Gamereactor / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands / 中國
Gamereactor
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
preview
Sea of Thieves

Sea of Thieves - Provato

Abbiamo dato un'occhiata approfondita al nuovo sim piratesco di Rare.

  • Testo: Jon Calvin
Facebook
TwitterRedditGoogle-Plus

Forti, assordanti esplosioni perforano un'aria densa e fumosa, mentre palle di ferro fischiano in modo inesorabile in quello che si profila uno scambio di opinioni (se così vogliamo chiamarlo!) davvero letale. Due navi pirata, entrambe impegnate in precedenza in sanguinose battaglie ravvicinate, hanno incrociato i propri destini mentre si avvicinavano ad un porto, entrambe traboccanti bottini. Chi vincerà questo scontro è abbastanza chiaro sin da subito, in quanto una delle due navi resiste a fatica a galla, essendo piena di falle ovunque, mentre le sue stive vengono espugnate a piene mani dall'equipaggio invasore e l'ultimo dei suoi marinai cade sotto un tripudio di fuoco nemico. In questo mondo, i tesori passano da una mano all'altra in un istante e possono nascere delle vere e proprie leggende.

È stato chiaro fin da subito che ciò che Sea of ​​Thieves si propone di offrire ai giocatori è qualcosa di diverso dal solito. Ispirato ai giochi survival open-world, il team ha cercato di creare un mondo in cui la trama prende vita grazie alle azioni del giocatori. Qui sono i giocatori a creare le proprie storie, a forgiare le loro leggende e l'unica storia che verrà raccontata è quella che si cela dietro le vostre ambizioni piratesche.

"Offriamo loro un mondo, diamo loro una serie di strumenti e il modo in cui usano questi strumenti e il modo in cui interagiscono con gli altri giocatori offrirà loro un'esperienza sempre diversa ogni volta", ha raccontato ai nostri microfoni il design director di Sea of ​​Thieves, Mike Chapman.

Visto che l'attesissima avventura spericolata di Rare si appresta ad essere pubblicata a breve, di recente abbiamo avuto la possibilità di dare un'occhiata più approfondita a questo nuovo entusiasmante sim piratesco e abbiamo potuto toccare con mano l'esperienza che i giocatori potranno godersi tra poche settimane. Dopo aver testato l'ultima build di Rare, è chiaro che molte cose sono cambiate da allora, ma fortunatamente alcune cose sono rimaste invariate. Ad esempio, l'aspetto e il comportamento dei suoi oceani sono ancora incredibilmente belli come quelli visti durante la fase alpha, tanto è vero che alcuni giocatori hanno detto di essersi sentiti male durante il gioco, colpiti dal mal di mare. "È un risultato tecnico incredibile, abbiamo trascorso un sacco di tempo e di lavoro in questo aspetto, e proprio perché trascorrerete lì tanto tempo, era necessario che fosse eccezionale come tutto il resto", ci ha detto il produttore esecutivo Joe Neate.

Sea of Thieves

La straordinaria fisica dell'acqua non è l'unico aspetto che rende davvero unico Sea of ​​Thieves. Il mondo intero è caratterizzato da questa qualità unica, quasi come se fosse un dipinto, che Neate descrive come "senza tempo" ed è testiomonianza della dedizione messa dal direttore artistico Ryan Stevenson nel creare un gioco "che non invecchia e non si basa su tutte le ultime tecnologie" per avere un bell'aspetto. Trasuda quel fascino raro che tutti ci aspettiamo quando si abbandona la fedeltà grafica, ma anzi preferisce optare per una personalità unica, in cui tutto è solo un po' confuso, ma nel senso positivo del termine.

Una aspetto che i giocatori nopn vedono l'ora di capire, soprattutto dopo la beta, è ciò che sarà, in sostanza, l'end game di Sea of ​​Thieves. In un mondo sempre online in cui la trama è guidata dai giocatori è fondamentale, ci deve essere un obiettivo per cui combattere, e Rare spera che diventare un pirata leggendario si riveli un obiettivo importante. Sappiamo già come funzionerà il sistema di progressione, ma di recente abbiamo potuto dare un'occhiata alle ricompense che attendono coloro che trascendono il mito dei pirati.

