Gamereactor Close White
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
news
League of Legends

Riot assume una consulente di cultura e diversità per il problema di sessismo in azienda

Frances Frei aiuterà Riot per risolvere alcuni problemi interni all'azienda.

Facebook
TwitterReddit

Dopo che Kotaku aveva lanciato una pesante bomba, segnalando quando il sessismo e la bro-culture fosse dilagante a Riot Games, la compagnia ha deciso di prendere provvedimenti per sistemare la situazione. In primo luogo, sono partite le scuse nei confronti di coloro che hanno denunciato comportamenti tossici, poi hanno presentato un piano dettagliato su come avrebbero sistemato le cose e fatto ammenda, poi ci sono stati workshop per donne al PAX West (che non è stato molto ben accolto dalla componente maschile della fanbase di LoL secondo Polygon) e ora hanno assunto un consulente per la diversità e la cultura.

Frances Frei, ex dirigente Uber che ha un dottorato in Operations e Information Management, consiglierà il "culture strike team" e il gruppo dirigente di Riot, secondo VentureBeat..

"Due settimane fa abbiamo condiviso un messaggio sui nostri primi passi nell'evoluzione di Riot, tra cui l'accelerazione delle iniziative di diversità e inclusione, la ricostruzione della nostra cultura e il lancio di valutazioni di sistemi e processi da parte di terzi. Grazie alla sua carriera, Frances ha aiutato molte aziende a evolversi e ad orientarsi verso il cambiamento per raggiungere il loro pieno potenziale, e siamo onorati dal fatto che lei abbia scelto di lavorare con noi", si legge sul blog post.

"Riot non è interessata semplicemente a risolvere problemi in superficie, ha l'ambizione di essere un leader del settore e di fornire una road map per gli altri da seguire. Condivido questa ambizione e non vedo l'ora di aiutarli in questo processo", ha poi aggiunto Frances Frei nello stesso post.

Tutto ciò sembra davvero un'ottima iniziativa, quindi sarà interessante vedere cosa realizzeranno nei prossimi mesi. Complimenti a Riot che ha deciso non ignorare e negare il problema, ma in realtà ha fatto qualcosa al riguardo.

League of Legends
Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.