Gamereactor / Dansk / Svenska / Norsk / Suomi / English / Deutsch / Español / Português / Français / Nederlands / 中國 / Indonesia / Polski
Gamereactor Close White
Accedi






Password dimenticata?
Non sono iscritto, ma vorrei esserlo

Oppure effettua il log-in con Facebook
Gamereactor Italia
recensioni
Firewall Zero Hour

Firewall Zero Hour

Nonostante il suo nome, Firewall Zero Hour non è così generico come tanti altri sparatutto VR.

  • Testo: Sam Bishop
Facebook
TwitterReddit

Sembra che gli sparatutto VR non riescano proprio a spiccare, dal momento che in seguito al Bravo Team abbiamo Firewall Zero Hour di First Contact Entertainment, uno sparatutto PSVR che è appena uscito. Con il campo di battaglia che ci ha chiamato ancora una volta, ci siamo adattati, abbiamo indossato di nuovo il dispositivo PSVR e ci siamo diretti con il Firewall Aim Controller in mano per vedere se questo sparatutto è un successo annunciato o manca completamente il bersaglio.

Magari vi ricorderete l'Aim Controller di Farpoint, l'eccellente sparatutto PSVR dell'anno scorso, e se avete giocato a quel gioco saprete quanto è coinvolgente. È modellato in modo libero su di un fucile d'assalto e mappa tutti i pulsanti PS4 esistenti in luoghi facili da raggiungere sul retro e sul davanti e, di conseguenza, si adatta perfettamente a Firewall. Per essere chiari, potete anche usare il DualShock 4 e puntarlo contro i tuoi nemici come se fossi una pistola, ma è davvero al meglio con l'Aim.

In effetti, l'intero layout dei pulsanti per il gioco è facile e accessibile, il che significa che i nuovi arrivati possono facilmente trovarsi a proprio agio dopo il tutorial e qualche round speso nel vivo della battaglia. Equipaggiamenti come granate, C4 e mine si trovano su due pulsanti dietro la levetta sinistra (con un arco di lancio per aiutarvi a puntarli) e, naturalmente, lo shooting funziona come vi aspettereste, usando il grilletto. Ci sono altri suggerimenti come il quadrato per ricaricare, X per aprire le porte e tutto sembra molto naturale molto rapidamente.

Anche le partite 4v4 sono semplici: una squadra difende un punto dati mentre l'altra fazione cerca di raggiungerla e hackerarla. È praticamente una miscela tra CS: GO e Siege, poiché è basato sugli obiettivi e richiede agli attaccanti di violare l'area e accedere a un punto specifico mentre i difensori lavorano per respingerli. Oh, e avete solo una vita, quindi le tattiche sono importanti per far in modo di non morire alla svelta.

Firewall Zero Hour

Ci sono un certo numero di mappe tra cui scegliere, tutte diverse e con una propria identità unica sia in termini di layout che di aspetto. Office, ad esempio, è la sede di una società di social media alla moda e ha mobili e loghi luminosi ovunque, mentre District ci porta in Medio Oriente per un'esperienza un po' grintosa con illuminazione un po' di scarsa. Conoscere queste mappe risolve metà della battaglia, come lo è per qualsiasi sparatutto tattico, e giocano un ruolo chiave nel modo in cui si gioca ogni partita.

Preparati ad aspettare molto nelle hall di Firewall, perché le partite sono piuttosto brevi e vi ritroverete fuori combattimento tanto quanto lo sei in battaglia. Ci sono un sacco di cose da personalizzare in termini di loadout e personaggio, ma c'è solo tanto da fare prima di ricorrere al solo sventolare la pistola per far fare al tuo avatar pose divertenti.

Parlando in termini di meccaniche, gli scontri a fuoco in Firewall sono solidi, e l'accessibilità di tutto aiuta a rendere questo sparatutto molto avvincente. Nulla al pari del raffinato Rainbow Six: Siege, ma grazie ad uno shooting coinvolgente e momenti di tensione in attesa che un nemico arrivi dietro l'angolo in qualsiasi momento, è costruito sullo stesso fascino del gioco di Ubisoft.

Firewall Zero Hour

L'arsenale a vostra disposizione è il solito mix di armi automatiche, fucili a pompa e simili, e aiuta a garantire che i loadout siano importanti quanto vi aspettereste. Ci sono anche pistole, e tutte queste armi da fuoco sono soddisfacenti per l'uso in-game, specialmente da quando l'atterraggio è affidato al vostro obiettivo anzichè a quanto bene sapete usare un controller, il che aumenta la soddisfazione se ci riuscite.
Inoltre, l'interfaccia utente è davvero chiara, fornendo una mappa per verificare la posizione del terreno, mentre tutti i vostri compagni di squadra sono contrassegnati da contorni luminosi in modo da poter vedere anche le loro posizioni. Con piccole mappe e spazi ristretti da attraversare, tutto questo aiuta a rende il lavoro di squadra più facile per coloro che vogliono essere super tattici, sebbene possiate comunque scegliere di correre in giro come un anticonformista.

La connessione per la maggior parte era solida, e abbiamo trovato le partite relativamente velocemente, quindi non è stato molto difficile entrare in gioco. Stranamente, in realtà abbiamo solo sperimentato ciò che il gioco definiva "arresti anomali della rete" durante i contenuti per giocatore singolo, vale a dire il tutorial e le corse solitarie contro l'IA, che ci riportava al menu principale. Quelli erano gli unici momenti incasinati che abbiamo trovato, anche se erano relativamente frequenti.

Firewall Zero Hour è molto semplice in termini di ciò che offre, e con una modalità di gioco e nessuna storia per giocatore singolo questo potrebbe non fare breccia nel cuore dei fan degli sparatutto per molto tempo, ma ciò che offre è solido e meccanicamente valido. C'è qualcosa di coinvolgente nel tenere l'Aim Controller e vederlo apparire come un'arma nelle mani del nostro avatar, e First Contact ha trovato un modo per convertirlo nello spazio multiplayer. Con così tanti sparatutto VR già in circolazione, Firewall fa colpo e si è fatto strada nel genere facendosi un nome e vale la pena provarlo, se state cercando un gioco VR un po' più intenso.

Firewall Zero Hour
08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
Premessa semplice e accessibile; Mappe varie; Shooting e equipaggiamento immersivi; Partite 4v4 concitate e tese.
-
Crash nel singleplayer; Una modalità di gioco; Troppe attese.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi