Italiano
Gamereactor
news
Final Fantasy VII: Rebirth

Naoki Hamaguchi è stata la chiave per lo sviluppo coordinato di Final Fantasy VII: Rebirth

Il produttore Yoshinori Kitase elogia la regia del suo collega di Square Enix e anticipa alcune delle sue idee per il terzo gioco.

HQ

Superando il suo predecessore non solo per quanto riguarda la finitura tecnica, ma anche per i sistemi di gioco, la varietà, il design aperto e innumerevoli altri dettagli, non c'è dubbio che (almeno ad oggi) Final Fantasy VII: Rebirth dovrebbe essere in corsa per il titolo di Gioco dell'Anno.

E per far sì che tutti i pezzi si inseriscano in un insieme più grande, soprattutto in un'opera così attesa come questi remake di Final Fantasy VII, il produttore Yoshinori Kitase ha parlato con il Washington Post elogiando il lavoro del team e più specificamente del suo regista, Naoki Hamaguchi.

"Hamaguchi ha fissato degli obiettivi fin dall'inizio e si è assicurato che l'intero team li condividesse e li comprendesse", ha detto Kitase. "Inoltre, questi obiettivi sono stati suddivisi in obiettivi a medio termine da raggiungere ogni tre mesi e abbiamo organizzato un webinar per tenere aggiornati i team in modo da poter rimanere tutti aggiornati".

Inoltre, Kitase conferma che lo sviluppo della terza e ultima parte della storia di FF VII: Remake è già ben avviato grazie allo sforzo e ai design che erediterà da Rebirth, anche se ci saranno dei cambiamenti. La sfida principale per il gioco finale è quella di ricostruire il suo mondo per ospitare il dirigibile Highwind, "Voglio assolutamente affrontare la stessa cosa che ci si aspetta dalla nostra esperienza con l'Highwind per esplorare il mondo", ha detto Hamaguchi.

Non è chiaro quando arriverà questo terzo atto della trilogia di Final Fantasy VII, ma il 30° anniversario nel 2027 dell'opera originale improvvisamente non sembra così inverosimile.

Final Fantasy VII: Rebirth

Testi correlati

0
Final Fantasy VII: Rebirth Score

Final Fantasy VII: Rebirth

RECENSIONE. Scritto da Ketil Skotte

Il secondo capitolo del remake più ambizioso della storia dei videogiochi è arrivato. È all'altezza della sua eredità e degli standard odierni?



Caricamento del prossimo contenuto