Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
preview
Nioh 2

Nioh 2 - Provato al Tokyo Game Show 2019

Abbiamo potuto dare un'occhiata al sequel del brutale action/RPG di Team Ninja.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Fare paragoni tra giochi difficili e la serie Dark Souls sembra essere oramai divenuto una pratica ampiamente diffusa al giorno d'oggi. La serie videoludica nata dal colpo di genio di FromSoftware su PlayStation 3 ha completamente trasformato il modo in cui intendiamo oggi un gameplay avvincente. Il primo gioco del franchise Nioh non ha fatto eccezione in questo confronto. Nonostante il suo sviluppo sia iniziato prima dell'originale Demon's Souls, Nioh vantava un'atmosfera simile ad esso, caratterizzato da una difficoltà brutale, movimenti simili e una meccanica loot. Ciò che i giochi non avevano in comune, tuttavia, era il loro aspetto. La serie Souls è più improntata ad un fantasy medievale europeo oscuro, mentre l'ambientazione scelta per Nioh è il periodo Sengoku del Giappone. Fino a quando FromSoftware ha creato Sekiro: Shadows Die Twice, che è stato annunciato all'E3 2019 con una release poco dopo. Il gioco era ambientato in un'ambientazione simile, ma con un gameplay innovativo per il genere. Nioh 2 improvvisamente si è trovato un carico maggiore da sostenere.

Fortunatamente, da quello che abbiamo visto al Tokyo Game Show 2019, sia durante il nostro hands-on sia durante la presentazione a porte chiuse, Nioh 2 sembra aggiungere nuovi ingredienti sufficienti da distinguersi dal franchise di FromSoftware.

Nioh 2

Quando si fa il sequel di un gioco di successo, un tropo molto comune è quello di fare del capitolo successivo un prequel. Questo permette ai nuovi giocatori di avere l'opportunità di confrontarsi con l'esperienza nonostante non si sia giocato il titolo originale, ma attira anche i vecchi giocatori in quanto permette loro esplorare gli eventi precedenti rispetto a quelli narrati nella loro prima avventura. Come avrai intuito, Nioh 2 segue la stessa direzione. Senza fare troppi spoiler, la storia è incentrata su due personaggi storici del periodo Sengoku in Giappone, che hanno spianato la strada a come si è trasformata la società nel primo Nioh. Questa volta Team Ninja ti consente ancora una volta di creare il protagonista grazie ad una moltitudine di opzioni, dall'adattamento della mascella all'età individuale. Per coloro che odiavano giocare con un personaggio occidentale in posa come un samurai giapponese nel primo gioco, finalmente Team Ninja dà molte possibilità di rimediare a questo aspetto.

Nioh 2 migliora rispetto al precedente aggiungendo la modalità cooperativa a tre giocatori anziché a due come nell'originale. Diciamo solo che è necessario poiché il sequel non bada a spese nel rendere il gioco tra le esperienze più difficili che tu abbia mai provato. Dopo aver messo giù il controller, non abbiamo potuto fare a meno di pensare a giochi come Devil May Cry 3, Bloodborne o persino l'originale Nioh come "facili" in confronto. Anche il ragazzo di Team Ninja lì presente ha avuto difficoltà a finire la demo durante la successiva sezione a porte chiuse. In altre parole, Nioh 2 è la definizione di un'esperienza "senza pietà".

Nioh 2

Per sopravvivere in questa ambientazione complessa del Giappone, Team Ninja ha deciso di aggiungere i poteri Yokai. Ogni volta che il giocatore sconfigge i nemici Yokai, ottiene un nucleo della loro anima, al cui interno troviamo il potere cristallizzato. Queste anime a permetteranno al tuo eroe di usare il potere del nemico caduto in battaglia. Nel nostro playthrough, abbiamo provato i poteri Yokai ed erano ciò che faceva davvero la differenza tra la vittoria e la sconfitta. Inoltre, a questo proposito, sono disponibili tante nuove armi. In particolare ci siamo innamorati della nuova accetta a doppia impugnatura, che infligge parecchi danni contro ogni nemico che abbiamo incontrato. Naturalmente anche i fan dei samurai troveranno molte opzioni a loro disposizione, grazie a diverse spade, oltre a quattro prese che fanno il loro grande ritorno in questo titolo. Quando si tratta di sopravvivere in questo duro ambiente pieno di demoni, Team Ninja non delude, in quanto dota i giocatori di molti strumenti per diventare una vera forza da non sottovalutare, fino a quando non fai una schiavata sbagliata e verrai brutalmente ucciso.

Nioh 2

Da un punto di vista grafico, Nioh 2 si posiziona tra l'accettabile e il buono. L'illuminazione è discreta, le animazioni sono accettabili e gli ambienti sono dettagliati. Nioh 2, piuttosto, eccelle nello stile artistico e nel design dei nemici. Dai piccoli "facili" ai grandi terrificanti giganti, Nioh 2 sa come rendere bello il grottesco. Lo stesso si può dire dell'ambientazione del gioco, che ricrea davvero quell'atmosfera di trovarsi nel periodo Sengoku in un Giappone pieno di demoni. Abbiamo adorato girovagare ed esplorare i vari ambienti, nonostante la loro rappresentazione lasci spazio a miglioramenti.

In conclusione, Nioh 2 sembra migliorare ogni aspetto dell'originale, mantenendosi fedele a ciò che lo ha reso eccezionale. È difficile, coinvolgente e dannatamente divertente, e per questo motivo non vediamo l'ora di provarlo nella sua interezza.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Testi correlati

Nioh 2 atteso per inizio 2020

Nioh 2 atteso per inizio 2020

NEWS. Scritto da Sam Bishop

Come forse ricorderai, il sequel di Nioh è stato annunciato alla conferenza PlayStation E3 del 2018, ma da allora non abbiamo ricevuto molte informazioni, a parte il...



Caricamento del prossimo contenuto