Gamereactor International Italiano / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands
Gamereactor
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
recensioni
Planet of the Eyes

Planet of the Eyes

Un breve, ma rilassante viaggio sci-fi.

  • Testo: Marco Vrolijk

Il platform adventure sci-fi di Cococucumber, Planet of the Eyes, è stato originariamente pubblicato su PC nel 2015 ed è arrivato anche finalista come miglior gioco indie ai Canadian Videogame Awards. Nel caso ve lo foste fatto scappare all'epoca, siete fortunati perché, dopo due anni, il gioco è di nuovo disponibile su PlayStation 4 e Xbox One.

In Planet of the Eyes vestiamo i panni di un robot che è sopravvissuto ad uno schianto su un pianeta alieno. La maggior parte dell'equipaggio è morto, ma ci sono alcuni sopravvissuti che si sono allontanati dal luogo dell'incidente per cercare un faro senza di voi. Mentre si attraversa un mondo 2D visivamente piacevole, ci si imbatte in nastri registrati lasciati dal vostro creatore, che permettono alla storia di andare avanti. Per trovare il vostro creatore, preparatevi a correre, saltare e nuotare per sopravvivere, in quanto il vostro robot non è in grado di combattere.

La prima cosa che noterete in Planet of the Eyes è il fatto che il suo carattere sci-fi incontra uno stile visivo simile a quello dei cartoni animati di Cartoon Network, molto colorato e sicuramente ben rifinito. Mentre si avanza nel mondo alieno, assisteremo ad un cambiamento continuo di scenari che si collega alla trama. Non aspettatevi di restare costantemente meravigliati dalla grafica di Planet of the Eyes. Anche se sempre molto bella, non possiamo dire che sia anche relativamente complicata. Offre un'esperienza di gioco molto rilassante, ma siamo convinti che questa possa risultare che un po' noiosa per alcuni giocatori.

Planet of the Eyes
Planet of the Eyes

Calmo e rilassante sono gli aggettivi migliori che servono per descrivere Planet of the Eyes. Il vostro viaggio è un mix tra la risoluzione di piccoli puzzle e affrontare una varietà di alieni ostili. Il movimento e i salti appaiono fluidi e la difficoltà si limita principalmente a capire in che modo spostare gli oggetti e gli alieni che bloccano la vostra avanzata, utilizzando interruttori, casse o sporgenze. Avrete bisogno di alcune competenze in termini di velocità e platform, ma il gioco non diventa mai particolarmente frenetico o difficile da gestire. I respawn sono infiniti e abbondanti. Nonostante questo, il gioco è divertente e offre molta varietà in termini di gioco.

La musica di sottosfondo di Planet of the Eyes ha un che di ambient dark. Siamo convinti che vi piacerà se amate la musica melanconica, altrimenti potrebbe risultare un po' deprimente. A nostro avviso, la musica si adatta perfettamente alla qualità delle immagini. Guardare il piccolo robot che salta in modo innocente rende la colonna sonora più forte e più oscura del gioco stesso a volte, e aggiunge grande atmosfera al gioco.

Mancano, però, alcune delle cose che rendono piacevole un gioco platform 2D. Per esempio, non ci sono oggetti collezionabili nel gioco, come stelle o monete. Questo diminuisce l'interazione con il mondo del gioco. Ci siamo trovati a cercare passaggi segreti nei primi livelli del gioco, prima di renderci conto che senza oggetti da collezione non vale la pena avere aree segrete. Siamo convinti che l'aggiunta dei collezionabili avrebbe aggiunto un ulteriore livello al gameplay. D'altra parte, non dover raccogliere e cercare segreti si adatta al ritmo rilassante del gioco.

Planet of the Eyes
Planet of the Eyes

Un secondo aspetto che ci sentiamo di criticare è il fatto che la storia sia improntata alla scoperta del mondo alieno e dei suoi abitanti, ma alla fine non ci riesce. Vi troverete ad attraversare alcune rovine bellissime sullo sfondo che potrebbero offrire un livello aggiunto alla storia. Alla fine però, non ci viene rivelato quasi nulla sulle rovine o sulle creature del mondo in cui ci troviamo bloccati. C'è una bella trama, ma riteniamo che avrebbe potuto essere qualcosa di più. Da un punto di vista della storia, Planet of the Eyes non raggiunge l'alto livello di giochi simili, quali Limbo o Inside, che raccontano più storie emozionanti che vi entrano dentro per un po'.

Il gioco avrebbe potuto offrire molto altro anche in termini di durata. Perché il gioco è veramente piacevole, e ci dispiace che fosse già finito dopo circa un'ora e mezza. Considerando il prezzo relativamente alto del gioco, il fatto che sia troppo breve non gioca di certo a suo favore. Anche se qualcuno avesse difficoltà a superare ogni ostacolo o puzzle, è difficile immaginare che il gioco ci porti via più di due ore intere per completarlo.

Insomma, Planet of the Eyes è un gioco che dovreste prendere in considerazione? Per gli appassionati dei giochi retro sci-fi e quelli che cercano un gioco rilassante con un ritmo semplice, ci sentiamo di consigliarlo caldamente. Il gioco sarà facilmente giocabile da giocatori casual (o anche non giocatori), rendendolo perfetto per una serata in casa in compagnia di un amico o di un coniuge. Per i giocatori più esperti e quelli che amano giocare ad un ritmo più elevato, Planet of the Eyes potrebbe risultare troppo lento e troppo breve.

Planet of the Eyes
Planet of the Eyes
Planet of the Eyes
Planet of the Eyes
07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Ottimo stile in 2D, Colonna sonora ricca di atmosfera; Ritmo rilassante; Ben rifinito.
-
Troppo breve; Trama poco profonda; Un prezzo un po' alto.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi