Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
news
Detroit: Become Human

David Cage: "Non c'è argomento che non debba essere trattato in un videogioco"

Abbiamo incontrato il director di Quantic Dream al Gamelab con cui abbiamo discusso dei limiti del videogioco.

Tra gli ospiti del Gamelab di Barcellona quest'anno, ci sono sia Josef Fares di Hazelight sia David Cage di Quantic Dream, i quali hanno avuto occasione di discutere quali siano i limiti dei videogiochi, e quando abbiamo chiacchierato con Cage, gli abbiamo chiesto di argomentare meglio questo concetti.

"Siamo convenuti [con Fares, ndr] sul fatto che probabilmente non ci sono limiti ai videogiochi", ha detto. "Voglio dire, entrambi crediamo che i giochi siano un medium come la TV, come la letteratura, come il cinema, e ora puoi parlare di qualsiasi argomento. Devi farlo con talento e sensibilità, ma non c'è argomento che non debba essere discusso in un videogioco ".

Abbiamo poi continuato a parlare di Detroit: Become Human, poiché è l'esempio più recente di un gioco dello studio che ha affrontato argomenti controversi e seri.

"Sai, raccontiamo storie interattive da 22 anni con Quantic Dream, quindi abbiamo imparato questo nuovo linguaggio, questo nuovo linguaggio interattivo", ha spiegato Cage. "Come raccontiamo una storia in cui il protagonista è il protagonista principale, che sta facendo delle scelte? Come manteniamo le conseguenze sulle [loro] decisioni? Come possiamo metterti nei panni di questi personaggi e interagire con l'ambiente?"

"Così abbiamo imparato un gioco dopo l'altro, ma penso anche a Detroit: Become Human come la storia di androidi e di un futuro prossimo, vogliamo lottare per i loro diritti, ed è stato qualcosa che si sposa forse con l'era in cui viviamo e con la nostra società. Si tratta di persone che lottano per i loro diritti e che vogliono la libertà, in pratica".

"E anche l'argomento relativo all'intelligenza artificiale era interessante, penso che sia una questione importante in questo momento, molte persone si interrogano su questo tema e si chiedono se dovrebbero preoccuparsi di AI in futuro. In questo gioco abbiamo preso una posizione molto specifica, che è solo per dire che i buoni sono gli androidi e forse gli umani sono i cattivi, quindi tutto questo, messo insieme, ha probabilmente fatto qualcosa che ha risonanza per molte persone là fuori ".

Per saperne di più su Detroit, guarda pure l'intervista completa qui sotto, dove Cage parla anche del significato misterioso di RA9.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
Detroit: Become Human

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto