Italiano
Gamereactor
recensioni
Lost in Random

Lost in Random - La recensione di un gioco ispirato a Tim Burton

In questa avventura gotica di Zoink Games, c'è solo una legge: il caso.

HQ

Quando le persone mi chiedono qual è il mio film Disney preferito, non dico loro Il re leone, Lilo & Stitch, o un film Pixar, Marvel o Star Wars, vado sempre su The Nightmare Before Christmas. Nonostante sia abbastanza lontano dalla Disney tradizionale, questo film mi ha sempre colpito, e penso che sia sempre stato dovuto al suo aspetto macabro ma eccezionale. Quindi inutile dire che quando ho visto per la prima volta Lost in Random di Zoink Games, un gioco che sembrava ispirarsi a quello stile visivo gotico di Tim Burton, ero piuttosto preso ed entusiasta, e ora dopo aver trascorso un po' di tempo con il gioco, posso dire qualcosa di più.

HQ

Ma, prima di arrivare a parlarne in dettaglio, di cosa tratta esattamente Lost in Random? La narrazione è ambientata nel mondo di Random, un luogo cupo e insolito governato da una regina onnipotente che usa un dado magico per stabilire le regole della terra. Secondo le leggi emanate dalla regina, ogni bambino deve tirare dei dadi magici all'età di 12 anni per determinare quale delle sei regioni di Random chiamerà casa per il resto della sua vita. All'inizio del gioco, questo enorme evento si abbatte su Odd, la sorella del protagonista Even, che finisce per essere portata via da casa sua dopo aver tirato un sei e trasferita a Sixtopia (la più bella delle sei regioni di Random), cosa che porta Even a intraprendere un'incredibile avventura per riportare sua sorella dalla sua famiglia a Onecroft.

Con un compito così importante ad attendere Even, ovviamente ha qualche aiuto lungo la strada, aiuto sotto forma di Dicey, uno dei restanti dadi onnipotenti viventi che si pensa si siano estinti dopo che la regina ha condotto una guerra contro di loro anni prima degli eventi del gioco. Dicey è una creatura adorabile che parla sottovoce e si trova in tutti i tipi di situazioni stupide che è difficile non trovare esilaranti per la maggior parte del tempo. Proprio come la regina e dei suoi famigerati dadi neri, Dicey è legata a Even, e la coppia è connessa da un legame simile a quello di un Pokemon e del suo allenatore, e la ragione per cui questa connessione è importante è perché Dicey può influenzare e manipolare il mondo solo dopo che ha raccolto abbastanza energia.

Lost in RandomLost in Random

Questa meccanica è cruciale in Lost in Random in quanto è una componente fondamentale del combattimento. Il gioco è in tempo reale, in quanto ti vede persino dover schivare e intrecciare tra i fanti meccanici della regina, sparando cristalli luminescenti a questi nemici con la tua fionda in modo da poter potenziare Dicey con l'energia che viene rilasciata. Il motivo per cui Dicey ha bisogno di essere potenziato dipende dal sistema di carte in Lost in Random, che vede Even impugnare una raccolta di potenti carte che le consentono di lanciare abilità, come usare una spada o un arco per danneggiare i nemici, posizionare pericoli come bombe, usa abilità di supporto, ad esempio pozioni curative, in mezzo a molte altre meccaniche. Dicey raccoglie l'energia per darti una selezione di carte, poi tiri Dicey e il numero su cui atterra è la quantità di punti con cui devi giocare le carte. Più alto è il numero, più carte sarai in grado di giocare, poiché le carte più potenti costano più punti, ad esempio l'alto danno Hammer of Two-Town costa tre punti per essere lanciato, mentre un elisir curativo di base costa solo un punto.

Penserai che questo creerebbe un sistema di combattimento davvero complesso, ma in effetti è l'opposto. Fino a quando non avrai abbastanza energia per giustificare il lancio di Dicey, ti concentrerai interamente sull'evitare danni e sparare cristalli, quindi quando lancerai Dicey e cercherai di esplorare il lato strategico del combattimento, il tempo si congela dandoti la libertà di prendere decisioni a un ampio ritmo. Una volta che hai giocato le tue carte e sei di nuovo pronto per l'azione, puoi sbloccare il tempo e iniziare a eliminare i nemici, guadagnare di nuovo cristalli, riavviando il ciclo di gioco.

Zoink ha persino intrapreso il combattimento e ha fatto un passo avanti, poiché ci sono alcuni incontri che utilizzano il sistema di lancio dei dadi casuale del gioco per giocare anche a un gioco da tavolo. Dovrai impegnarti nel tipico combattimento che ho descritto in precedenza mentre muovi anche un pezzo di gioco alla fine di una scacchiera, ad esempio, con il pezzo che si muove solo quando hai tirato Dicey. È un'aggiunta che funziona perfettamente con il sistema di combattimento e consente molta varietà nei numerosi incontri che troverai durante il gioco e, se non altro, rendono noiosi gli scenari di combattimento regolari in confronto, il che è sorprendente in quanto sono lontani da quello.

Lost in Random

Ma, nonostante il combattimento sia una parte importante di Lost in Random, la narrativa e la trama e l'esplorazione di questo mondo bizzarro ma davvero unico sono altrettanto importanti. La trama principale è davvero interessante e vorrai continuare a giocare, anche se a volte è piuttosto contorta e un po' inquietante. Zoink ha anche fatto un lavoro fantastico nel mantenere fresco il mondo, anche se noterete lo stile generale di design gotico in tutto Random che è una forza trainante per l'identità del gioco.

Dirò che, oltre a seguire la narrativa principale e impegnarsi in combattimenti, Lost in Random è un po' carente sotto altri aspetti. Random è un posto meraviglioso, ma la natura lineare del level design fa sembrare le missioni secondarie piuttosto monodimensionali e un po' noiose, e gli oggetti da collezione non aiutano molto in questo senso. La maggior parte delle volte, dovrai semplicemente sparare a pentole di terracotta per guadagnare oro per comprare più carte, o persino trovare pagine di libri di fiabe che danno un po' più di spunti narrativi, ma nessuno dei due è così eccitante.

Tuttavia, detto questo, Lost in Random è un gioco indie piuttosto incredibile, in quanto è uno dei concept più unici che abbia mai provato, ed è gestito in modo ben congegnato e fluido. Non ti senti mai fuori dalla tua profondità nel gioco, e in effetti è così avvincente che vorrai continuare a giocare. È facile pensare al concetto di Lost in Random e sentirsi un po' incerti, poiché è un gioco che guarda all'industria e ai generi consolidati che conosciamo e si rifiuta di conformarsi, ma se sei disposto a tirare i dadi e a rischiare con ciò che Zoink ha creato, partirai per un viaggio unico che non ti deluderà.

HQ
Lost in RandomLost in Random
08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
Il sistema di combattimento è incredibilmente ben progettato. La trama è coinvolgente. Le immagini sono un punto culminante assoluto.
-
Le missioni secondarie sono un po' carenti. L'esplorazione e la ricerca di oggetti da collezione possono essere noiose.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.