Italiano
Gamereactor
testi hardware

Logitech Pro X 60 Lightspeed

Logitech ha ideato la nuova tastiera dei sogni della comunità degli eSport.

Mi piacciono molto le tastiere tradizionali di dimensioni standard con molto spazio. Mi è sempre piaciuta quella che oggi chiamiamo "Full size" e preferirò sempre quella taglia. La mia scrivania è di 210x120cm, ho un sacco di spazio e non voglio davvero mai stare senza la parte "tastierino numerico" della mia collezione di chiavi, così come non sento alcun bisogno che non ci sia assolutamente "spazio morto" sotto forma di bordi e cornici, intorno al bordo dei tasti stessi. Quindi, la Logitech Pro X 60 Lightspeed è una tastiera che di solito non sceglierei di acquistare.

Logitech Pro X 60 LightspeedLogitech Pro X 60 Lightspeed
Bianco o nero. Bianco o nero.

Non capisco davvero il loro scopo al di là del fatto che ci sono sicuramente alcuni giocatori là fuori che hanno mani più piccole o meno spazio sulla scrivania che questo tipo di microboard è un must assoluto.

Pro X 60 sta per il 60%, il che significa che questa tastiera è più piccola del 40% rispetto a un dispositivo di dimensioni standard con un tastierino numerico collegato. Ospita 62 tasti invece dei 104 che ho sulla mia tastiera Roccat e Logitech Pro X 60 Lightspeed costa 180 sterline, che è quasi oscenamente costoso per un gadget così piccolo con così pochi tasti. Comunque è molto buono, va detto. I tasti sono di altissima qualità e negli ultimi giorni l'ho usato principalmente nel nostro sim-rig dove svolge effettivamente una funzione, poiché il braccio in acciaio collegato con la relativa piastra della tastiera (che è montata sul lato del rig stesso) ha chiaramente uno spazio più limitato rispetto alla scrivania del mio ufficio.

Logitech Pro X 60 LightspeedLogitech Pro X 60 Lightspeed
Un dispositivo molto piccolo, molto costoso e molto buono, ideale per i piccoli giocatori là fuori.
Annuncio pubblicitario:

Il Logitech Pro X 60 Lightspeed misura 290x103x39 millimetri, pesa solo 620 grammi e ospita gli switch meccanici GX Optical di Logitech, che sono, come suggerisce il nome, ottici. Questi sono i primi "interruttori" ottici che Logitech abbia mai realizzato ed è chiaro che hanno fatto centro. La precisione è incredibilmente buona e c'è una "leggerezza" nel clic stesso qui che apprezzo davvero, davvero. L'obiettivo è stato anche quello di dare a me, come utente, la possibilità di personalizzare ogni piccola funzione per ogni tasto e, sebbene non ne abbia un uso diretto, vale ovviamente la pena ricordare che a ogni singolo tasto possono essere assegnate fino a cinque diverse funzioni attraverso una rimappatura senza soluzione di continuità.

Sul lato dei tasti sono presenti i pulsanti per il controllo del volume e l'attivazione diretta rapida della "Modalità gioco" e all'interno una batteria che dura circa 60-65 ore per carica. La tecnologia Lightspeed è (come suggerisce il nome) inclusa e il software G Hub funziona senza problemi come al solito ed è nel complesso il migliore di tutti questi diversi programmi di controllo di produttori come Razer, SteelSeries, Roccat, Asus e altri.

Logitech Pro X 60 Lightspeed
La serie G di Logitech offre qualità in tutto e per tutto, e la base del volante DD e le cuffie sono alcuni dei nostri gadget preferiti qui a Gamereactor.

Quindi, mentre il Logitech Pro X 60 Lightspeed ha molte ottime funzionalità, è anche troppo costoso e manca di alcune aggiunte intuitive, come una manopola del volume sul lato che dovrebbe essere in grado di silenziare tutti i suoni del gioco quando clicco sul pulsante stesso. Ma tutto sommato, questo è un gadget perfettamente buono che è senza dubbio l'ideale per i giocatori che amano competere nei tornei e hanno bisogno di un sistema più portatile.

Annuncio pubblicitario:
08 Gamereactor Italia
8 / 10
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto