Italiano
Gamereactor
recensioni film
Aquaman and the Lost Kingdom

Aquaman and the Lost Kingdom

Aquaman si perde in Lost Kingdom, un sequel che in realtà non riesce in nulla se non nell'essere noioso e creare la massima irritazione...

HQ

Arthur Curry, mezzo atlantideo e peloso segugio della birra, non ha vita facile nei panni del legittimo re di Atlantide. Non solo metà di Atlantide è ancora pronta a spazzare via il suo mondo e il vendicativo Black Manta è di nuovo all'opera, ma è anche padre per la prima volta e i pannolini non si cambiano da soli! Soprattutto ora che Amber Heard è stata adeguatamente tagliata in un sequel posticipato che ha superato la sua data di scadenza da quando James Gunn ha preso il timone della DC. In altre parole, il Natale non è esattamente salvato, a meno che tu non stia solo cercando rumore durante le festività natalizie.

Aquaman and the Lost Kingdom è come un mix empio di Thor 2, Transformers 2: La vendetta del caduto e Hellboy: The Golden Army. Non c'è una sola idea originale in questa sceneggiatura stantia, a parte alcune scelte di design creative su alcuni veicoli subacquei. Tutto è già stato fatto, ma questa volta non c'è un filo conduttore poiché l'intero film sembra disarticolato con riprese ripetute e transizioni di scena discutibili.

Il ruolo di Amber Heard, per ovvie ragioni, è stato ridotto considerevolmente, il che contribuisce a diverse sequenze e scene d'azione sconnesse. Si ha la stessa sensazione di sussulto nel primo atto del film, che sembra non decidere mai come iniziare. Inizia forse cinque volte nel disperato tentativo di trovare un filo conduttore, ma il film non inizia fino a molto tardi nell'azione. Sfortunatamente, Patrick Wilson, forse l'unico punto luminoso del film, non riesce a salvare nemmeno questa poltiglia di Atlantide.

Aquaman and the Lost Kingdom
Annuncio pubblicitario:

Succedono molte cose, ma allo stesso tempo non succede nulla dal punto di vista della trama. Aquaman, a sua volta, sembra una copia a buon mercato dell'idiota Thor delle fasi successive della Marvel. Né Jason Momoa né il regista James Wan sembrano sapere come gestire questo re del mare vagabondo ed è un peccato che il talento di Wan sia sprecato in questo genere stanco. A proposito di stanchezza, Aquaman 2 è disponibile anche in proiezioni 3D nel tentativo di imitare il successo subacqueo di Avatar, ma l'esperienza 3D toglie il bordo, poiché gli effetti CGI sono così irregolari e disordinati che è ancora più difficile vedere cosa sta succedendo sullo schermo con gli occhiali 3D.

È una strana posizione in cui si trova Lost Kingsom e si vede in quasi ogni aspetto. L'umorismo non funziona minimamente, c'è a malapena una trama di cui parlare e i personaggi sono piatti come i loro dialoghi senza speranza. Non mi dispiacciono i film a fumetti scadenti, purché si mantenga quel delicato equilibrio tra roba seria da fumetti e roba colorata da supereroi, ma qui è solo infantile. Imbarazzante. Faticoso. Terribile.

Lost Kingdom non è altro che un ultimo disperato respiro della vecchia era deposta del DCEU che nessuno sentirà la mancanza. Né nessuno ricorderà Il Regno Perduto; segue le orme di artisti del calibro di Shazam 2 e The Marvels, direttamente nella tomba dei supereroi.

HQ
Annuncio pubblicitario:
02 Gamereactor Italia
2 / 10
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

0
Aquaman and the Lost Kingdom

Aquaman and the Lost Kingdom

RECENSIONE FILM. Scritto da André Lamartine

Aquaman si perde in Lost Kingdom, un sequel che in realtà non riesce in nulla se non nell'essere noioso e creare la massima irritazione...



Caricamento del prossimo contenuto