Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
FacebookFacebook
RECENSIONE

PERSONA 4: ARENA

Che amiate o meno il franchise di Persona, questo è un ottimo gioco di combattimento da tenere in seria considerazione.

  • Testo: Ramón Méndez

Persona 4: Arena è un ottimo gioco di combattimento e una buona continuazione del franchise Persona. Unisce con successo i personaggi di Persona 3 e Persona 4, al fine di narrare una storia davvero interessante. Il grande sforzo fatto per renderlo eccellente sia come un gioco di combattimento che come titolo di Persona è sicuramente il grande risultato di una produzione che non mostra mai segni di debolezza, e in cui ogni minuto giocato migliora ulteriormente l'esperienza complessiva.

Cominciamo a parlare degli aspetti che lo rendono un gran gioco di combattimento. Persona 4: Arena è un titolo in 2D con sprite in stile anime e sfondi 3D, che a prima vista ci riporta al periodo d'oro del genere negli anni '90, quando Capcom e SNK offrivao il meglio dei loro cataloghi. È il tipo di gioco che favorisce spettacolo e velocità, in cui ogni singola decisione è cruciale in ogni singolo secondo. Arc System Works ha già mostrato di saperlo fare con Guilty Gear e BlazBlue, serie da cui Persona 4: Arena prende molto, e per la loro esperienza accumulata nel corso di più di un decennio passato a creare giochi di combattimento. Lo studio è stato in grado di migliorare il suo stile e per ottimizzare il sistema di combattimento alla perfezione. Accade spesso che un gioco di combattimento basato su un titolo da un genere molto diverso non riesca a fornire una degna esperienza, e questo non è il caso, dato che probabilmente stiamo parlando del miglior gioco di combattimento in 2D degli ultimi anni.

Persona 4: Arena

Il suo successo inizia con una solida premessa: è accessibile a tutti. Inizialmente il sistema di combattimento sembra superficiale: ci sono attacchi normali e attacchi forti, sia per i personaggi che per la loro persona (le entità invocate per combattere in vece del giocatore). Salti, schivate e un paio di abilità speciali. In realtà, è facile fare affidamento sugli attacchi di baseche finiscono per sviluppare qualche combo potente e spettacolare, qualcosa che incoraggerà anche i principianti.

Ma i giocatori avanzati non hanno nulla da temere, perché anche se il gioco ha un sistema di controllo accessibile, offre anche grande profondità. L'esecuzione di un grande combo è resa inutile se l'avversario sa usare i contrattacchi, o le abilità più forti. Se i giocatori riescono a fare in modo che l'avversario resti senza Persona, le cose diventano davvero complesse. In altre parole, Persona 4: Arena è facile giocare in un primo momento, ma molto, molto difficile da padroneggiare. Tuttavia il cammino verso la perfezione è così invitante e soddisfacente che vorremo diventare esperti con il nostro personaggio preferito.

Questo perché un altro grande risultato di Persona 4: Arena è dato dal fatto che, pur avendo solo tredici personaggi, nel roster (tratti da Persona 3 a Persona 4, più uno nuovo introdotto appositamente per questo gioco), sono tutti molto diversi tra loro. Mentre i controlli di base sono gli stessi su tutta la linea, come ogni personaggio cambia drammaticamente il gioco. Alcuni sono più veloci, altri hanno un rendimento migliore in aria, ci sono quelli che sono più potenti con il proprio Persona e chi combatte meglio con i pugni... è molto importante per la pratica trovare quello che meglio si adatta al proprio stile di gioco, e migliorare la propria tecnica. A tal fine, il gioco possiede una modalità di allenamento e una modalità Versus (sia locale che online) per le sfide di combattimento e le modalità Arcade e Story, immancabili.

Ed è qui che entra in campo l'altro aspetto importante del gioco: la questione dei fan. Sia la modalità Arcade che la modalità Storia raccontano la stessa avventura dal punto di vista di ogni personaggio. In Arcade c'è la versione corta per coloro che vogliono semplicemente godersi il gioco di lotta, otto attacchi per personaggio, eventi presentati rapidamente (in stile tradizionale), e questo è tutto. Ma nella storia ci addentreremo nel sequel canonico della storia di Persona 4 di, con un sacco di dialoghi, sequenze video, punti di decisione, finali diversi per i personaggi, nuovi capitoli sbloccabili e, in definitiva, un buon numero di ore per immergersi ancora una volta noi stessi nell'universo Persona e divertirsi con i nostri personaggi preferiti.

Persona 4: ArenaPersona 4: Arena

Anzi, se conoscete il franchising abbastanza bene questo gioco diventa ancora più interessante. Anche se può sembrare una banalità, il fatto che alcuni dei più noti brani musicali da Persona 4 siano stati riutilizzati spingerà molti fan dei vecchi giochi a passare diversi minuti a fissare una schermata statica, solo per sentire la musica. La storia ha anche senso e mescola i mondi di Persona 3 e Persona 4, diventando una continuazione degli eventi che meglio spiega il sequel discutibile di Persona 3.

In breve, senza perdersi nel mondo della nostalgia, Persona 4: Arena è un trionfo totale. Come gioco di combattimento è intenso, veloce, frenetico, spettacolare, con un semplice sistema di combattimento ancora molto profondo e, anche se ha solo pochi personaggi, questi sono molto diversi tra loro. Il gioco svolge un compito eccellente nel coniugare due universi (P3 e P4) e ci fornisce una lunga e profonda storia, piena di sorprese e con diversi finali per i personaggi. Anche se va detto che la storia si può solo godere pienamente solo se avete giocato le due puntate precedenti. Ma, se lo avete fatto, aggiungete pure un punticino in più al voto di questa recensione.

08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
Pieno di riferimenti ai giochi precedenti, colonna sonora eccellente, sistema di combattimento semplice ma profondo, tante modalità
-
Per goderselo appieno è meglio aver giocato P3 e P4, altrimenti la storia è di difficile comprensione
BETA +