Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
Catherine

Catherine Classic

Il bizzarro titolo di Atlus approda su PC e dimostra di essere ancora eccezionale.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Annuncio

Dicono che ci sia una sottile linea di demarcazione tra genialità e follia, e questo vale davvero per Catherine. Questo titolo piuttosto singolare è stato pubblicato per la prima volta nel 2012 e, anche se la versione Full Body si prepara a darci un vero e proprio remake dell'avventura, Catherine Classic è appena approdato su PC per soddisfarci finché non Full Body non sarà pubblicato. Se non ci hai ancora giocato, questo è il momento perfetto per scoprirlo, ed è esattamente ciò che abbiamo fatto, anche per capire in che modo funziona questo port sette anni dopo il suo lancio.

La prima cosa da notare è che questa è praticamente un port diretto per PC, con tutti gli extra che offre qualsiasi edizione (o almeno, la maggior parte) pensata per gli utenti PC, vale a dire: frame-rate sbloccato, l'uscita 4K e i controlli personalizzabili mouse/tastiera; tuttavia, l'unica novità è l'aggiunta della voce fuori campo giapponese, inedita per l'Occidente. Non ci saranno contenuti ulteriori fino all'edizione Full Body, ma questa è comunque una buona notizia per gli appassionati PC che vogliono sempre il meglio.

La trama del gioco è abbastanza semplice: sei un uomo chiamato Vincent intrappolato tra l'amore per la sua fidanzata storica Katherine e una nuova lussuriosa ragazza chiamata, guarda caso... Catherine! Vincent è un po' fidanzata-fobico e inizia ad avere questi sogni dove metafore non esattamente sottili lo inseguono mentre terra di arrampicarsi torre dopo torre per sfuggirvi. Oh, e lui non ricorda di essersi mai incontrato con Catherine, così si è trovato involontariamente sempre più sprofondato in questa sua nuova doppia vita.

In realtà, il gioco è semplicemente un titolo puzzle. Devi spostare i blocchi per salire su ogni torre, che all'inizio sembra semplice, ma presto verranno aggiunte anche una serie di trappole, bombe, ghiaccio e altro per rendere le tue ascese sempre più difficili e complicate. Non è certo un gioco facile in termini di enigmi, ma è anche possibile acquistare o trovare oggetti extra che offrono alcuni vantaggi, come un blocco in più o uccidere tutti i nemici. Non sei solo nel tuo viaggio, dopotutto ci sono un sacco di pecore e altre creature che cercano di scalare insieme a te.

Catherine
CatherineCatherineCatherineCatherine

Sì, hai letto bene, ci sono pecore in abbondanza in questo gioco, perché nei sogni che Vincent ha ci sono altre persone, che si manifestano come pecore. Sono in una situazione di vita simile a quella di Vincent, e tra un livello e l'altro nel mondo dei sogni, puoi parlare con queste persone per ascoltare le loro storie e, forse, cosa più importante, ascoltare le tecniche per capire come arrampicarsi, di cui potresti aver bisogno soprattutto nelle fasi avanzate del gioco.

Il titolo è molto strutturato, alternando scene narrative non interattive e le scene al bar, che poi conducono al sonno e di conseguenza ai sogni. Nelle sequenze in cui vai al bar, esci con i tuoi amici a malincuore, vista la tua situazione, e puoi scappare freneticamente verso il tuo letto per fare prima oppure parlare con la gente, bere, salvare la partita (che può essere solo fatto al telefono del bar o tra un livello e l'altro nel mondo dei sogni) e controllare/rispondere ai messaggi sul telefono.

Non ci sono tantissime scelte da compiere in questo gioco come in titoli come Life is Strange, ma le poche che ci sono molto deliberate, il cui significato non ti viene rivelato all'inizio. Ciò include anche rispondere ai messaggi di testo e alle conversazioni, ma poi ci sono i confessionali nel mondo dei sogni, in cui ti vengono poste delle domande sulle relazioni importanti, come ad esempio: cosa faresti se un tizio dovesse provarci con la tua ragazza - intervenire o fidarti del tuo partner? Queste decisioni hanno un impatto sui diversi finali del gioco, quindi fai saggiamente le tue scelte.

Catherine
CatherineCatherineCatherineCatherine

Il cast dei personaggi è vario e colorato, ma ovviamente la star dello show è il triangolo amoroso, in cui Troy Baker che si esibisce in una performance eccellente nei panni di Vincent, catturando alla perfezione quanto sia patetico e confuso durante l'intero calvario. Praticamente incarna il tipico maschio spaventato dalle relazioni serie e che tenta di fuggire dai suoi problemi; ed è in realtà un gioco molto divertente mentre lo vedi scappare furtivamente di fronte alle situazioni che gli si pongono davanti.

La ragione per cui bilancia genio e follia così bene è perché oltre alla trovata assurda delle pecore parlanti, delle gigantesche torri infernali e delle situazioni che Vincent costantemente ci regala, c'è un significato più profondo dietro tutto questo. Significati dei sogni, filosofia, relazioni, e anche l'inferno in sé è un punto importante di riflessione qui in Catherine, ed è un gioco che lascia molto spazio alla meditazione dopo aver finito il viaggio strano e meraviglioso che ci viene offerto. È intelligente, ma allo stesso tempo assolutamente stupido, ed è una cosa molto difficile da raggiungere.

Inoltre, una volta finita la storia, ci sono anche altre due modalità da provare, tra cui Babel - che ti permette di rigiocare le torri per ottenere un punteggio più alto - o Colosseo, dove puoi combattere contro gli altri in una guerra di arrampicate. Ci sono anche molti finali da provare, dal ridicolo al romantico.

Stilisticamente parlando, ci è tornato tantissimo alla memoria Persona, mentre vivevamo il viaggio di Vincent, e il motivo è perché è stato sviluppato dallo stesso team, che è evidente nei personaggi e persino nell'interfaccia utente, come gli spruzzi di colore che appaiono come un prompt per parlare con le persone. Lo stesso stile 3D è fantastico, ma i filmati anime sono ancora migliori e rende questa esperienza immersiva simile a Persona, anche se non è grande uguale.

Abbiamo lasciato Catherine un po' perplessi, ma per varie ragioni. Ciò che avevamo appena visto era sconcertante, ma siamo usciti anche sorpresi da questa avventura matura. È in bilico tra follia e magia, e il prodotto risultante è abbastanza unico da consigliarlo caldamente a coloro che cercano una storia solida e alcuni enigmi difficili. Non è esattamente Persona, ma è altrettanto coinvolgente, il che è davvero molto apprezzato.

Catherine
CatherineCatherineCatherineCatherine
Catherine
CatherineCatherineCatherineCatherine

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Annuncio
08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
Temi profondi come le relazioni di coppia; Un sacco di personalità e umorismo; Non esiste nulla come questo; Gli enigmi sono complessi; Visivamente sorprendente.
-
Curva di difficoltà un po' alta; Un po' stereotipato, alle volte.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi