Gamereactor Close White
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
news

Emuparadise ha rimosso l'intera libreria di ROM dal sito

La dura repressione di Nintendo ha spinto lo staff del sito a compiere questa scelta.


Facebook
TwitterReddit

La maggior parte di coloro che hanno effettuato una ricerca sul web nel tetativo di scaricare qualche ROM, sarà sicuramente incappata sul sito Emuparadise. Al suo interno è (o per meglio dire era) possibile trovare decine di migliaia di giochi dei bei vecchi tempi, comodamente scaricabili e giocabili su un emulatore. Ora, tutto questo non è interamente legale e a causa di un'inflessibile Nintendo che ha recentemente portato alla chiusura di diversi siti che offrivano file ROM, Emuparadise ha adesso scelto di rimuovere l'enorme libreria di titoli rétro dal sito.

MasJ, fondatore di Emuparadise, ha dichiarato in merito alla questione: Non vale la pena per noi di rischiare conseguenze potenzialmente disastrose. In buona coscienza non posso rischiare il futuro dei membri del nostro team che hanno contribuito al sito nel corso degli anni. Gestiamo EmuParadise per l'amore che proviamo per il retrogaming e affinché voi possiate rivisitare quei bei tempi. Sfortunatamente, non è più possobile farlo adesso in un modo che renda tutti felici e ci tenga fuori dai guai."

"Ho aperto EmuParadise 18 anni fa perché non aveva mai avuto l'occasione di giocare molti di questi fantastici giochi crescendo in India, e volevo che anche le altre persone potessero farlo. Negli anni ho lavorato senza sosta con il resto del team di EmuParadise per assicurare che tutti avessero questo o quel fix per un determinato titolo. Abbiamo ricevuto migliaia di email da persone che ci hanno detto quanto siano stati felici di aver potuto riscoprire vecchie glorie e persino di aver potuto condividere i giochi protagonisti della loro infanzia con le generazioni successive delle loro famiglie."

Sentirete la mancanza di Emuparadise?

Fonte: Techcrunch