GR STREAMING
Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands
Gamereactor
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
preview
Need for Speed Payback

Need for Speed Payback - Provato

La serie racing di EA si prepara a fare il suo ritorno in salsa cinematografica.

I Ghost Games non sono più dei novellini nella serie Need for Speed. Payback è il loro terzo gioco e non ci sono più scuse. Sono state date ampie risorse, tempo e lo studio è oramai maturo. Ma Need for Speed Payback sarà quella boccata d'ossigeno di cui la serie ha bisogno dopo anni di pubblicazioni abbastanza inutili, incapaci di attirare l'attenzione del pubblico racing? Forse, ma questo non vuol dire che i giochi che ci sono stati prima non avessero alcun merito. Non sono stati semplicemente capaci di catturare lo zeitgeist come i primi due titoli di Underground di EA Black, o Hot Pursuit di Criterion Games. Need for Speed deve essere attuale, quindi deve avere qualcosa che non troverete in giochi come Gran Turismo e Forza Motorsport (o forse, ancora di più, Horizon).

Le prime impressioni contano molto nei videogiochi e Need for Speed Payback e la sua falsa Vegas (Fortune Valley) funzionano bene in termini di grafica, illuminazione e polvere del deserto. La direzione artistica è in gran forma ed è stato fatto un buon uso del motore Frostbite.

"Volevamo espanderci su quelle basi [dai precedenti giochi Need for Speed], e così abbiamo scelto di ambientare il gioco negli Stati Uniti sud-occidentali in modo da avere una città ad ampio spettro, con un lato glamour e un lato grintoso, Ci sono i canyon che sono meravigliosi, abbiamo le montagne che vi danno una sensazione rinfrescante e poi abbiamo questo massiccio deserto nel mezzo che collega tutti questi diversi distretti", ci ha detto il creative director William Ho.

Need for Speed Payback

Mentre eravamo all'EA Play di Los Angeles, abbiamo giocato alla demo cinematografica mostrata alla conferenza stampa. La missione in questione ci ha visto sfasciare alcune muscle della House (in stile Takedown di Burnout, per poi prendere un rimorchio e rubare una Koenigsegg, e scappare. Lo avrete visto durante la conferenza stampa, ma mentre giocavamo è diventato ancora più evidente quanto la missione fosse pesantemente scriptata. Se guidate a pochi metri dal lato della strada, vi viene immediatamente detto di tornare all'interno dell'area della missione. Naturalmente i tracciati non erano dinamici (almeno per quanto ne sappiamo), un aspetto che ci ha un po' deluso, ma ha anche senso, visto ciò che Ghost Games sta cercando di raggiungere qui.

C'è una "barra della vita" per ciascuna macchina e quando iniziano a ridursi a pezzi, date il via ad un takedown metallico davvero soddisfacente, soprattutto quando si mette in moto una catena di eventi che eliminano la concorrenza. Naturalmente, potete mettere a segno questi takedown anche grazie ad alcuni errori commessi dall'IA, dove la loro "vita" si sta esaurendo e si scontrano con una barriera o un'altra vettura e finiscono il lavoro da soli, come è accaduto mentre stavamo giocando. Anche se ci ha fatto ridere parecchio, non è quasi così soddisfacente come quando lo facciamo da soli.

Le missioni di storia vedranno i giocatori passare tra i tre personaggi principali, Tyler (pilota di corsa), Mac (pilota stunt) e Jess (missioni di consegna) e passerete per ciascuno di essi. La narrativa nei giochi di corse è un aspetto con si è sempre rivelato estremamente difficile farsi coinvolgere in passato e resta da vedere se Payback riuscirà ad offrire qualcosa di meglio da questo punto di vista.

Need for Speed PaybackNeed for Speed Payback

"Prenderai parte alle varie missioni e corse per ogni personaggio", ci ha detto Ho, "e ciò che fanno è fare in modo che tutti contribuiscano a questo obiettivo centrale, chiaro, a quella trama centrale. Verrete coinvolti in alcune cose che chiamiamo "blockbuster missions" - e tu le hai viste in Highway Heist e ci hai giocato - e hai visto quei personaggi collaborare insieme per raggiungere un obiettivo insieme. E poi si separano, continuano separati e svolgono le loro diverse missioni individuali, e poi tornano a lavorare e collaborano nuovamente".

Successivamente, abbiamo assistito ad una presentazione del gioco, incentrata nello specifico sulle opzioni di personalizzazione. Chiaramente, questa è vista come una parte fondamentale del gioco e forse Need for Speed riesce a tenere testa a Forza in termini di libertà e di opzioni. Ci hanno mostrato alcuni pre-set che consentono di adattare la macchina ad un tipo di evento in cui si desidera correre, che ci ha ricordato le classi di The Crew. Ci hanno mostrato un Maggiolino come esempio e in che modo potete equipaggiarlo in base a specifiche molto diverse (off-road, dragster, street racer, ecc.). Il Maggiolino ci porta anche in un'altra area dove Need for Speed Payback ha tratto ispirazione da Forza, in particolare nei giochi della serie Horizon. I derelitti sono equivalenti a quelli di Forza Horizon, con la differenza che le opzioni di personalizzazione sono chiaramente più complesse, in modo che il processo non finisca dopo averlo trovato e quindi il concetto viene un po' espanso.

Need for Speed PaybackNeed for Speed Payback

Dopo aver giocato la missione cinematografica con le sue sequenze scriptate e le sue cutscene ci hanno anche dato la possibilità di dare un assaggio alle gare standard. Qui ci siamo fatti un'idea migliore della guida stessa e, come ci si aspetterebbe, Need for Speed Payback è un gioco che si comporta esattamente come ci si aspetterebbe da un racing arcade. Il drifting è facile da eseguire e sembra piuttosto permissivo, anche se in quei pochi secondi in cui abbiamo guidato la Koenigsegg ci hanno detto che le vere bestie del garage di Payback non sono monotone. A quanto pare, avrete alcune impostazioni e un assist per personalizzare l'esperienza, ma nel suo cuore si tratta di un gioco arcade su strade aperte.

Need for Speed Payback uscirà dopo Project CARS 2, Forza Motorsport 7 e Gran Turismo Sport, ma è un gioco molto diverso rispetto alle altre esperienze basate sui tracciati, quindi c'è forse la possibilità che il franchise ritorni alla sua vecchia gloria nel 2017.

Need for Speed Payback