Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor
recensioni
Back 4 Blood

Back 4 Blood

Turtle Rock ha qualcosa di nuovo da aggiungere al genere degli sparatutto zombie?

HQ
HQ

Anche se ho giocato a Back 4 Blood solo per una ventina di ore, oserei dire che pochi giochi mi hanno regalato così tanti momenti memorabili. Ci sono così tante volte in cui la morte è stata scontata e il mio polso è arrivato a 180 battiti, solo per fare un miracoloso ritorno dopo che qualcuno è riuscito a sopravvivere contro probabilità impossibili, ha ucciso un boss e poi ha rianimato l'intera squadra.

Questo è esattamente il motivo per cui, anche nel momento in cui scrivo, sono seduto qui con la sensazione di non voler affatto scrivere una recensione, ma di tornare a giocare a Back 4 Blood con i miei amici. È, come sai, una sorta di successore spirituale di Left 4 Dead con lo stesso concetto di base dello stesso sviluppatore, integrato con molte delle sue idee uniche e un gameplay davvero buono. Quest'ultimo è incredibilmente importante in un gioco di zombi perché ovviamente ci sarà una quantità diabolicamente grande di feccia non morta da uccidere, che qui è chiamata Ridden (qual è il problema con così tanti universi zombi che devono avere i loro nomi per gli zombi? ).

Il fatto che Turtle Rock abbia il gameplay giusto rende divertente picchiare a morte gli zombi con le asce, dar loro fuoco con bottiglie molotov e perforarli a fondo con tutti i tipi di armi da fuoco. Uccidere i già morti non smette mai di essere soddisfacente, anche se Back 4 Blood non si ispira mai allo splatter come spesso accade altrimenti, e il combattimento viene quindi variato in modi diversi con più tipi di nemici e missioni che devono essere completate insieme l'uccisione. Ma prima di riuscire a uccidere qualcuno, dovrai familiarizzare con ciò che può essere meglio paragonato al mondo hub del gioco.

Qui puoi fare cose come scegliere quale personaggio giocare, che aspetto avrà quel personaggio, armeggiare con le tue armi e, soprattutto, creare mazzi di carte. Infatti, a differenza di Left 4 Dead, qui c'è una sorta di sistema di progressione che migliora le probabilità durante i livelli. E avrai bisogno di una buona scorta di carte buone perché i livelli hanno un carattere roguelike, in cui nuove sfide significano che non sai mai esattamente cosa dovrai affrontare. Questi possono variare da cose più semplici come mantenere tutti in vita a nemici molto più difficili che renderanno ogni incontro una vera lotta. È bello e importante riuscire a giocare a carte da soli per contrastare le sfide, come concedere alla squadra più cure, caricatori più grandi o attacchi migliori.

Poter acquistare nuove super carte rende le cose eccitanti e variegate, ed è divertente discutere in gruppo per ottimizzare le condizioni. So che alcuni non hanno amato questo sistema di carte, ma onestamente non riesco a immaginare Back 4 Blood senza di esse, è bello avere qualcosa che tiene insieme il gioco e fornisce una sorta di ricompensa dopo ogni round.

I livelli sono ammirevolmente lunghi (ci vogliono almeno un paio d'ore per giocarli) e variegati rendendoli vere e proprie mini-avventure coese. Lungo la strada, incontrerai diversi rifugi sicuri dove avrai la possibilità di rilassarti, acquistare equipaggiamento essenziale, armi, munizioni e così via prima di proseguire aprendo una porta diversa da quella in cui sei entrato. Grazie al sistema di carte, i livelli non sono mai uguali a se stessi e la strategia che hai usato l'ultima volta che hai giocato non sarà necessariamente la migliore la prossima volta.

Back 4 Blood

Sfortunatamente, il sistema non è ancora completamente perfezionato e le sfide possono essere molto irregolari. All'inizio, potresti ottenere una missione che è al limite dell'impossibile, mentre la prossima è così facile che è quasi noiosa. Sarà necessaria una revisione di questo dato che, sebbene non sia un grosso problema, le partite di solito sono migliorati dalla sfida che aumenta continuamente senza passare da zero a 100 - o quasi, da 100 a zero. Per il resto, anche il fatto che gli otto personaggi disponibili abbiano caratteristiche uniche aiuta anche a mantenere il gioco interessante, in quanto si possono sperimentare diverse costellazioni per ottenere sinergie.

Inoltre, Turtle Rock ha utilizzato il suo concetto in modi creativi che eliminano le premesse. Questo potrebbe essere la costruzione di barricate o furtività, che aiuta a mantenere il concetto sempre fresco. Vorrei anche menzionare una sezione con un jukebox, che prevedo sarà considerato un classico di culto tra qualche anno. A ciò si aggiungono cose come i capi, che, sfortunatamente, non trovo particolarmente memorabili, senza che siano cattivi se è per questo.

Ho giocato alla versione Xbox Series X prima della recensione e al PC durante la beta, e penso che Turtle Rock offra un gioco davvero carino con Back 4 Blood. Le immagini sono solide, il mondo è pulito e credibile con un uso intelligente di delimitatori invece di muri invisibili. C'è anche un sacco di varietà ambientale, che è sempre un vantaggio in un gioco multiplayer progettato per essere eseguito più e più volte. L'audio è anche robusto con effetti cicciosi, esplosioni pesanti e un buon uso del suono surround.

Ma non tutto è all'altezza, purtroppo. Back 4 Blood è un gioco decisamente multiplayer, ma Turtle Rock ha comunque sponsorizzato molto il fatto che puoi giocarci da solo. E certamente puoi, ma non è particolarmente divertente. Non viene utilizzato nessuno dei sistemi utilizzati per aumentare di livello il tuo mazzo, né puoi salvare le tue statistiche o guadagnare obiettivi/trofei. Quasi peggio, però, sono i tuoi stupidi compagni di squadra, la cui intelligenza artificiale mi fa pensare che non puoi parlare di intelligenza artificiale in questo caso. Preparati a essere costantemente infastidito dalle decisioni che stanno prendendo.

Per me, non importa molto, dato che Back 4 Blood è un gioco multiplayer pensato per essere giocato con altri, ma vale la pena dire che questo non è un gioco che dovresti prendere in considerazione se vuoi giocare da solo. Inoltre, Back 4 Blood è difficile ai due livelli di difficoltà più alti. Tipo, davvero difficile. Avere compagni di gioco aiuta.

Nel complesso, penso che Back 4 Blood sia un degno erede di Left 4 Dead. Ha tutto ciò che lo ha reso così eccezionale e poi alcuni, combinato con un gameplay moderno e valori di produzione sontuosi. Ogni round sarà caratterizzato da momenti memorabili di cui tu e i tuoi compagni di squadra riderete per molto tempo a venire e spesso diventa terribilmente entusiasmante. Non è del tutto perfetto, però, e spero che Turtle Rock riesamini l'irregolarità dei livelli di difficoltà e risolva il problema del singleplayer. Ma se vuoi solo divertirti con un paio di buoni amici, difficilmente puoi trovare qualcosa di meglio in questo momento e il fatto che sia incluso in Xbox Game Pass non peggiora le cose.

Back 4 BloodBack 4 Blood
Back 4 Blood
08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
Il multiplayer è meraviglioso, suono brillante, grafica elegante.
-
Difficoltà irregolare, il singleplayer è un po' inutile.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

0
Back 4 BloodScore

Back 4 Blood

RECENSIONE. Scritto da Jonas Mäki

Turtle Rock ha qualcosa di nuovo da aggiungere al genere degli sparatutto zombie?



Caricamento del prossimo contenuto