Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
news
Fortnite

Google e Epic si scontrano sul caso Fortnite su Play Store

Una guerra abbastanza importante tra i due colossi.

Quando Epic Games ha lanciato Fortnite su Android, ha bypassato il solito metodo di distribuzione - il Play Store - per ospitare i download sul proprio sito, e ora Google ed Epic si sono scontrati duramente per portare il gioco sulla piattaforma.

Google ha rilasciato una dichiarazione, come condivisa da 9to5Google, sostenendo che il loro modello di business non cambierà e che tutti gli sviluppatori dovrebbero accettare questi termini se vogliono usarlo.

Questo accade dopo che sono stati diffusi alcuni report - sempre grazie a 9to5Google - che Epic non voleva che Google prendesse il taglio del 30% sugli acquisti in-app nel Play Store di Google e che stessero pianificando di chiedere un'esenzione da questa regola per distribuire il loro battle royale gioco.

"Android consente accesso a più app store e scelte per gli sviluppatori nel modo in cui distribuire app. Google Play ha un modello di business e una politica di fatturazione che ci consentono di investire nella nostra piattaforma e strumenti per aiutare gli sviluppatori a costruire attività di successo mantenendo al sicuro gli utenti", ha affermato un portavoce di Google. "Lasciamo la porta aperta a tutti gli sviluppatori che riconoscono il valore di Google Play e ci aspettiamo che partecipino alle stesse condizioni degli altri sviluppatori".

Dopo questo comunicato, Epic ha risposto con una propria dichiarazione, cercando di chiarire la questione e la sua posizione:

"Epic non cerca un'eccezione fatta su misura per noi; piuttosto ci aspettiamo di vedere un cambiamento generale nelle pratiche del settore degli smartphone in questo senso."

"Abbiamo chiesto a Google di non applicare le aspettative dichiarate pubblicamente che i prodotti distribuiti tramite Google Play utilizzano il servizio di pagamento di Google per l'acquisto in-app. Riteniamo che questa forma di vincolo di un servizio di pagamento obbligatorio con una commissione del 30% sia illegale nel caso di una piattaforma di distribuzione con una quota di mercato superiore al 50%".

"Notiamo che il Contratto di distribuzione con gli sviluppatori di Google Play (https://play.google.com/about/developer-distribution-agreement.html) non richiede che gli sviluppatori utilizzino i pagamenti di Google. Si limita a fare riferimento a una serie di documenti non contrattuali che chiedono agli sviluppatori fare così."

"Inoltre, Epic gestisce un importante store PC e un servizio di pagamento in cui non obblighiamo gli sviluppatori a utilizzare il nostro negozio per utilizzare il nostro ecosistema di pagamento."

Google ha dichiarato a <a href="https://www.theverge.com/2019/12/9/21003553/google-play-store-fortnite-epic-games-30-percent-cut-dispute" target="_blank">, tuttavia, che Epic non ha richiesto gli stessi termini da Apple, che ospita Fortnite su App Store, aggiungendo che Play Store promuove app, fornisce hosting sicuro e altro, quindi non capiscono perché non ci sia un taglio del 30%.

Situazione abbastanza spinosa, cosa dite?

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
Fortnite

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto