Italiano
Gamereactor
preview
Generation Zero

Generation Zero - Provato

La rivolta delle macchine.

HQ
HQ

L'anno è il 1989. Il muro di Berlino è stato abbattuto, ma non c'è nessuno in giro per festeggiare questo evento in un angolo abbandonato della Svezia rurale, dove è ambientato Generation Zero di Avalanche Studios. È novembre, non il più invitante dei periodi dell'anno, e c'è un'atmosfera densa, umida e pesante nel gioco e c'è anche la possibilità di qualche nevicata precoce.

Il personaggio-giocatore, caratterizzato da un'esilarante pettinatura e da un abbigliamento anni '80, si sveglia per trovare l'area abbandonata. È uno scenario in stile "il giorno dopo il disastro", dove tutto è stato lasciato così com'è. Le luci sono ancora accese, chiaramente le persone erano lì, ma tutti sembrano spariti e al loro posto ci sono macchine ostili che pattugliano la zona.

È facile fare un parallelismo con Horizon: Zero Dawn, e in una certa misura possiamo capire perché. Le macchine pattugliano le aree, e il Cercatore funziona in un modo molto simile all'Osservatore in quanto deve essere eliminato usando lo stealth prima che avvisi altre macchine. Ma in termini di gameplay è molto diverso, in quanto si tratta meno di un action/RPG e più di uno sparatutto. Una volta che hai a che fare con le macchine, ti ritroverai a mitragliare, a lanciare granate e a cercare di colpire i punti deboli in tempo reale. È anche importante notare che se si esagera a distruggere, in seguito ci sarà meno bottino.

Annuncio pubblicitario:

"Ci riferiamo ad esso come un gioco d'azione guerrilla", dice il director Emil Kraftling. "E quell'aspetto guerrilla è davvero al centro di tutto, per qualsiasi combattimento vogliamo che voi facciate prima delle valutazioni, è una situazione di combattimento in cui potete vincere? Quali strumenti avete? Quali equipaggiamenti? Quali armi? l'ambiente è simile? C'è qualcosa che potete usare a vostro vantaggio? Potete piazzare una trappola? O fare un'imboscata? È meglio aggirare i nemici? magari combatterli? "

Generation Zero

Nel complesso ci siamo goduti il gunplay: tradisce le sue radici di simulazione (da theHunter: Call of the Wild), ma qui è stato adattato a un tipo di scenario molto diverso. Le munizioni e le armi sono scarse e devono essere recuperate e dovrai anche rubare le macchine. Tutto ciò rafforza la necessità di un approccio tattico e stealth, qualcosa che dovrebbe rendere il gioco co-op teso ed eccitante.

"Hai alcuni componenti nemici su cui non vedi l'ora di mettere le mani su, ma se in realtà elimini quei componenti, renderai il combattimento più facile, ma non potrai quindi eliminarli", spiega Kraftling. "È una situazione pro e contro, inoltre, dove trovi molti nemici è anche dove troverai il bottino migliore, quindi puoi ucciderli o metterli fuori strada, ma puoi anche scegliere di intrufolarti e prendere fondamentalmente il bottino. "

Annuncio pubblicitario:

Durante la nostra sessione demo, abbiamo incontrato altre macchine oltre al Cercatore. Il Runner sembra essere un tipo di nemico comune che viene offerto in piccoli pacchetti e offre una resistenza decente con mitragliatrici e corpo a corpo. Non rappresenta, però, una grande minaccia. Più fastidiose sono le Zecche, che, proprio come suggerisce il nome, sono piccoli nemici che saltano che ricordano il Flood e gli Headcrabs.

Verso la fine della demo ci siamo imbattuti in un Tank, le grandi macchine bipede che hai probabilmente visto nelle immagini del gioco. Non eravamo ancora pronti a questo, e questo illustra uno degli importanti pilastri del design di Generation Zero. La tua migliore linea d'azione non è sempre combattere, e potresti voler fuggire per ottenere l'esperienza e gli equipaggiamenti necessari per eliminare la macchina. Simile a La Guerra di Mordor e L'Ombra della Guerra, le macchine porteranno le loro cicatrici di battaglia e si ricorderanno di te. Generation Zero condivide gran parte della sua natura sistemica con Hunter: Call of the Wild, il simulatore di caccia di Avalanche, e questo è uno dei sistemi che è stato recuperato da quel gioco, in cui se ferisci un animale, quel danno rimarrà persistente.

È un dettaglio interessante e offrirà ai giocatori storie mentre visitano il mondo di un altro giocatore, e sperimenterà e contribuirà alle narrazioni di queste macchine individuali. Non siamo ancora a conosceza di quanti tipi di macchine ci saranno nel gioco finale, ma è facile immaginare che alcune di queste macchine più grandi saranno quelle che affronterai numerose volte, e quando finalmente le abbatterai, sarà una delle principali cause di festeggiamento, che probabilmente condividerai con coloro con cui stai giocando.

Generation ZeroGeneration Zero

Se confronti Generation Zero con gli altri due titoli in uscita usando il motore Apex (Just Cause 4, Rage 2) puoi notare che questo gioco è stato creato da un team più piccolo e che i suoi valori di produzione non sono così in alto. D'altra parte, a differenza di quei giochi, Generation Zero offre una modalità cooperativa a quattro giocatori, offrendo allo stesso tempo una sorta di grande sandbox pieno di sistemi che lavorano per distrarti dalla storia principale. In effetti, Generation Zero si basa meno sulla storia principale e offre gran parte della sua narrazione attraverso l'ambiente e l'esplorazione. Anche se non è abbastanza bello come Just Cause 4, Generation Zero offre comunque un mondo molto credibile e il potente motore Apex fa un ottimo lavoro nel riprodurre l'autentica campagna svedese. È radicato nel mondo reale ed è per questo che l'aggiunta delle macchine ha tale impatto.

È impossibile non notare le somiglianze tra il concept di Generation Zero e il lavoro del famoso artista Simon Stålenhag, forse in particolare il suo primo libro, Tales from the Loop. Stålenhag stesso ha detto che a lui non interessa se ci siano somiglianze, ma è preoccupato che la gente pensi di essere coinvolto nel progetto quando non lo è. Non è raro che i videogiochi godano di grandi libertà quando si tratta di ispirarsi a qualcosa, ma ciò che è un po' strano in questo caso è che ci sono zero gradi di separazione tra l'ovvia fonte di ispirazione e coloro che sviluppano il gioco. Vivono tutti nella stessa città e lavorano nello stesso settore, il che lo rende un po' strano e scomodo. È impossibile immaginare che Avalanche non sia fatto ispirare da Stålenhag, ma poi la maggior parte degli sviluppatori che hanno lavorato al gioco sono cresciuti negli anni '80 in Svezia, amando lo stesso genere sci-fi di Stålenhag. Indipendentemente da ciò, va notato che mentre giochi effettivamente al gioco, andando oltre gli screenshot che ricordano l'arte di Stålenhag, ti renderai conto che questo gioco ha una sua storia da raccontare. A parte il periodo simile, la nebbia e l'illuminazione, le macchine si presentano un po' più radicate e utili qui, ma questo ci porta solo a speculare sulle loro origini ... ma questo lo scopriremo giocando.

Il mistero che circonda le origini delle macchine e il luogo in cui si trovano le persone è ciò che devi capire in Generation Zero. Gli indizi sono lasciati qua e là, e tocca a te (e ai tuoi amici) mettere insieme i pezzi della storia. Abbiamo amato questa buona esperienza co-op e Generation Zero sembra che offrirà qualcosa di nuovo in questo settore.

Generation ZeroGeneration ZeroGeneration Zero
HQ
Generation Zero
Generation Zero
Generation Zero
Generation Zero
Generation Zero
Generation Zero

Testi correlati

0
Generation ZeroScore

Generation Zero

RECENSIONE. Scritto da Ben Kerry

Avalanche Studios offre una versione alternativa della Svezia del 1989, in cui i robot pattugliano le campagne.

0
Generation Zero è ufficialmente in gold

Generation Zero è ufficialmente in gold

NEWS. Scritto da Sam Bishop

Avalanche Studios sta attualmente lavorando duramente su Generation Zero, ma il fondatore dello studio Christofer Sundberg ha avuto il tempo di rivelare su Twitter che il...

0
Generation Zero arriva a marzo

Generation Zero arriva a marzo

NEWS. Scritto da Sam Bishop

Avalanche Studios ha annunciato quest'oggi la data d'uscita di Generation Zero, prevista per il prossimo 26 marzo. I giocatori possono effettuare il pre-order del gioco a...



Caricamento del prossimo contenuto