Gamereactor Italia. Guarda i trailer più recenti dedicati ai videogiochi, ma anche le nostre ultime interviste dalle fiere e dalle convention più importanti del mondo. Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor
recensioni film
Prey (Disney+)

Preda (2022)

Una tribù Comanche del 18 ° secolo affronta l'iconico cacciatore spaziale in questo film d'azione.

Prima di tutto è importante dare a Prey alcuni oggetti di scena per il suo puro coraggio e determinazione a fare qualcosa di intrinsecamente diverso. No, non è particolarmente coraggioso fare un film di Predator, ma tutte le persone coinvolte (e questo coinvolge il grande studio che lo finanzia) meritano una pacca sulla spalla per aver preso una figura così iconica e averla lasciata scatenare in un ambiente completamente nuovo, come nel caso qui.

Certo, Predator è stato introdotto in natura, dove un singolo uomo ha combattuto coraggiosamente per sconfiggere questo cacciatore addestrato e abile, ma questa volta ci sono tratti che hanno più in comune con qualcosa come un The Revenant più economico di un film di fantascienza kitsch. Si tratta di rompere un po' gli schemi, e Prey in parte ci riesce.

HQ

Prey si svolge nel 1719 nella cosiddetta "Comanche Nation", che si riferisce alle pianure meridionali di quello che oggi è l'Oklahoma. Qui tagghiamo insieme a Naru, interpretata da Amber Midthunder (che fa anche parte di Sioux). È una collezionista per la sua tribù, mentre gli uomini tradizionalmente cacciano, ed è piuttosto stufa di quel particolare status quo. Ma quando una presenza misteriosa minaccia la sicurezza della loro casa, vede un'opportunità per dimostrare il suo coraggio.

Quello che segue è di circa un'ora e mezza di intensa caccia, che finisce per coinvolgere di tutto, dai bracconieri belgi a un combattimento di orsi simile a Revenant, e un sacco di sequenze in cui Naru è a un centimetro dal diventare solo un altro trofeo sul terrificante mantello spaziale del Predator.

Annuncio pubblicitario:

Grazie alla regia relativamente stretta di Dan Trachtenberg, a una performance centrale incredibilmente solida di Midthunder e a sequenze d'azione ben coreografate che davvero, come in davvero, guadagna il suo R-Rating, Prey finisce per essere una reinterpretazione che vale la pena celebrare, se non altro perché taglia via così tanto grasso, e ci dà una narrazione più vulnerabile e semplice senza molto del mito confuso dietro di esso.

Si tratta semplicemente di un misterioso nemico, che minaccia la vita di questa donna, e quindi deve fare affidamento ciecamente sulla sua intrinseca capacità di cacciare, combattere e imparare. Questo è tutto. Anche se gli effetti CG, in particolare quelli che non hanno nulla a che fare con il Vero Predator, possono sembrare un po 'traballanti, usa anche l'ambiente circostante con grande effetto, dando allo spettatore un contrasto solido, movimenti e posizionamento della fotocamera fluidi e una bella grafica nel complesso.

Prey (Disney+)

Quindi qual è il problema? Bene, anche se noi come pubblico sappiamo già in anticipo che questo è un film di Predator in tutto e per tutto, il film letteralmente non spreca un secondo informando i nostri personaggi che qualcosa di alieno sta succedendo. Quella che avrebbe potuto essere una misteriosa minaccia per la tribù diventa incredibilmente concreta incredibilmente veloce, il che toglie un po 'di vento dalla prima metà del film. Naru vede un'astronave nella primissima scena del film, e sicuramente attribuisce un significato mitologico e soprannaturale a ciò che percepisce come qualcosa di divino, ma forse sarebbe stato bello per il film condurci più attentamente, lasciando che i nostri personaggi indovinassero un po ', prima di cadere preda di questo particolare predatore.

Annuncio pubblicitario:

Mentre la caccia si intensifica durante la seconda metà, il film trova un buon ritmo, e grazie ad alcuni gadget inventivi (che sono direttamente ispirati all'ultimo God of War), c'è anche un po 'di umorismo oscuro da trovare tra la gabbia toracica e la rimozione della colonna vertebrale. In definitiva, Prey è un successo, in quanto reinserisce magistralmente questa figura iconica in una nuova serie di circostanze e la rinvigorisce di conseguenza. Certo, non reinventa la ruota, e non ne ha nemmeno bisogno, ma è sicuramente un buon intrattenimento.

07 Gamereactor Italia
7 / 10
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

0
Preda (2022)

Preda (2022)

RECENSIONE FILM. Scritto da Magnus Groth-Andersen

Una tribù Comanche del 18 ° secolo affronta l'iconico cacciatore spaziale in questo film d'azione.



Caricamento del prossimo contenuto