Gamereactor Close White
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
preview
Overwatch

Overwatch - Impressioni dal BlizzCon e Beta

Nuove impressioni sull'attesissimo primo shooter di Blizzard.

  • Testo: Redazione
Facebook
TwitterReddit

Abbiamo seguito da vicino Overwatch sin dai suoi esordi, da quando è stato annunciato per la prima volta l'anno scorso. Diciamo che non abbiamo molto apprezzato l'ultima tendenza degli shooter militari e Team Fortress 2 è stato probabilmente uno dei pochi titoli del genere che è riuscito a mantenere vivo il nostro interesse. E da quando TF2 si è trasformato in una sorta di tea party in stile Cappellaio Matto, questo nuovo e coloratissimo FPS a squadre è proprio quello che fa per noi.

L'ultimo Blizzcon è stata una grande occasione per Overwatch in quanto Blizzard ha finalmente rivelato i dettagli relativi al lancio, come i vari prezzi e l'ultima tripletta di personaggi che vedremo nel gioco. Ora sappiamo che Overwatch sarà disponibile anche per PS4 e Xbox One in contemporanea con il lancio su PC, a partire dalla prossima primavera 2016. D'altro canto, Blizzard ha regalato una brutta notizia per i giocatori Mac, in quanto sembra che sia tecnicamente impossibile portare questa esperienza sul computer casalingo di Apple. Allo stesso tempo, è stato anche confermato che Overwatch non sarà un gioco free-to-play e arriverà su tutte le piattaforme come un qualsiasi gioco standard, con un prezzo fisso al dettaglio per PC e console.

Da un punto di vista dei contenuti, Blizzard ha annunciato tre nuovi personaggi, che hanno portato il roster a quota 21. Secondo la società, non verranno aggiunti personaggi ulteriori in modo che possano concentrarsi nel restante tempo di sviluppo nel rifinire le mappe, le modalità di gioco e altre caratteristiche. Tenendo conto che non ci sarà alcuna campagna single-player, il multiplayer di Overwatch ci appare davvero ben fatto e ragionevolmente equilibrato. La nuova mappa, Hollywood, è un simpatico omaggio ad alcuni iconici set cinematografici e offre un sacco di scenari molto divertenti che riecheggiano i tipici studi hollywoodiani. È anche una mappa abbastanza congeniale per la modalità Payload, in cui è necessario scortare il regista Halfred Glitchbot (!) al sicuro, mentre la squadra avversaria cerca di fermarvi.

La prima dei nuovi personaggi è Mei, o se volete chiamarla con il suo nome completo, Mei-Ling Zhou, che è un personaggio principalmente difensivo, armato di molteplici armi e abilità basate sul congelamento. Il suo attacco principale permette di rallentare gli avversari fino a bloccarli in modo temporaneo per infliggere loro colpi consecutivi. Può anche difendersi circondandosi con un blocco di ghiaccio. Può sia guarire sia e annullare i danni mentre li incassa, ma questo la lascia anche vulnerabile in un secondo momento. La sua abilità nel creare un muro di ghiaccio invece permette di creare una gigante barriera sottile di ghiaccio che può essere utilizzata per bloccare il movimento di un nemico o addirittura avanzare verso nuove posizioni. Mei è un personaggio divertente da usare, ma è anche molto difficile da gestire e ha sempre bisogno di sostegno per i combattimenti ravvicinati.

Overwatch

Il compagno perfetto per Mei è il guerriero cyborg ninja, nonché fratello di Hanzo, Genji Shimada. Questo personaggio è veloce e letale a distanza ravvicinata grazie alla sua katana, che può essere utilizzata anche per difendersi deviando i proiettili in arrivo dal nemico. Peccato che gli altri attacchi a lungo raggio di Genji non sono affatto entusiasmanti. Gli shuriken di base sono lenti e hanno bisogno di tantissima precisione anche se riesce a lanciare tre frecce in un colpo solo con l'arco. Con le sue capacità di arrampicata, Genji è il più adatto per muoversi in modo furtivo per attaccare alle spalle una posizione nemica o per stare dietro Mei. Le sue capacità di congelamento e i fendenti di Genji si rivelano una combo devastante in più di una occasione.

L'ultimo dei tre nuovi personaggi è D.VA (Hana Song), classe tank. È una giocatrice professionista coreana, che cavalca un enorme robot mech che può caricare e scivolare attraverso l'aria con grande facilità, nonostante le sue dimensioni. Il mech è armato di due artificieri tipo fucile da caccia con una portata del fuoco davvero interessante, anche se a corto raggio. In difesa, il mech può intercettare e annullare il fuoco nemico per un breve momento, quindi è efficace nell'annientare gli strike finali dei nemici. L'unico problema è che richiede al giocatore di saper sfruttare la più piccola frazione di secondo i tempi che, nel fermento della battaglia, non è certamente da tutti.

La mossa finale di D.VA è l'autodistruzione. Provoca una grande esplosione che annienta tutti quelli che sono nelle vicinanze. Sembra quasi fin troppo potente, ma questo lascia il giocatore senza la tuta mech per un momento. Lo stesso accade se la salute di D.VA si esaurisce, lasciando il mech a piedi e armato solo di una semplice pistola. Poi è tutta una questione di sopravvivenza prima di poter chiamare un mech sostitutivo. D.VA è il più interessante dei nuovi personaggi. Per giocare con lei, è necessario pianificare costantemente qualsiasi aspetto e pensare a dove rifugiarsi nel caso in cui le cose andassero male.

Overwatch

Overwatch risulta ancora un po' confusionario per quanto riguarda il suo tema e il suo mondo. L'organizzazione che dà il nome al gioco è stata fondata in un dove non precisato nel nostro futuro per fornire una soluzione aggressiva ai robot in rivolta. Dopo che la guerra è stata combattuta e vinta, la Overwatch è stata lentamente fatta a pezzi con accuse di corruzione, prima che la loro sede venisse bombardata. Ora gli ex agenti stanno conducendo una guerra l'uno contro l'altro, perché "il mondo ha bisogno di eroi", a quanto pare.

Blizzard è sempre stata abbastanza brava a creare mondi, ma le informazioni che sono state pubblicate per il momento su Overwatch finora non hanno dato l'impressione che questo nuovo mondo fosse particolarmente forte. Ci si può chiedere, naturalmente, se un FPS a squadre avesse particolari esigenze di un mondo elaborato, ma in fin dei conti è stato proprio questo aspetto una di quelle cose che hanno coinvolto i giocatori di TP2 per così tanto tempo.

Mentre il background di TF2 era volutamente sciocco e comico, Overwatch sembra trattare più temi di attualità, alcuni dei quali non sono del tutto piacevole. Ciò entra un po' in contrasto con alcuni dei personaggi, che hanno un tono piuttosto leggero.

Il cast dei personaggi sembra un po' disomogeneo, in quanto comprende alcuni personaggi che sembrano usciti direttamente da un anime, seducenti ragazze ispirate al mondo della fantascienza, soldati cupi, così come un gorilla e un nano. L'unico modo per riuscire a trovare un minimo comun denominatore tra tutti questi personaggi così diversi è considerarli dei supereroi, ma anche allora il risultato finale sembra più un incrocio tra The Avengers, i Power Rangers e Paperino. Non c'è un tema comune.

OverwatchOverwatch

Da un punto di vista tecnico, Overwatch appare molto buono. Blizzard è ben capace di realizzare una splendida grafica e qui non si sono di certo trattenuti. Anche se gli effetti sono talvolta così esagerati che i combattimenti ravvicinati diventano spesso un caos totale.

Le mappe sono colorate e dettagliate, anche se a volte rendono un po' difficile capire cosa sta succedendo, soprattutto se siete abituati agli ambienti più semplicistici e minimal di TF2. La filosofia progettuale che sta dietro questo titolo è molto strana, con misteriosi vicoli ciechi che non forniscono nuove strade anche per gli eroi più mobili.

Oltre a dover studiare le mappe, il giocatore deve anche tenere testa ad una ventina di personaggi, i quali hanno i loro poteri speciali e modi di usarli. È bello avere una certa varietà, ma per un principiante, si tratta di una selezione un po' scoraggiante, soprattutto perché il gioco incoraggia attivamente i giocatori a cambiare i loro personaggi durante la partita. È come se fosse una versione molto complicata di sasso-carta-forbici.

Per rendere il gioco più accessibile, Blizzard dovrebbe investire di più nell'introdurre i personaggi al giocatore. Finora il modo migliore per sbloccare le cose è quello di provare l'intero lotto ogni volta contro gli avversari AI, che è un po' una seccatura.

A bilanciare le mappe complicate e la selezione dei personaggi, Overwatch presenta alcuni tipi di missioni molto semplici, come il classico Payload e Point Capture. Non ci sarà nessun deathmatch in Overwatch, in quanto Blizzard vuole che i giocatori si concentrino su obiettivi di squadra piuttosto che sulle kill.

OverwatchOverwatch

La grafica spettacolare viene supportata da un sonoro che si sposa bene con il gioco e la colonna sonora. Addirittura è possibile riconoscere il proprio avversario in base alle orme. I ragazzi più grossi fanno un sacco di rumore, quindi non vi sorprenderà quando poi vi troverete di fronte ad un tank. I suoni hanno un ruolo abbastanza tattico e importante nel gioco, quindi, se siete giocatori seri, investite in un bel paio di cuffie.

L'azione appare bella e fluida, e non abbiamo neanche notato eventuali bug nel gioco. Blizzard sta ancora rifinendo il prodotto finale, bilanciando i personaggi e così via, ma sembra praticamente finito. Tuttavia sarebbe bello se le mappe fossero un po' più semplificate.

Tutto sommato, Overwatch si rivela uno sparatutto tecnicamente molto valido, che è leggermente frenato da suoi temi confusi e da un mondo che non è ancora abbastanza. Nonostante questo, il gioco è un piccolo gioiello di suo ed è stato uno dei veri punti forti di quest'autunno. Se continuano con questo ritmo, Overwatch potrebbe benissimo essere uno dei migliori giochi del 2016.

Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.