"The Pirate Hideout è qualcosa nascosto nel mondo, è la casa di Pirate Legends nel gioco", ha detto Chapman. "Quello che volevamo era creare qualcosa che fosse più di un semplice status symbol, essere una leggenda tra i pirati doveva essere qualcosa che andasse oltre il miglior outfit del gioco oppure ottenere il titolo di migliore, doveva essere un ricompensa tangibile per tutto il tempo trascorso e per tutte queste avventure vissute nel gioco. "

Quest'area esclusiva fungerà da primo end goal del gioco e fungerà da area di sosta per ciò che accade dopo il lancio. Secondo Chapman, rappresenya anche un "investimento significativo di tempo", dato che qui avrete accesso a quest e oggetti esclusivi leggendari pensati per mostrare il vostro status al mondo, se lo volete naturalmente. In particolare, potresti persino avere accesso ad una nave esclusiva e leggendaria, anziché iniziare da una generica nave, potete applicare modifiche estetiche ad ogni viaggio.

Sea of Thieves

È interessante notare che la progressione in Sea of ​​Thieves non influirà sulla vostra possibilità di giocare in compagnia dei vostri amici, dato che persino una Leggenda Pirata può navigare con i neofiti ​​e condividere il bottino end game che guadagnano. Nonostante lavorare per tre fazioni principali - i Gold Hoarders, i Merchant Guild e gli Order of Chaos - aumenterà il vostro livello di reputazione con loro, dandovi accesso a contratti migliori, questo non influirà sulla potenza del personaggio o sul ridimensionamento dei danni, come sottolinea Chapman :

"Abbiamo fatto una scelta all'inizio del progetto per non creare barriere che impedissero ad amici e potenziali nuovi amici di giocare insieme, quindi se avete giocato per 100 ore e avete comprato il gioco il giorno del lancio, possiamo comunque giocare insieme, perché Sea of ​​Thieves non è un gioco di inseguimenti infiniti, si tratta di avere avventure divertenti che si giocano ogni volta in modo diverso con i vostri amici ".

In modo ambizioso, Rare sta cercando di creare un gioco che tutti possano apprezzare, dove l'inclusività è al centro del suo core design. Potete vedere questo nell'approccio del gioco al cross-play, nella sua ampia gamma di ottimizzazione per PC e nel suo sistema di livellamento che cerca di non separare mai i giocatori in gerarchie. Dal momento che sarà uno dei primi titoli di lancio di Microsoft per Game Pass, sarà interessante capire in che modo questo influenzi l'impegno della community. Dal punto di vista dello sviluppatore, come ci ha detto Ted Timmins, PC Design lead, Game Pass è considerato un vantaggio. "Da sviluppatore, vuoi solo che ci sia il maggior numero di modi in cui le persone possono giocare al tuo gioco il più possibile e questo si ricollega al cross-play e a Xbox Play Anywhere e Game Pass", ha affermato.

Il cross-play è stato un argomento molto discusso dai giocatori in passato, ma Timmins è stato piuttosto ottimista sul bilanciamento dovuto alla meccanica unica presente in Sea of ​​Thieves. L'idea è che potete giocare a questo titolo ovunque, su qualsiasi PC, e funziona anche a 540p su laptop di fascia bassa. "Fintanto che teniamo tutto all'unisono, facciamo sempre del nostro meglio per renderlo un mondo equilibrato e fondamentalmente nave vs nave. Non importa che siate su Xbox o PC, è solo una questione di fisica ," ci ha spiegato.

Sea of ThievesSea of Thieves
Sea of Thieves
Sea of ThievesSea of Thieves
Sea of ThievesSea of ThievesSea of Thieves