Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands
Gamereactor
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
recensioni
Fire Emblem Echoes: Shadows of Valentia

Fire Emblem Echoes: Shadows of Valentia

Il terzo gioco della serie Fire Emble per 3DS dà una mano di vernice al classico del 1992. Ma riesce a funzionare a distanza di tanti anni?

Gli appassionati di Fire Emblem hanno molto da festeggiare negli ultimi tempi. L'anno scorso è stato pubblicato un gioco di Fire Emblem che consisteva essenzialmente in tre giochi in uno e quest'anno hanno messo anche le mani su un gioco mobile, un clone di Dynasty Warriors e una riedizione di uno dei giochi più vecchi del franchise. La domanda a proposito dell'ultimo gioco, ora disponibile su Nintendo 3DS sotto il nome di Fire Emblem Echoes: Shadows of Valentia, è se l'anime fantasy dei primi anni '90 abbia ancora un valore in termini di intrattenimento.

Fire Emblem Echoes: Shadows of Valentia è un completo remake di Fire Emblem Gaiden del 1992, il secondo gioco della serie. Come altri giochi di Fire Emblem dell'epoca, Fire Emblem Gaiden è stato pubblicato solo in Giappone, e come molti altri famosi sequel per Famicom/NES, come Zelda II e Castlevania II, il gioco ha dovuto compiere qualche passo poco ortodosso per trovare sé stesso. Con la nuova versione 3DS, infine, il gioco si aggiorna e diventa una versione internazionale, permettendo a 3DS di diventare la prima piattaforma dai tempi di Gameboy Advance ad avere tre giochi Fire Emblem.

Se non avete mai giocato a Fire Emblem, non c'è nulla in Fire Emblem Echoes che possa impedirvi di avvicinarvi al franchise. Questa è una serie tattica RPG in cui si spostano truppe su una griglia, durante i quali i vostri soldati guadagnano punti esperienza, aumentano di livello e possono essere aggiornati con classi più avanzate. Ogni soldato ha i suoi punti di forza, le sue debolezze e una personalità unica, il che significa che si potrebbe soffrire un po' quando li perdiamo per sempre sul campo di battaglia nella classica modalità di Fire Emblem. Se questo vi sembra troppo difficile o severo per voi, Echoes presenta una modalità casual che non solo vi permette di avere il vostro soldato per il resto della battaglia, ma vi permette di vincere una battaglia di Fire Emblem senza perdere un singolo soldato.

Fire Emblem Echoes: Shadows of ValentiaFire Emblem Echoes: Shadows of Valentia

Se questo è il vostro primo gioco della serie, vi consigliamo di trascorrere un po' di tempo ad imparare le meccaniche di base nella sezione consigli e suggerimenti, in quanto vi sono pochissimi tutorial nel gioco o niente. Anche se da un lato è un po' scoraggiante, il lato positivo è che venite subito buttati nell'azione.

Un rischio imminente di quando si pubblicano diversi giochi di un franchise sulla stessa piattaforma è che la formula possa diventare stantia o che i giochi possano risultare troppo simili tra loro e, considerando questo aspetto, la scelta di rimodellare il vecchio Fire Emblem Gaiden può essere vista come una strategia. Il gioco è diverso rispetto alla maggior parte degli altri giochi della serie, e anche se molte delle meccaniche del gioco sono diventate successivamente un marchio di fabbrica della serie, c'è ancora una certa unicità in Echoes da distinguerlo rispetto a Awakening e Fates.

Purtroppo, molti dei nuovi elementi introdotti in Awakening e Fates non sono presenti in Fire Emblem Echoes. Intelligent Systems sembrano aver mantenuto questo remake fedele alle sue meccaniche originali, e ciò significa che le nuove funzionalità strategiche, come ad esempio piazzare due unità nella stessa posizione sul campo di battaglia o avere due soldati uno accanto all'altro in modo da potersi sostenere a vicenda durante il combattimento, non sono presenti in Echoes. Se vi siete abituati a queste, non vi resta che riabituarvi ad uno stile un po' più arcaico. Oltre a questo, anche una meccanica semplice, come l'abilità del pilota di raccogliere e trasportare altre unità, non c'è più, e anche se Fire Emblem Echoes vanta una certa profondità tattica, la mancanza di tali caratteristiche sembra far fare alla serie un passo indietro, specialmente dopo due brillanti predecessori sulla stessa piattaforma.

Fire Emblem Echoes: Shadows of ValentiaFire Emblem Echoes: Shadows of Valentia

Altre meccaniche classiche di Fire Emblem sono state rimosse o ridotte, ma il più controverso è il sistema triangolare dell'arma, che qui è stato completamente rimosso. Per fare un breve riassunto, la maggior parte dei giochi di Fire Emblem presentava un sistema in cui un tipo di arma batte un'altra in un modello sasso-carta-forbici, ma Fire Emblem Echoes dice addio a questa configurazione, il che significa anche la serie perde anche molta profondità tattica. Un'altra caratteristica che ha fatto fare di molto un passo indietro sono le relazioni tra i personaggi tra un combattimento e l'altro. Certo, alcuni hanno trovato questa caratteristica troppo simile ad un sim waifu nei due precedenti giochi, ma personalmente abbiamo trovato l'attenzione a questo elemento della serie molto divertente. Fire Emblem Echoes non rimuove completamente questa funzionalità, ma l'aspetto è stato drasticamente ridotto.

Fire Emblem Echoes: Shadows of ValentiaFire Emblem Echoes: Shadows of Valentia
Fire Emblem Echoes: Shadows of ValentiaFire Emblem Echoes: Shadows of Valentia