Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
Fractured Minds

Fractured Minds

La vincitrice del BAFTA Young Games Designer Emily Mitchell ci offre uno sguardo stimolante sulle malattie mentali.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

L'attenzione rivolta alla salute mentale negli ultimi anni è diventata incredibilmente importante, e a ragione. Tutti noi, in un momento o nell'altro, abbiamo dovuto affrontare problemi legati alla salute mentali e parte del motivo per cui ne siamo più consapevoli nel 2019 è perché oggi se ne parla. Le persone si stanno aprendo parlando delle loro lotte personali con condizioni come la depressione e l'ansia, che a loro volta aiutano gli altri a capire i problemi e come affrontarli.

La vincitrice del premio BAFTA Young Games Designer Emily Mitchell ha contribuito a questo dibattito con un gioco chiamato Fractured Minds, che è appena stato pubblicato su PC, PS4, Switch e Xbox One. Parte del ricavato andrà in beneficenza per associazioni a supporto della salute mentale e questo gioco si basa sull'esperienza di Mitchell con ansia e depressione.

In effetti, questa intera esperienza in prima persona (che non dovrebbe durare più di mezz'ora) illustra la vita di qualcuno che affronta condizioni come queste nella vita di tutti i giorni. Vieni catapultato in diversi scenari che ti mostrano quanto possano essere difficili i compiti di base, sia per le aspettative che ti affliggono sia per la paranoia che potrebbe derivare dal trovarti nella folla. Questi sono piccoli frammenti di gioco, ma servono tutti a fornire un messaggio coerente, che rafforza l'idea di un mostro che ti divora dall'interno, infettando ogni parte dell'esistenza del malato.

Fractured Minds

In ogni capitolo, interagisci con il tuo ambiente e risolvi i puzzle per progredire, ma i compiti semplici sono resi più difficili dalla mente del giocatore. Il primo capitolo ti mostra come cercare una chiave per sbloccare una porta, ad esempio, ma quando prendi una delle tante chiavi che si trovano attorno al messaggio "chiave sbagliata" si sporca lo schermo, sempre più fino a quando diventa opprimente.

Non parleremo troppo dei suoi contenuti per paura degli spoiler, ma ci sono diverse metafore in Fractured Mind che illustrano anche la depressione e l'ansia. Il monologo interiore visualizzato tramite i sottotitoli aiuta anche a sottolineare come queste cose possano abbattere una persona, trovando sempre il lato negativo delle situazioni per renderle molto più difficili.

Alla fine, c'è un messaggio con cui la Mitchell dedica Fractured Minds a tutti coloro che soffrono, ed è il modo migliore per descrivere questo gioco. Anche se un individuo non può relazionarsi con l'ansia o le condizioni di salute mentale a cui si fa riferimento qui, tutti possono relazionarsi con sentimenti di solitudine, autocoscienza e isolamento in un momento o nell'altro della propria vita.

Per questo motivo, Fractured Minds è una buona porta per entrare in empatia con coloro che lottano con i propri problemi mentali. È una conversazione a sé e, dato che in passato abbiamo sofferto di cose simili, ci siamo sentiti molto legati ai messaggi all'interno. È un gioco interessante e completamente significativo e che dovrebbe essere provato se vuoi farti un'idea su alcuni argomenti molto importanti.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Rappresentazione efficace di depressione e ansia, grandi metafore, spunti di riflessione.
-
Avrebbe potuto essere un po' più lungo.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

Fractured MindsScore

Fractured Minds

RECENSIONE. Scritto da Sam Bishop

La vincitrice del BAFTA Young Games Designer Emily Mitchell ci offre uno sguardo stimolante sulle malattie mentali.



Caricamento del prossimo contenuto