Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
recensioni
Borderlands 2

Borderlands 2

Gearbox ha fatto del suo meglio per migliorare il suo precedente capolavoro. E, nonostante tutto, ci è riuscita. Borderlands 2 è un gioco da non perdere.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Riuscire a mantenere tonico un action FPS ripetitivo richiede talento. Per un gioco che regge - e ci consegna - ben 60 ore do gioco, la cosa si fa ancora più difficile.

Eppure, Gearbox ce l'ha praticamente fatta. Con una formula che rimane pressoché infallibile, per la maggior parte del tempo attraversiamo le terre desolate distese di Pandora, ed è raro annoiarsi in un gioco di queste dimensioni e con questo stile, e ciò che è ancora più sorprendente è che la parola "violenza" non entra mai nel lessico del giocatore, nonostante la montagna di cadaveri che si accumula lungo il cammino.

Borderlands 2 scende nelle desolate distese di Pandora - aree contraddistinte dai più svariati climi, intermezzate da portali e schermate di caricamento - il tutto nei panni di un mercenario alla ricerca di fortuna e gloria.

La maggior parte delle interazioni con gli abitanti di Borderlands avviene attraverso i proiettili. Ogni area è popolata da una miscela di fauna selvatica autoctona, bande di psicotici e qualche massiccio robot-killer, i cui scontri hanno quasi sempre esiti fatali.

Gli avamposti amichevoli sono pochi e lontani tra loro, e anche questi ospitano individui altrettanto psicotici. La differenza è questi vedono in noi una potenziale fonte di aiuto. Il che significa che in questi posti è possibile raccogliere un mucchio di missioni e rientrare nelle pianure o penetrare nelle roccaforti fortificate, cercando di risolvere i vari compiti assegnati. O di morire provandoci.

Borderlands 2

E qui sta la ripetizione: a prescindere da come lo si veda, la maggior parte del tempo trascorso in Borderlands 2 ci vede intenti a barcamenarci tra barre di energia e scudi in maniera superiore ai nostri nemici (badate bene, il singolare della parola "nemici" non esiste in questo gioco). Solo in pochissime missioni non si spara neanche un colpo. E una di queste è la festa di compleanno più triste, imbarazzante e più miserabile che abbia mai visto.

Sì, una festa di compleanno. Anche se Borderlands 2 non può nascondere del tutto la semplicità del suo sistema di missioni, si inventa un sacco di motivazioni assurde per renderle uniche. Ad esempio, dobbiamo attirare un killer presso la casa di un suo stalker, per prendere il te. O, ancora, dobbiamo dare fuoco a un nano nelle fauci di un enorme drago, cosicché possa adempiere ai comandamenti della sua assurda religione.

Gearbox compie un lavoro estremamente buono nel riuscire a farci piacere queste missioni. Mentre la personalità delle missioni principali è piatta (si tratta dell'ennesimo racconto sul popolo che resiste a un tiranno) le personalità incontrate e le loro missioni creano una variazione del tutto singolare (anche se la comparsa di alcuni individui ricorda molto alcuni tizi incontrati nel primo gioco).

Stessa cosa con le missioni collaterali (anche quelle indicate come "irrilevanti" nei menu). È consigliabile accettarle, perché sono divertenti. Tutte le volte che si aggiunge un waypoint sulla mappa, non lo si fa con in mente i preziosi punti XP - sia la recitazione che le divertenti meccaniche di gioco ci spingono a giocare, senza pensieri.

Borderlands 2

Ci sono, però, alcuni punti negativi. Nella fase iniziale (intorno alle nove ore giocate), si inizia a stancarsi di dei viaggi attraverso le stesse terre, contro gli stessi tipi di nemici (bande di reietti con casacche di diversi colori, ovviamente create dallo stesso sarto). Sanctuary, l'avamposto principale nella fase iniziale, è quasi vuoto, con pochi NPC e ancora meno missioni secondarie. Un'occasione mancata.

Si frequentano ripetutamente le stesse zone, e molte quest conducono negli stessi luoghi: viene voglia di smettere di esplorare per il gusto di farlo, presumendo, giustamente, che un'altra missione ci condurrà in luoghi che altrimenti vedremmo solo da lontano.

E mentre l'umorismo stravagante rimane sempre divertente, dopo un po' di tempo si diventa insensibili. Persino antagonisti come Handsome Jack dopo un po' di tempo perdono il proprio carisma. Semplicemente ci si abitua all'umore del gioco, e le cose iniziano a diventare quasi scontate.

Ma è un problema fugace. Appena le truppe di Hyperion entrano in scena, il gioco cambia di nuovo marcia, e ci si dimentica di tutto quello che è avvenuto prima.

Borderlands 2

L'esercito armato di Handsome Jack, i soldati Hyperion, sono la migliore novità del gioco. Continuano a stupirci anche da un punto di vista visivo, con orde di robot che vengono sparati dalla base di Jack, sempre presente all'orizzonte di Pandora, e che precipitano come meteore dall'alto e si piantano nel terreno intorno a noi.

La loro comparsa mette in pratica l'idea di Gearbox di creare un conflitto su più fronti, con una gamma di nemici e di specie in costante espansione. Ed è così che la noia iniziale del gioco viene spazzata via completamente, grazie allo straordinario sistema di armi e agli scontri per la sopravvivenza.

Gearbox, anche in questo caso, ha fatto centro. Anche nei momenti più "tranquilli" del gioco, ci si continua a divertire con la personalizzazione del proprio personaggio.

Gearbox ha incluso nel gioco quattro diverse classi, ognuna con tre alberi delle abilità da sbloccare gradualmente, aggiornamenti vari, e specialità di classe che creano differenze notevoli nello stile di combattimento. Che si tratti di concatenare gli attacchi corpo a corpo, creare un fuoco di copertura, costruire torrette... in ogni albero delle abilità c'è qualcosa che vorremmo poter usare.

Se non ci si diverte a giocare con le impostazioni scelte, c'è sempre la possibilità di riconfigurare il proprio personaggio in qualsiasi momento: non si è dunque obbligati a fare scelte di cui ci si potrebbe pentire. Inoltre, alcune abilità univoche possono essere traslate agli altri personaggi, casomai si decidesse di ricominciare il gioco con una classe diversa.

Borderlands 2

Naturalmente, i quattro personaggi sono stati progettati per completarsi a vicenda, e 2 Borderlands è pensato principalmente per essere giocato in quattro. Tuttavia, abbiamo trascorso la maggior parte del nostro da soli a Pandora, e mentre il gioco si autoregola quando entrano in gioco più personaggi, è chiaro che il gioco nei panni di un lupo solitario funziona ugulamente bene.

È possibile notare che alcune aree dispongono di percorsi alternativi per più giocatori, posizioni pe ri cecchini e punti da difendere. Ma, anche quando si gioca da soli, è evidente che occorre mettere in pratica una strategia per sopravvivere.

Quando si entra nel bel mezzo di una buona battaglia, Borderlands 2 raggiunge il massimo dello splendore. Una colonna sonora incalzante ci fa saltare il cuore in gola, e gli spari che ruggiscono nelle orecchie rendono ogni caricatore utilizzato un elogio adrenalinico ai proiettili usati. Combinate questo ai vari tipi di nemici che richiedono tecniche diverse, e ben presto si perderà il senso della misura.

Borderlands 2

E grazie alle armi che si trovano casualmente sul campo di battaglia, si è sempre alla ricerca dell'arma perfetta, mentre contemporaneamente si sviluppa un senso di passione per le armi da fuoco solamente riservato ai maniaci del grilletto.

È avvincente. I nemici lasciano cadere un bottino - aggiornamenti per le munizioni, denaro, uno scudo o una granata - ma, ancora più importante, le armi. È inoltre possibile trovarle in casse, o nei nascondigli sparsi in tutto il mondo di gioco. Con il cursore è possibile controllare le statistiche, e con pochi sguardi si identificano i vari bonus al danno o i danni elementali inflitti dall'arma.

Fino a quando non si ottiene la configurazione ottimale, gran parte del vostro tempo a Pandora sarà dedicato alla ricerca, alla creazione di armi e alla loro modifica... fino a che non si scopre che esiste un'arma migliore. E poi il ciclo si ripete ancora una volta, nel tentativo di costruirsi un arsenale equilibrato.

Per esempio: per diverse ore ho usato un revolver Jacob. Il danno offerto era accettabile, ma il suo bonus di velocità di fuoco mi ha trasformato in una macchina per uccidere. Il tasso di fuoco era così veloce, che ben presto potevo scaricare l'intero tamburo in un batter d'occhio. Mi sentivo come un cowboy maledetto, e quella pistola mi ha salvato la pellaccia diverse volte.

Borderlands 2

Poche ore dopo, ne ho trovato una versione aggiornata, con venti punti danno in più. Se l'inventario è completo (è possibile aumentarne lo spazio nel corso del gioco), si possono gettare via le cose inutili. Ho preso l'aggiornamento, ma ho anche tenuto la pistola vecchia. E ho buttato via un SMG. Un'arma affidabile, ma ingestibile peggio di un mulo.

È possibile vendere le armi, gli scudi e oggetti simili ai distributori automatici o presso i venditori. Il revolver è rimasto con me, fino a quando sono tornato a Sanctuary e l'ho custodito nella mia banca personale. È ancora lì. Alcune cose hanno troppi ricordi, e non vogliamo gettarle via. È sorprendente come il gioco riesca a infilarti le sue meccaniche sotto la pelle.

Credo di aver trovato un buon equilibrio. Due fucili mitragliatori, uno con danno elementale elettrificato per le truppe Hyperion, un altro standard per tutto il resto. Due fucili da cecchino - uno con danno da fuoco per le forme di vita a base di carne, l'altro per chi è resistente al fuoco. Un lanciarazzi per le emergenze (l'assorbimento del danno dei boss vi sorprenderà), un lanciagranate per i gruppi di nemici. E un affidabile revolver, il mio "just in case" personale.

Borderlands 2

Probabilmente tra poche ore getterò via tutto per ricostruirmi l'arsenale: le stranezze di Pandora sono in continua evoluzione, e dovrò adattarmi.

E questo è il fulcro del gioco. Anche quando non siete su Pandora, ci state pensando. Il lanciarazzi perfetto deve pur essere da qualche parte. Chissà se una mini-bomba nucleare può creare una voragine nel campo di battaglia. E ancora: Handsome Jack può diventare più stronzo di così?

Con un FPS della durata di sessanta ore e senza la profondità emotiva della maggior parte dei giochi di ruolo, un qualunque altro gioco avrebbe miseramente fallito. Tuttavia, qualunque sia la formula messa in campo da Gearbox per la creazione di Borderlands 2, il miracolo è riuscito e il risultato è una vera festa. Quel genere di festa che, da soli o in compagnia di qualche amico, non si vorrebbe mai perdere.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
09 Gamereactor Italia
9 / 10
+
Il copione è superbo, le missioni sono molto divertenti, le armi da collezionare sono straordinarie
-
All'inizio è un po' noioso, la storia principale è un po' banale
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

Borderlands 2Score

Borderlands 2

RECENSIONE. Scritto da Gillen McAllister

Gearbox ha fatto del suo meglio per migliorare il suo precedente capolavoro. E, nonostante tutto, ci è riuscita. Borderlands 2 è un gioco da non perdere.



Caricamento del prossimo contenuto