Italiano
Gamereactor
recensioni
Ion Fury

Ion Fury

Un divertente titolo che ci ricorda quanto ci manca Duke Nukem.

Non meniamo le mani o mastichiamo gomme dai tempi di Duke Nukem, un franchise che, in sordina, è finito nell'oblio, ma a quanto pare Ion Fury sembra essere corso ai ripari in tal senso. Addentrandoci nelle strade di NEO DC, prendiamo il controllo di un personaggio fuori dagli schemi chiamata Harrison mentre difendi le suddette strade dal dottor Jadus Heskel e dal suo esercito di adepti.

Mentre ti fai strada lungo le sette aree del gioco, affronterai orde di cattivi e boss in questo sparatutto in prima persona in stile retrò che ti farà scattare la nostalgia. L'obiettivo di base è quello di uccidere tutto e, a tal fine, raccogliere le armi, a volte brandendo un duello, e lanci una marea di proiettili contro qualsiasi cosa si muova. Inoltre, è necessario scoprire tutti i segreti nascosti lungo i livelli mentre si premono interruttori e si trovano varie chiavi colorate per aprire le porte. Chi ha familiarità con le versioni old-school di Doom e Wolfenstein si sentirà come a casa.

Abbiamo già menzionato parole come retrò e nostalgia, e parte di questo dipende dalla grafica. Ion Fury è stato creato sul Build Engine, lo stesso motore utilizzato per creare classici come Duke Nukem. All'inizio, non eravamo sicuri della grafica, ma dopo pochi secondi, siamo stati completamente risucchiati e ci siamo resi conto che lo stile visivo si adatta perfettamente all'esperienza offerta. I nemici a volte diventano completamente piatti se ti trovi sopra di loro - ricordandoci del tempo in cui la grafica non era tutto, e il successo di un gioco dipendeva più dal gameplay e dal divertimento che portava con sé. Ecco cosa abbiamo qui: qualcosa di divertente!

Ion Fury

I confronti con Duke Nukem non si fermano qui. La nostra protagonista femminile è spiritosa come proprio Duke e alcune sue battute ci hanno fatto davvero ridere. È sempre piacevole vedere un gioco che crea un personaggio interessante e coinvolgente come questo, e complimenti all'attrice Valerie Michelle Arem poiché la sua interpretazione è stata superba. C'è anche una buona dose di riferimenti culturali, come un logo di una nota caffetteria in verde e bianco che sembra una foglia di cannabis, e una lattina di soda rossa e bianca su cui ci sembra leggere "Cock". Diciamo "potrebbe" in quanto la grafica può essere poco chiara a volte da vicino.

C'è anche una buona varietà di nemici e armi con cui ucciderli. Ci sono magnum per abbattere creature dalla testa di ragno, e gli uzis per dare fuoco agli adepti, per non parlare della balestra che puoi usare per eliminare un centìpede che sputa acido. Ci si diverte da matti.

Ci sono alcune cose di cui vogliamo parlare, però. Innanzitutto, occasionalmente il frame rate cala e va a scatti. Non influisce molto sull'esperienza, ma è leggermente fastidioso quando accade (abbiamo recensito il gioco su PS4). Poi, ci sono le frasi pronunciate dai cattivi: ripetono continuamente le stesse righe di dialogo più e più volte. Sì, sono cultisti, ma dopo un po' diventa un po' fastidioso.

Ion FuryIon Fury

L'altro problema che abbiamo avuto è stato con i controlli, che sono molto sensibili per uno sparatutto su console. Abbiamo dovuto modificare la sensibilità della fotocamera perché sembrava troppo alta per impostazione predefinita. Allo stesso modo, a volte le pistole sembravano sparare anche quando non abbiamo fatto pressione sul grilletto. La selezione delle armi non è la più intuitiva che abbiamo mai visto prima e ci siamo ritrovati a giocare goffamente sul D-pad. Sì, molto old-school, ma avrebbe potuto essere migliore.

Alla fine, ci ha deluso la mancanza di multiplayer. Questa è un'esperienza che avrebbe sicuramente beneficiato dell'online e pensiamo che il multiplayer avrebbe aggiunto ulteriore longevità. C'è molto da fare, con segreti da trovare e alcune difficoltà con cui giocare, e l'azione è così divertente che vale da sé, ma avere altri motivi per tornare a giocare sarebbe stato fantastico.

Tutto sommato, ci siamo divertiti molto con Ion Fury, ma questo sparatutto retrò non sarà per tutti. Il problema dei cali di frame rate occasionali, i fastidiosi cattivi che dicono le stesse frasi e anche la grafica di un tempo non sarà per tutti. Detto questo, è un gioco molto divertente soprattutto se sei un fan dei classici titoli FPS.

Ion Fury
07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Una vera botta di nostalgia per gli appassionati di sparatutto retrò, gameplay divertente e intenso.
-
Frasi dei nemici ripetitive, i controlli a volte possono essere troppo complicati.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

Ion FuryScore

Ion Fury

RECENSIONE. Scritto da Roy Woodhouse

Un divertente titolo che ci ricorda quanto ci manca Duke Nukem.



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.