Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
God's Trigger

God's Trigger

Tra Inferno e Paradiso.

  • Ben KerryBen Kerry

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Annuncio

Quando un nemico gigantesco e piuttosto affamato chiamato Famine viene ucciso in una boss fight a tema culinario, capisci che il gioco non si prende troppo sul serio, il che è positivo, perché a volte God's Trigger è tanto malizioso quanto infernale. Da quello stesso inferno arriva Judy, la nostra preferita tra i due personaggi giocabili in tutta la campagna narrativa. Usa una frusta abbastanza ampia e una meccanica di teletrasporto per sconfiggere i nemici e sembra di gran lunga la più adeguata tra i due protagonisti.

La campagna prende il via a Outlaw Town, un'evidente rappresentazione di una piccola area del selvaggio West che consiste in bar e saloon tipici in cui combattere. La prima cosa che abbiamo notato qui è lo stile cel-shaded, che conferisce a quest'area un'atmosfera decisamente in stile Borderlands. Tuttavia, il gioco non si impegna completamente in questo stile visivo ed è piuttosto un mash-up di idee, anche se ha adattato molto bene l'Outlaw Town e ha dato ai livelli iniziali un pizzico di vivacità in più.

Conoscere bene ogni personaggio è il tuo primo compito, e quasi immediatamente gravitiamo verso Judy, il demone. Sia lei che Harry, l'angelo, sono relativamente simili ma l'attacco da mischia predefinito di Judy a lungo raggio si è rivelato più utile. Puoi raccogliere le armi mentre sconfiggi i nemici, ma questi hanno una quantità limitata di munizioni e l'attacco da mischia di base sarà il tuo preferito per ampie sezioni della campagna. Dato che abbiamo giocato da soli per la maggior parte del tempo, abbiamo potuto cambiare i personaggi al volo per replicare al meglio un'esperienza co-op, e siamo passati a Harry solo quando la sua abilità di sfondare i muri era necessaria per andare avanti.

God's Trigger

Dopo aver terminato ogni livello, ti viene mostrata una schermata di aggiornamento del personaggio. Il sistema funziona come un albero delle abilità, suddiviso in sezioni che contengono più opzioni tra cui scegliere, dove i perk più potenti vengono presentati in basso. Il sistema funziona bene ma l'interfaccia utente e la leggibilità non sono grandiose e ci siamo trovati più volte a strizzare gli occhi per leggere effettivamente ciò che ogni aggiornamento apporta. Questo, combinato con al fatto che solo i "perk" principali apparivano differenti, ci ha portato ad ignorare per la maggior parte del tempo ciò che il resto dell'albero delle abilità offriva e abbiamo selezionato a caso ciascuna opzione. C'è andata piuttosto bene scegliendo questa rotta, poiché al di fuori delle battaglie con i boss la difficoltà è in gran parte mitigata dal generoso sistema di checkpoint del gioco. Alla morte ritorni all'istante, di solito abbastanza vicino a dove sei caduto vittima dei tuoi nemici. God's Trigger è un gioco death one-hit, quindi questo sistema di respawn istantaneo è necessario per garantire la sicurezza del proprio controller durante alcuni dei livelli più difficili ...

Alcuni di questi livelli più avanti si allontanano parecchio dal tema di Outlaw Town presente all'inizio. Combatterai in strutture di test nucleari e tombe sotterranee più avanti nel gioco, fornendo un buon livello di varietà visiva. Tuttavia, a parte un'area che consente al personaggio di cecchinare da lontano, il gameplay di ogni livello risulta abbastanza simile e non offre nulla di diverso. Abbiamo davvero apprezzato l'opportunità di far sentire ogni personaggio davvero unico e avremmo preferito vederne di più di questi livelli durante tutta la campagna della storia.

God's TriggerGod's Trigger

Fortunatamente l'ultimo capitolo cambia un po' le cose, ed è qui che God's Trigger offre alcuni momenti davvero memorabili, dove ti trovi a passare da un personaggio all'altro spesso, durante enigmi a tempo. Il capitolo finale è dove il gioco prende vita e ci ha lasciato con quel desiderio che avrebbero dovuto avere il coraggio di mescolare le cose prima e con una maggior frequenza.

Abbiamo anche fatto un salto alla modalità arcade in modalità cooperativa, in cui si ripetono le sezioni della campagna principale, in cui si combatte lungo diversi scenari di combattimento per guadagnare il miglior voto possibile. Funziona abbastanza bene, ma l'istantaneo respawn e il generoso sistema di checkpoint della modalità storia si perdono per via di un sistema di respawn limitato, che a volte può diventare frustrante. Muoversi per il livello baldanzosi per poi essere scoperti da un nemico nascosto che ti rimanda all'inizio ha messo seriamente alla prova la nostra pazienza.

Tutto sommato, God Trigger è molto divertente. Le solide meccaniche di shooting e i diversi livelli tematici sono abbastanza interessanti da guidarti nella campagna principale. Il capitolo finale, in particolare, ha mostrato cosa poteva davvero fare OneMoreLevel quando ha provato a mescolare le cose, e il setup qui ci ha fatto desiderare che i capitoli precedenti offrissero una maggiore varietà. Che tu stia dalla parte di un angelo o di un demone, vale comunque la pena dare un'occhiata a God's Trigger, soprattutto se sei fan degli sparatutto top-down alla ricerca di nuove sfide cooperative.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Annuncio
God's TriggerGod's TriggerGod's Trigger
07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Molto divertente; visivamente vario e indulgente, God's Trigger è un'aggiunta meritevole al genere top-shooter, specialmente per chi cerca una modalità co-op.
-
124/5000 Musica ripetitiva, sound e level design nelle sue fasi iniziali e in generale un po 'derivativa; a parte l'ultimo capitolo.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi