Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
recensione

Strafe

Un festival della nostalgia con tanta violenza, ma anche tanti problemi.

  • Testo: Sam Bishop

Strafe di Pixel Titans aveva avuto occasione di catturare la nostra attenzione per una serie di ragioni, ma soprattutto perché è una riproduzione ironica di classici sparatutto come Quake, se non senza mancare di un certo fascino, e tra questi elementi spicca senza dubbio la sua meccanica roguelike per non parlare degli ettolitri di sangue che sgorgano dalle ferite dei tanti nemici che ci troveremo ad uccidere. Come ha affermato Pixel Titans, il gioco è destinato ad essere un sparatutto rapido e ricco di azione, ma all'atto pratico non è sempre così.

La storia del gioco è ridotta ai minimi termini e praticamente irrilevante, ma state partecipando ad una missione per trovare dei rottami e vi addentrate verso i confini della galassia per trovarli, o più specificamente, a bordo della nave spaziale Icarus. A bordo dell'Icarus, vi imbatterete in un quantitativo esorbitante di mostri omicidi e di robot, e il vostro compito sarà dunque quello di sopravvivere e per trovare i rottami.

Annuncio pubblicitario:

I livelli vengono generati in modo procedurale, quindi non ci saranno mai due run uguali, e la varietà è impressionante. A volte potreste ritrovarvi in una stanza piena di roba viscida e tossica di colore verde e altre volte vi potreste trovare in un corridoio molto più stretto in cui dovrete combattere con tutte le vostre forze per riuscire a sopravvivere. Lo stile visivo non è comunque altrettanto vario, e sebbene ci siano diversi livelli da vedere, questi sono per lo più caratterizzati da colori scuri e opachi. Oltre a questo, le porte e gli ascensori si fondono spesso con le pareti, il che significa che a volte ci si può disorientare mentre si attraversa l'Icarus.

Quello che impedisce al gioco di essere sia un gioco action sia un gioco a scorrimento libero così come gli sviluppatori avrebbero voluto è la distribuzione dei banchi da lavoro e il loro costo. Questi banchi da lavoro consentono di scambiare rottami al posto di armature e munizioni, ma sono un po' troppo rari, il che significa che spesso bisogna tornare indietro a quelli che avete già trovato, invece di muovervi verso quelli nuovi. Il problema più importante, però, è che il costo degli item è molto alto e si ottiene così poco che non potete permettervi di andare in giro e sprecare munizioni perché non potete acquistare abbastanza risorse da compensare le vostre perdite.

StrafeStrafeStrafe

Le sorprese che il gioco vi riserva lungo il vostro cammino lo rende ancora più difficoltoso, in quanto a volte capita che si sale a bordo di un ascensore e si viene assaliti da un'orda di nemici senza andare da nessuna parte, perdendo molta salute durante questa fase. Lo stesso si può dire quando vi trovate dietro un angolo all'entrata del livello, lasciandovi senza alcuna via di scampo per correre via.

Le armi che usate per catturare questi nemici sono estremamente variegate e possono anche essere aggiornate. Iniziate scegliendo una delle tre armi base (Cannone a rotaia, Fucile a canna liscia e SMG), che possono essere aggiornate grazie a delle apposite stazioni di aggiornamento che potete trovare disseminate nei livelli. Potrete poi trovare altre armi in-game che potete raccogliere e usare, anche se con munizioni limitate, e potete anche sconfiggere i nemici usandole, una volta che avete esaurito le pallottole. Questo aspetto rende Strafe sempre fresco e interessante, soprattutto perché ogni arma ha i suoi vantaggi e svantaggi. Il fucile a canna liscia, per esempio, è inutile se non quando viene usato da vicino, mentre il cannone a rotaia non ha abbastanza cadenza di fuoco se i nemici si abbatteranno su di voi in corridoi stretti. Anche se avremmo preferito che le armi risultassero più potenti quando le utilizzate, in generale le armi sono divertenti da usare, e c'è qualcosa un po' per tutti.

Ci sono anche diversi esplosivi nel gioco, tra cui barili da lanciare o a cui sparare e granate, ma riteniamo che questi non siano soddisfacenti. Le esplosioni non ci sembravano particolarmente massicce, e talvolta i nemici erano accanto a loro e sono comunque sopravvissuti. Certo, se colpisci un nemico direttamente esplodono in una pioggia di sangue, ma sembra che nella maggior parte dei casi non sortisca alcun effetto, un aspetto che ci ha un po' infastidito in un gioco difficile come Strafe, dato che avremmo potuto usare un un'esplosione massiccia o due per fare fuori completamente alcune aree.

Strafe

Questa difficoltà viene amplificata ulteriormente dal level design, un aspetto che ci ha sorpreso parecchio, poiché questi livelli sono spesso così labirintici che non solo è facile perdersi al loro interno, ma è anche facile che arrivino nemici che non sapevate ci fossero in altri corridoi, sul soffitto o, ancora peggio, nelle stanze nascoste. Questo rende molto difficile cercare di eliminare i nemici che vengono verso di te, e occorre essere sempre all'erta, anche se bisogna dire che questi spazi aperti rendono molto più facile scappare. Anche se questa parte di Strafe ci è piaciuta molto, comunque ha rallentato la velocità del gioco.

Dal punto di vista delle prestazioni, Strafe ne risente molto e ci siamo imbattuti in problemi di clipping con mostri che attraversavano le pareti più volte, ma l'aspetto di gran lunga peggiore sono stati i cali di framerate. Sono sporadici, anche se si verificano spesso quando si sta uscendo da un livello per entrare nella schermata delle statistiche, con cali davvero drammatici che a volta ci hanno fatto pensare che il gioco avesse crashato.

Per quanto il gioco voglia essere difficile - ma vista la sua natura rouge-like, un po' ce lo aspettavamo - siamo convinti che a volte fosse eccessivamente e volutamente difficile, rifiutandoci rifornimenti a meno che non avessimo scavato a fondo nelle mappe per trovare i banchi da lavoro e poi pagato una quantità di rottami al limite dello strozzinaggio, rallentando drammaticamente il ritmo del gioco. Detto questo, è molto divertente quando si spara e si combatte contro i nemici, e gli appassionati di Quake senza dubbio si divertiranno con questo titolo. Avremmo solo preferito che non fosse offuscato da cose importanti come i drastici cali di framerate, i suoi colori un po' noiosi e alcune tattiche discutibili.

Strafe
Strafe
Strafe
Strafe
06 Gamereactor Italia
6 / 10
+
Armi e livelli variegati; Gli effetti del sangue sono molto divertenti; Level design intricato; Facile da gestire.
-
Violenti cali di framerate; Le esplosioni non danno soddisfazione; Colori noiosi; Banchi da lavoro rari e troppo costosi.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi
Annuncio pubblicitario: