Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
preview
Fire Emblem Fates

Fire Emblem Fates: Novità e cambiamenti

Negli USA è già disponibile, mentre in Europa resta ancora un titolo senza release. Facciamo un po' il punto della situazione sul gioco per 3DS.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Fire Emblem Fates - l'ultima iterazione della celebre serie RPG/strategica sviluppata da Intelligent Systems e pubblicata da Nintendo - è da oggi disponibile in America. Dal momento che in Italia e nel resto d'Europa, il gioco non ha ancora una data di uscita ufficiale, questo articolo vuole passare in rassegna tutte le novità che troveremo in questa nuova release, che non sono poche, e tranquilli, sono assolutamente "spoiler free". E sì, non possiamo esimerci dalle polemiche e dalla censura che hanno portato ad una diffusa disinformazione in rete il mese scorso.

Una scelta difficile

L'elemento più sorprendente di Fire Emblem Fates è la sua divisione in due giochi, con nomi e contenuti diversi, proprio come avviene solitamente con un'altra serie distribuita da Nintendo, i Pokémon. In realtà, parlare di "scissione" in due giochi non è propriamente corretto, dal momento che i media americani insistono sul fatto che non si tratta di un gioco diviso in due capitoli, ma di due Fire Emblem veri e propri e a sé stanti, con tutti i contenuti e la storia che hanno caratterizzato gli altri capitoli della saga.

Nei panni del principe (o della principessa) di Hoshido, ma allevato/a dalla famiglia reale di Nohr, il giocatore deve affrontare una decisione difficile quando si trova a dover scegliere se sostenere la sua famiglia di origine o coloro con i quali è cresciuto. Questa è una scelta che il giocatore fa in negozio e non nel gioco, perché ciascuno dei due giochi Fire Emblem Fates rappresenta uno dei cammini che intraprenderà il protagonista.

In Fire Emblem Fates: Birthright, il protagonista sostiene la sua famiglia d'origine e il regno di Hoshido, e lo sviluppo della storia ruota attorno a quanto visto in Fire Emblem Sacred Stones, con una forte somiglianza al suo eccellente predecessore su Nintendo 3DS, Awakening. Si tratta di una trama che si snoda lungo i capitoli successivi il cui obiettivo principale è quello di sconfiggere un boss o l'intero esercito nemico. Include anche la possibilità di giocare battaglie supplementari tra un capitolo e l'altro per acquisire maggiore esperienza e affinità tra i personaggi, una mossa che apre la serie Fire Emblem a quei giocatori che non amano i titoli troppo complessi.

Dall'altra, Fire Emblem Fates: Conquest segue le orme del protagonista mentre cerca di sostenere i fratelli adottivi di Nohr, nel tentativo di conquistare il suo vicino. Questo titolo si avvicina maggiormente all'approccio dei Fire Emblem più classici, quelli che non hanno mai raggiunto l'Occidente, e con capitoli e obiettivi diversi, che danno appena al giocatore l'opportunità di addestrare le proprie unità e rafforzare i loro legami. Guarda caso, la maggioranza dei redattori americani conviene che Conquest sia il gioco più complesso da completare rispetto alla sua controparte. Va notato che, a parte questi due capitoli, vi è una terza via in forma di DLC chiamata Fire Emblem Fates: Revelations, in cui il protagonista può rinunciare a prendere una decisione, ma per non togliervi il piacere del gioco e della trama, lasceremo alone di mistero attorno ad esso.

Fire Emblem FatesFire Emblem Fates
Fire Emblem FatesFire Emblem FatesFire Emblem FatesFire Emblem Fates

Armi, classi e castelli

Al di là della scelta tra i due regni, ogni gioco vanta contenuti esclusivi e completamente nuovi per la serie Fire Emblem e, in alcuni casi, riscrive le regole. Il triangolo delle armi, il sistema elementale di Fire Emblem per cui spade, lance e asce attaccano l'un l'altro in un sistema in stile carta-sasso-forbici è stato quasi completamente ripensato e ora include la magia, archi e mazze, ovviamente con i loro vantaggi e svantaggi. L'altro grande cambiamento relativo alle armi è l'eliminazione dell'usura prevista per ogni arma. Prima ogni arma aveva un numero limitato di usi, dopodiché si rompeva e doveva essere sostituita con un'altra, oppure comprata o forgiata. In questo caso, non dovrete più preoccuparvi della loro usura (tranne nel caso dei curativi, che mantengono lo stesso sistema), ma dei materiali di cui sono fatte le armi, in quanto qualcuno dà la priorità al danno ma sacrifica la precisione, o viceversa.

Anche i personaggi in ciascuno dei giochi saranno differenti (ne vengono condivisi però alcuni di base), ed i personaggi sono caratterizzati da molte nuove classi in ciascuno dei regni, dai samurai ai burattinai di Hoshido ai nuovi mercenari o piloti di Nohr, con nuovi personaggi e archetipi che offriranno nuovi modi per conoscere Fire Emblem.

La capacità di costruire e mantenere un castello è uno degli sviluppi più sorprendenti di Fire Emblem Fates. Intorno a una fortezza murata, è possibile costruire diversi edifici, come negozi o armerie che ci sosterranno nella campagna principale, mentre è possibile approfondire il rapporto tra i personaggi o assediare castelli di altri giocatori tramite SpotPass. Tutte le qualità di "My Castle" sono avvolte da un certo alone di mistero in quanto il titolo non è ancora giocabile in Europa. Degno di menzione è la nuova funzionalità del protagonista che gli permette di modificare il campo di battaglia in combattimento, i cui limiti non sono ancora noti, ma ci riserveremo una dettagliata analisi su questo aspetto non appena avremo occasione di analizzare il gioco.

Fire Emblem FatesFire Emblem FatesFire Emblem Fates

La polemica in ballo

E, naturalmente, non potevamo concludere il nostro articolo su Fire Emblem Fates senza parlare della polemica sorta a proposito della modifica di determinati contenuti nella versione occidentale del gioco. Il nostro obiettivo è evitare qualsiasi forma di disinformazione, senza lasciarsi andare a giudizi di sorta, ma tenendo conto di cosa sia cambiato e cosa no.

Per cominciare, il supporto di Soleil, un personaggio a cui viene data una sostanza che le permette di percepire il mondo e la sessualità, che è stato completamente stravolto, eliminando qualsiasi riferimento al fatto di prendere una "polvere magica" o qualsiasi altro tipo di sostanza.

Inoltre, anche la possibilità di chiamare altri personaggi nella camera da letto personale del protagonista in "My Castle" e migliorare l'affinità palpeggiandoli usando lo stilo, è stato completamente ripensato. È rimasta la possibilità di creare un'affinità tra i due personaggi, ma senza il fatto di stare lì a toccarlo (virtualmente) con lo stilo. Tuttavia, è rimasta una minima interazione con un coniuge o con un partner che ha un'affinità S o A+ con il protagonista, che in questo caso possiamo toccare o parlargli/le tramite il microfono della console. Per quanto riguarda la scomparsa di alcuni costumi da bagno per i personaggi femminili nella versione occidentale, abbiamo poche informazioni a riguardo da poter corroborare questa notizia.

Fire Emblem Fates è disponibile da oggi nei negozi americani e continua a non avere una data precisa per l'Europa (magari in primavera?). Nel frattempo, i fan hanno più tempo a disposizione per decidere con quale regno stare. Noi nel frattempo abbiamo fatto un po' luce su uni dei titoli RPG/strategici più attesi quest'anno su Nintendo 3DS.

Fire Emblem FatesFire Emblem Fates
Fire Emblem FatesFire Emblem Fates
Fire Emblem FatesFire Emblem FatesFire Emblem Fates
Fire Emblem FatesFire Emblem FatesFire Emblem Fates
Fire Emblem FatesFire Emblem FatesFire Emblem Fates
Fire Emblem FatesFire Emblem FatesFire Emblem Fates

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto