Italiano
Gamereactor
preview
Kingdom Come: Deliverance II

Kingdom Come: Deliverance II Anteprima: Un primo sguardo al sequel medievale

E sì, il gioco uscirà quest'anno, su PC, PS5 e Xbox Series.

HQ

Kingdom Come: Deliverance ha richiesto molto tempo per essere realizzato, con l'allora relativamente sconosciuto sviluppatore Warhorse che ha presentato impressionanti procedure tecniche dettagliate e ci ha ripetutamente assicurato che avrebbero consegnato un gioco di ruolo realistico, radicato e storicamente accurato senza draghi, goblin e poteri magici.

Il gioco è stato un successo, anche se il numero di problemi tecnici è stato molto, i consumatori di tutto il mondo sono stati chiaramente indulgenti e il gioco è riuscito persino a vendere oltre sei milioni di copie, il che è particolarmente impressionante per una nuova IP innovativa.

Questo risultato non è meno importante se si considera che il gioco non è ancora ottimizzato per PS5 e Xbox Series ed è quindi ancora bloccato a 30fps. Allora, cosa ha fatto Warhorse per tutto questo tempo? Bene, hanno lavorato sodo su Kingdom Come: Deliverance II, che è stato appena rivelato. Abbiamo visto una piccola presentazione del gameplay e possiamo raccontarvi tutto qui.

Kingdom Come: Deliverance II
Annuncio pubblicitario:
Kingdom Come: Deliverance II
Kingdom Come: Deliverance II

L'anno è il 1403 in Boemia intorno alla città di Kuttenberg, e giochiamo di nuovo nei panni dell'ormai leggermente più esperto ma ancora verde Henry, e insieme a Sir Hans, la sua vita è diventata un po' più prevedibile dopo gli eventi del primo gioco. Ma, naturalmente, tutto deve andare storto e Henry viene ancora una volta messo su una traiettoria che lo porta in uno scontro brutale e feroce con le principali forze politiche e militari. Lo studio assicura che anche se non hai alcun rapporto con Henry e Sir Hans, questo è un ottimo punto di partenza. Non è necessario aver giocato al primo gioco, e potresti non esserlo, poiché deve ancora essere migliorato sulle ultime piattaforme console. Tuttavia, tutte le indicazioni sono che questa sarà un'altra storia significativa e soprattutto realistica ancorata a personaggi credibili, e questo è il punto centrale della serie Kingdom Come.

Questo sequel è più ambizioso sotto ogni punto di vista. 250 dipendenti hanno lavorato per sei anni per dare vita al gioco, con poco più di tre ore di filmati nel primo gioco, ora ce ne sono cinque qui. Il mondo è anche due volte più grande e per la prima volta presenta una vera città, che secondo gli sviluppatori è stata particolarmente impegnativa. Mondo più grande, narrazione più lunga e profonda e più contenuti, apparentemente senza compromettere la struttura piuttosto libera del gioco.

Annuncio pubblicitario:

Warhorse ha stabilito che prima di tutto puoi costruire "il tuo Henry" come vuoi, ma allo stesso tempo, questo mondo consente molti tipi diversi di strategie, e ci sono regole e conseguenze nella società che aiutano a inquadrare il modo in cui prendi le decisioni. Se vieni sorpreso a rubare, cambia il modo in cui le persone in quella particolare comunità del villaggio ti vedono, e ti affronteranno e tu potrai rispondere lì. Anche se non vieni scoperto, la gente parlerà di una rapina e di un autore sconosciuto. Warhorse sembra porre molta enfasi sulla comunità empatica, e sarà interessante vedere se ci riusciranno.

Kingdom Come: Deliverance II
Kingdom Come: Deliverance II
Kingdom Come: Deliverance II

Ritorna anche il sistema di combattimento molto fisico, anche se con qualche opzione in più. In particolare, ora puoi integrare il tuo gioco di spada con armi a distanza, poiché negli anni successivi al primo gioco, le primissime armi da fuoco sono arrivate in Boemia. Si tratta di fucili abbastanza rudimentali che possono essere sparati solo una volta prima che il nemico sia su di te, ma puoi anche usare una balestra in una situazione appiccicosa.

Il bello di questo primo sguardo a Kingdom Come: Deliverance II è che Warhorse sembra aver affrontato i problemi giusti. No, non può competere con i moderni giochi AAA per quanto riguarda i dettagli grafici, ma invece c'è una profondità, un nervo e un'identità espressi attraverso la musica, l'illuminazione intelligente e gli NPC credibili. Naturalmente, resta da vedere se ci arriveranno, e Warhorse ha promesso animazioni facciali migliori in particolare, ma Kingdom Come: Deliverance II non è una potenza grafica, né è progettata per esserlo.

Il fatto che esca quest'anno su PC, PS5 e Xbox Series è di per sé sorprendente e, se arriva in uno stato più tecnicamente rifinito, probabilmente possiamo già entusiasmarci. Warhorse ha la parte lunga del bastone qui, ed è ora nella lista dei giochi più attesi del 2024 per quanto mi riguarda.

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto