono essere preparati prima. Come nella maggior parte dei giochi di ruolo, i materiali che utilizziamo per le nostre creazioni provengono da casse e scrigni nascosti in tutto il mondo, o raccogliendo erbe in giro per le campagne. Grazie alla ricchezza di diversivi che il mondo di gioco offre, cercare, ad esempio, gli ingredienti per un veleno, vi potrebbe condurre ad una serie di divertenti sotto-missioni. Tuffarsi nei laghi per raccogliere erbacce subacquee, saccheggiare rovine sotterranee per cercare determinati ingredienti, tenere d'occhio un altro mostro da uccidere per ottenere mutageni: insomma, in The Witcher 3 non ci si annoia mai.

The Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild Hunt
The Witcher 3: Wild HuntThe Witcher 3: Wild Hunt