Gamereactor Close White
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
preview
Super Smash Bros. Ultimate

Super Smash Bros. Ultimate - Provato

L'ennesimo, attesissimo, sconto tra Titani.

Facebook
TwitterReddit

Ad ogni capitolo della serie Smash Bros., c'è una domanda che ricorre con frequenza tra gli appassionati della serie: cosa mai si inventerà Nintendo per la prossima iterazione, visto che ha già raggiunto l'ennesimo stato di perfezione? Si sa, la compagnia di Kyoto ha sempre assi nella manica, non si adagia mai sugli allori, soprattutto quando si tratta di una serie che procede a passo spedito da tempo e che è uscita su praticamente qualsiasi console della casa nipponica negli ultimi 20 anni. E neanche questa volta Nintendo ha deciso di non accontentarsi, di farsi indurre in tentazione percorrendo il percorso più semplice - quello della reiterazione - e con Super Smash Bros. Ultimate per Nintendo Switch, la grande "N" sembra voler portare la celebre saga "picchiaduro", da sempre sinonimo di qualità, ad un nuovo straordinario livello. Appena qualche giorno fa abbiamo avuto la possibilità di sporcarci le mani con la modalità La Stella della Speranza, "Classic" e "Smash, tra i fiori all'occhiello di questa nuova avventura "a suon di mazzate" in arrivo il prossimo 7 dicembre, la prima una funzionalità singleplayer che va ad affiancarsi al già nutrito comparto multiplayer che tanto abbiamo imparato ad amare e ad apprezzare negli ultimi quattro lustri.

Dopo aver ricevuto un assaggio della modalità La Stella della Speranza durante l'ultimo corposo Nintendo Direct svoltosi il 1° novembre, abbiamo avuto l'opportunità di tastare con mano questa nuova aggiunta alla serie. Quella che potremmo definire una "modalità avventura" ci catapulta in un'esperienza che, nonostante il suo design dai colori vivaci e brillanti, nasconde un lato piuttosto oscuro. Tramite una lunga sequenza cinematografica introduttiva, scopriamo che, dopo un estenuante scontro letale, i diversi lottatori di Smash Bros. sono stati sconfitti e i loro spiriti sono stati intrappolati. Nei panni dell'unico sopravvissuto, la deliziosa pallina rosa Kirby, il giocatore è chiamato a percorrere diverse tappe di una ricca mappa con l'obiettivo di liberare non solo le anime dei combattenti - e sbloccare, di conseguenza il personaggio per renderlo giocabile - ma anche una serie di piccoli spiriti che riveleranno vitali per decidere il nostro approccio sul campo di battaglia.

Super Smash Bros. Ultimate

Quella che all'inizio appare semplicemente come una modalità che funge da pausa dagli scontri mortali multiplayer in locale e online si rivela, in realtà, una caratteristica molto interessante (per cui è possibile selezionare diversi livelli di difficoltà, per non frustrare troppo i nuovi arrivati e non annoiare i giocatori veterani della serie). La Stella della Speranza, infatti, non va confusa con un training, ma è una modalità in senso assoluto che permette di comprendere sin da subito il motore che muove l'esperienza di Super Smash Bros. Ultimate. Poco fa parlavamo della presenza degli Spiriti, una caratteristica che offre una maggiore profondità in termini di gameplay. Questi si suddividono in due tipologie, Combattenti (primari) e Aiutanti (secondari), dove i primi offrono bonus e perk per le tre diverse statistiche (Attacco, Scudo e Presa), mentre invece gli altri garantiscono bonus passivi. A mano a mano che questi spiriti vengono sbloccati, i giocatori potranno divertirsi con le tantissime combinazioni a loro disposizione per rendere ancora più affascinante il combattimento; tuttavia, se siete tra i giocatori più pigri, c'è la possibilità di affidare la scelta degli spiriti che meglio si addicono a quel particolare incontro direttamente al gioco.

A rendere tuttavia più coinvolgente e più movimentata questa modalità di Super Smash Bros. Ultimate, che non si limita ad una struttura ripetitiva e, alla lunga, noiosa, c'è la variabile relativa alla possibilità di affrontare determinati boss esclusivamente con dati personaggi, mini-giochi molto divertenti che permettono di entrare in possesso di forzieri contenenti extra (ma ovviamente sempre a tema Smash Bros.), tutte qualità che rendono questo nuovo gioco a firma Nintendo ancora più strutturato e complesso. C'è un aspetto relativo agli Spiriti che conferma questo senso di profondità che permea l'intera esperienza del nuovo Smash Bros., ossia le Battaglie Spirito. Queste sfide consentono ai giocatori di sbloccare le carte dei diversi spiriti tramite un Tabellone degli Spiriti, ciascuna delle quali disponibili ogni cinque minuti dal loro utilizzo. Se infatti dovessimo perdere una sfida dopo aver usato un determinato spirito/abilità, questo non potrà essere ri-selezionato immediatamente, ma il giocatore deve attendere che il countdown arrivi nuovamente a zero affinché questo torni disponibile. Il fatto che queste carte sono offerte in forma randomica rende l'esperienza ancora più intrigante, proprio perché tutto è nelle mani del caso, rendendo queste sfide ancora più avvincenti. Tuttavia, non basta sconfiggere lo spirito per riuscire ad ottenerlo: infatti, non appena abbiamo sconfitto l'avversario, il giocatore potrà entrare in possesso di quest'ultimo solo tramite un mini-gioco dove l'elemento tempismo appare fondamentale, anche se il tutto viene semplificato utilizzando le monete collezionate in-game, che possono, ad esempio, rallentare il tempo. Abbiamo trovato questa parte del gioco davvero molto interessante, per quanto la nostra prova sia stata particolarmente fugace, ma crediamo che permetterà ai giocatori di sperimentare sul campo ed essere molto creativi durante i loro combattimenti. Non vediamo l'ora di metterla alla prova con la versione finale del gioco.

Super Smash Bros. UltimateSuper Smash Bros. UltimateSuper Smash Bros. Ultimate
Super Smash Bros. UltimateSuper Smash Bros. UltimateSuper Smash Bros. Ultimate
Super Smash Bros. Ultimate