Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
preview
The Division 2

The Division 2: Warlords of New York - Provato

La terza e a quanto pare definitiva espansione ci riporta a Manhattan con fantastici combattimenti contro i boss, il ritorno di amate fazioni, nuove abilità, modifiche al sistema di equipaggiamenti e altro ancora.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Dopo aver ripulito le strade di Washington DC, fingendo di essere Tarzan al Manning National Zoo e persino essersi ripresi il Pentagono dal Black Tusk, la terza e a quanto pare definitiva espansione di The Division 2 ci riporterà dove ha avuto inizio: New York City. O meglio, South Manhattan e Coney Island per essere più specifici. Nonostante ci siamo divertiti ad esplorare Washington, non c'erano dubbi su ciò che il pubblico alla conferenza E3 2019 di Ubisoft abbia pensato quando Massive ha annunciato che avremmo portato a termine la nostra lotta tornando sulla costa orientale. Bene, ci è stato permesso di provare parti di Warlords of New York, e l'ambientazione è tutt'altro che l'unica cosa che ci ha emozionato di questa nuova espansione.

Certo, correre nella South Manhattan, ora soleggiata ed estiva, è molto divertente in quanto i suoi maestosi grattacieli, i vicoli claustrofobici e il Luna Park abbandonato sono molto diversi da Washington, ma il gameplay è sempre l'elemento che fa da padrona. Ecco perché siamo lieti di dire che le nostre due ore con l'episodio 3 e Warlords of New York hanno offerto delle vere chicche anche in quel dipartimento.

The Division 2

Una delle prime cose che noterai è che Massive ha preso una pagina dal libro di Ghost Recon: Wildlands per strutturare la missione. La struttura abbastanza lineare del gioco base è stata in qualche modo sostituita da un approccio più aperto che ti consente di scegliere in quale ordine fare le cose. Questo è possibile perché il tuo obiettivo principale è quello di eliminare Aaron Keener, ma trovarlo richiede prima di tutto di trovare e uccidere i suoi quattro luogotenenti. Trovare indizi su dove si trovino è abbastanza facile. Basta andare in tre aree contrassegnate in cui intraprendi brevi missioni ottenendo qualche informazione alla fine. Ognuno di questi ti dirà anche un po' di più sull'obiettivo e abbiamo trovato interessante apprendere di più sul perché e come questi agenti della Divisione sono passati al lato oscuro, quindi i compiti non sembravano solo faccende noiose.

Trovare tutti e tre i pezzi svelerà la posizione del rispettivo tenente sulla tua mappa, il che significa una missione completa con una boss fight. Anche se potrebbe non sembrare particolarmente originale o vario, lo studio svedese ha apportato alcune interessanti modifiche in base ai feedback dei giocatori. Tra questa, la possibilità di avere più sequenze puzzle nelle missioni. Durante la nostra caccia a Theo Parnell, ci siamo imbattuti in tre aree che erano semi-nascoste e ci hanno richiesto di sparare a scatole di micce o premere pulsanti da qualche altra parte per accedere. Non abbiamo visto nulla di simile al puzzle "smile and wave" di Marina Supply Route, ma ciò non vuol dire che qualcosa di simile non ci aspetti a South Manhattan da qualche parte.

The Division 2The Division 2The Division 2The Division 2

Poi ci sono i suddetti combattimenti contro i boss. Ognuno dei luogotenenti avrà equipaggiamento e abilità unici, e otterrai queste abilità in stile Mega Man dopo averli sconfitti. Quattro nuove abilità, forse cinque se Keener ne ha una? Sì grazie. Soprattutto quando uno di loro segna il ritorno della bomba appiccicosa di The Division, sebbene con alcuni miglioramenti. Non è nemmeno l'unica cosa affascinante dei combattimenti contro i boss, poiché anche combatterli è sorprendentemente divertente.

Parliamone. La maggior parte dei combattimenti contro i boss in The Division 2 sono contro più nemici come spugne per proiettili con armi più letali, ma il nostro tempo con Warlords of New York ci ha portato a credere che questi combattimenti saranno molto più unici. Abbiamo iniziato a capire che la nostra battaglia contro Parnell sarebbe stata un po' diversa dai pochi minuti in cui abbiamo avuto modo di provare questa espansione.

Combattere in un'area del campo circondata da numerose torri di avvistamento inaccessibili in cui la faccia compiaciuta di Parnell appare su di essi è sicuramente qualcosa che non ci aspettavamo di trovare in The Division 2. Sprecare munizioni e andare fuori copertura per renderci conto di aver sparato a uno dei suoi ologrammi è stato, per mancanza di una parola migliore, fantastico. I piani sono cambiati e la nostra strategia ha finito per essere quella di sporgere la testa per un secondo prima di abbassarci di un millisecondo prima che Parnell rivelasse la sua vera posizione sparandoci. Non è stato comunque facile. Gli otturatori coprivano le torri di tanto in tanto, permettendo a Parnell di cambiare posizione e richiamare una nuova ondata di nemici per distrarci o allontanarci dalla copertura. Anche se per lo più ha solo prolungato l'inevitabile in difficoltà normale, questa svolta è stata una boccata d'aria fresca e potrebbe finire per essere molto intensa nelle impostazioni di difficoltà più alte. Speriamo che le altre missioni siano altrettanto uniche.

Nuovi ambienti, un'attenzione più massiccia all'esplorazione e ai segreti e combattimenti con i boss unici sarebbero più che sufficienti per farci trascorrere più ore in The Division 2 dopo il lancio di Warlords of New York, ma non è tutto ciò che otterremo. Non puoi parlare dell'espansione senza menzionare le modifiche generali e i miglioramenti implementati dall'aggiornamento Episodio 3 per i possessori del Pass Anno 1. Combattere i Cleaner che sputano fiamme e i brutali Riker ravviverà ancora una volta le cose, e grigliarli con il lanciafiamme della nuova specializzazione Firewall è uno spettacolo da vedere. Completa questo un nuovo sistema di equipaggiamenti che sarà più facile da capire per i nuovi arrivati e più facile da ottimizzare per i veterani, un sistema di bottino migliorato, un sistema simile a un pass battaglia, mini-campagne basate su stagione ed eventi speciali, miglioramenti delle Zone Nere, dieci nuovi livelli da salire, il secondo Raid e tutta una serie di altri miglioramenti all'esperienza principale ed è chiaro che non metteremo via The Division 2 per molto tempo dopo il lancio di Warlords of New York, previsto per il prossimo 3 marzo.

The Division 2The Division 2The Division 2
The Division 2The Division 2

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Testi correlati

The Division 2: Warlords of New YorkScore

The Division 2: Warlords of New York

RECENSIONE. Scritto da Eirik Hyldbakk Furu

Vale la pena fare un viaggio nel punto in cui tutto è iniziato ora che il design ambientale è il migliore sulla piazza e i combattimenti contro i boss sono più unici di quelli visti in passato.



Caricamento del prossimo contenuto