Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor Italia
preview
Bloodstained: Ritual of the Night

Bloodstained: Ritual of the Night - Provato al Razzed

Abbiamo provato a Londra l'erede spirituale di Castlevania, sfidando un mostro a due teste.

Skip

I fan di Castlevania hanno atteso un tempo terribilmente lungo per il lancio di Bloodstained: Ritual of the Night, in quanto il nuovo gioco di Koji Igarashi si basa su tutta la sua esperienza lavorativa accumulata sulla serie Castlevania da oltre 20 anni. Anche se nel frattempo è stato pubblicato Curse of the Moon che ha provveduto a farci divertire, siamo ancora in attesa della portata principale, che abbiamo provato a Londra non molto tempo fa, quando i 505 Games ci ha permesso di provare una breve demo al Razzed.

Ci è stato detto che la demo era ambientata a circa metà del gioco, quindi per quanto riguarda la trama, non abbiamo molto di cui parlare. In sostanza il gioco segue una donna chiamata Miriam, la protagonista che controlli mentre esplori i vari corridoi e le grandi sale del gioco perché, naturalmente, questo è un Metroidvania nel vero senso della parola. Ci sono aree inaccessibili alle quali non puoi accedere senza i poteri che troverai in seguito, c'è una mini-mappa sullo schermo che ti mostra dove sei stato e ciò che non hai visitato, e c'è un sacco di backtracking.

Non abbiamo dovuto fare un sacco di backtracking in questa breve demo, e almeno ora sembra chiaro dove puoi e non puoi andare, aiutato in gran parte da quella mappa di cui ti abbiamo parlato. Ti troverai ad avere a che fare con sezioni platform e a avanzare lungo i livelli per andare avanti, ma devi tenere d'occhio le aree nascoste con le casse, dato che ti daranno oggetti importanti come pozioni curative e ingredienti (non sappiamo a cosa servano, ma ne avevamo parecchi nel nostro inventario in questa demo).

Bloodstained: Ritual of the Night

Fondamentalmente, mantiene intatte le radici Castlevania del progetto, se non per un significativo aggiornamento grafico. Sarebbe meglio descriverlo come un gioco in stile 2.5D dal momento che Miriam ei suoi nemici sono in 3D, ma ti muovi come se fosse un platform 2D, anche se non sembra mai troppo semplicistico. I livelli che abbiamo visto erano complessi e dettagliati, e c'è stato un momento brillante in cui si sale su una torre circolare che saliva a spirale verso l'alto, facendo un giro interessante sul movimento a scorrimento laterale mentre salivi sulla torre. Miriam e i suoi nemici sono tutti disegnati in modo creativo ed elegante, ed è già un'esperienza visivamente impressionante.

Nonostante il tuo attacco principale sia con una spada, ogni incontro con i nemici di Bloodstained è molto più difficile di quanto non sembri. È una danza in cui stai sempre in equilibrio se sferrare un fendente o arretrare un po' e mettere al sicuro la tua salute, e puoi facilmente compiacerti schiacciando il pulsante di attacco quando diventi avido. Bloodstained: Ritual of the Night fa "pazienza" di secondo nom, dal momento che correre è un modo sicuro per farti uccidere, e avrai bisogno di avere una buona mira per colpire i nemici più veloci.

Bloodstained: Ritual of the NightBloodstained: Ritual of the Night

Hai anche attacchi speciali, che consumano un indicatore sotto la barra della salute, come quello che lancia una raffica di proiettili per coprire un'area di attacco più ampia. Diamo per scontato che ci saranno altri attacchi nel gioco principale, ma queste hanno diversificato le opzioni di attacco e si sono rivelate particolarmente utili nella boss fight con il boss a due teste, che si muoveva avanti e indietro per tenerci intrappolati in ogni momento tra le sue teste.

La bellezza (e la difficoltà) di questa boss fight è data dal fatto che non si basava solo sul potere grezzo, ma richiedeva di esercitare le tue abilità per saltare e schivare i suoi attacchi e morsi infuocati. Una volta entrato nel ritmo, tutto è dipeso dalla pazienza e di aspettare il momento giusto per colpire, e nel frattempo tenendo d'occhio dove si sta muovendo il tuo nemico in ogni momento.

Questa demo è servita solo per permetterci di dare una breve occhiata all'azione che vedremo in Bloodstained: Ritual of the Night, ma già il combattimento sembra soddisfacente dato il suo equilibrio tra rischio e ricompensa, i paesaggi e i modelli dei personaggi sembrano visivamente impressionanti (soprattutto considerando gli effetti extra sullo schermo tramite l'illuminazione e vari attacchi), e ha l'aspetto di un vero Castlevania, che è forse la cosa più importante, in fin dei conti. Le cupe piogge e gli oscuri corridoi ci riportano ai lavori precedenti di Igarashi, e non vediamo l'ora di scoprire cos'altro ha in serbo per noi Bloodstained: Ritual of the Night entro la fine dell'anno.

Skip
Bloodstained: Ritual of the NightBloodstained: Ritual of the NightBloodstained: Ritual of the Night