Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor Italia
testi gadget

Asus ROG Maximus XI Hero Wi-Fi

Una scheda madre pensata per chi ha significative esigenze di overclock, ma anche per chi vuole entrare in questo mondo dalla porta di servizio.

  • Testo: Lorenzo Mosna

La linea Asus ROG, del celebre marchio taiwanese, ha ormai raggiunto un elevatissimo grado di riconoscibilità nel campo dei prodotti dedicati ai gamer. Così, quando troviamo un prodotto che porta questo nome, è lecito attendersi qualcosa di pensato per chi è davvero esigente. Questo, da un lato, fornisce una sorta di sigillo di garanzia per chi ha necessità di avere a che fare con prodotti adatti al mondo del gaming, dall'altro lato ci pone nella condizione di attenderci davvero il meglio.

Con questa premessa in testa ci siamo approcciati alla scheda madre ROG Maximus XI Hero Wi-Fi, dotata di chipset Z390 per processori Intel Socket 1151 della serie 9000 (ma compatibile anche con tutti i processori della vecchia serie 8000, oltre che con gli economicissimi Pentium G5000 e Celeron G4900, che segnaliamo per completezza ma che, difficilmente, troveranno alloggiamento in una scheda di fascia alta come quella che vi descriviamo in questo articolo).

La scheda ROG Maximus XI Hero non è il top di gamma della sua serie, ma si colloca certamente fra i prodotti di fascia alta, con un prezzo che oscilla tra i 300 e i 350 euro. La versione da noi presa in esame, come detto, è la versione Wi-Fi, che include un array di antenne 2x2 IEEE 802.11 con supporto tecnologia 2.4/5GHz, supporto MU-MIMO e Bluetooth versione 5.0. La presenza di questa doppia antenna Wi-Fi è l'elemento che la differenzia dalla (non di molto) più economica versione priva di questa funzionalità. In entrambe le versioni troviamo infatti un alloggiamento per 4 DIMM DDR4 fino a 4400 MHz in modalità OC, non-ECC, un-buffered e fino a un massimo di 64 GB (4 banchi da 16 GB).

Asus Rog Maximum

Abbiamo poi un doppio slot PCIe 3.0 a 16x (che permette un SLI 8x8x), uno slot 4x e 3 slot 1x. Come connettività abbiamo un connettore per doppia presa USB 3.1 frontale, 4 prese USB 3.1 di seconda generazione, 4 prese USB 3.1 di prima generazione e ben 6 prese USB 2.0, Sul pannello posteriore, tuttavia si trovano 2 prese USB 3.1 di prima generazione, 3 prese USB 3.1 di seconda generazione, una presa USB 3.1 di seconda generazione con attacco tipo C e una sola presa USB 2.0: le restanti prese segnalate sono infatti da collegare tramite schede da alloggiare nel case, vendute separatamente. Infine, da segnalare la presenza di una presa ethernet gigabit LAN con protezione per i sovraccarichi di tensione, una scheda audio ROG SupremeFX S1220 a 8 canali con un eccellente DAC ESS ES9023P e ben otto (!) connettori per le ventole di raffreddamento che fanno da contraltare agli eleganti quattro heatsink di alluminio montati sulla scheda.

L'elenco degli "ingredienti" di questa motherboard è certamente di qualità, ma la vera differenza è data da BIOS, pensato per chi ha significative esigenze di overclock ma anche per chi vuole entrare in questo mondo dalla porta di servizio. Il BIOS, infatti, si avvia di default in modalità EZ (leggasi "easy"), studiata per rendere a portata di mano tutti quei parametri che determinano l'overclock delle componenti hardware del PC. La modalità EZ fornisce un overview delle caratteristiche del sistema (voltaggio, temperatura, ventole e componenti installate) e permette di lasciare che l'overclock sia gestito dall'intelligenza artificiale. Il sistema è veramente molto accessibile e, sebbene il mercato a cui si rivolge questa scheda sia costituito principalmente da gente che sa già il fatto proprio in termini di overclock, è interessante notare come, attraverso l'interfaccia, sia possibile andare ad aumentare le prestazioni del processore semplicemente cambiando una e una sola voce nel menù.

Asus Rog Maximum

Per tutti gli altri, invece, basta premere F7 per ritrovarsi nella modalità avanzata, dove abbiamo a che fare con il consueto e completissimo menù dell'UEFI BIOS, che permette di andare ad effettuare il tweaking del nostro processore e della nostra memoria in ogni singolo parametro. Il menù è molto ordinato, e permette un controllo completo della macchina in ogni sua componente, dalla velocità di base del clock fino alla pressione del proprio sistema di raffreddamento a liquido, qualora lo abbiate. Premendo il tasto F11 si può attivare una sorta di programma che permette di attivare un overclock guidato e controllato in parte dall'intelligenza artificiale: anche in questo caso Asus si è prodigata per rendere le procedure di overclocking più semplici, ma non per questo meno avanzate e complete.

La cosa sorprendente rispetto a tanti altri sistemi di overclock semi-automatico è dato dalla stabilità del sistema raggiunta dal BIOS della Asus ROG Maximus XI Hero Wi-Fi: anche spingendo il processore a livelli molto ottimistici, infatti, l'IA della scheda riesce a gestire il tutto in maniera ottimale. Sia che siate utenti avanzati che principianti dell'overclock, questo prodotto potrà darvi grandi soddisfazioni anche dopo pochi minuti di test.

È evidente che la Asus ROG Maximus XI Hero Wi-Fi è una scheda madre pensata per chi desidera praticare l'overclock, e non vi sono reali ragioni per spendere gli oltre 300 euro necessari per acquistarla se non siete intenzionati a spremere il vostro processore come un pompelmo maturo (a meno che non vi siate fatti conquistare dai led RGB montati in prossimità degli heatsink e dotati di tecnologia Asus Aura Sync per sincronizzarsi con il colore di altre periferiche come mouse, tastiere e monitor). Tuttavia, in caso vogliate portare il vostro già potente processore della serie Intel 9000 ad altri (e alti) livelli, questo è indubbiamente un ottimo punto di partenza.

Asus Rog Maximum
09 Gamereactor Italia
9 / 10
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi