Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
preview
The Elder Scrolls: Blades

The Elder Scrolls: Blades - Provato su Switch al QuakeCon 2019

Abbiamo giocato alla per la console di Nintendo.

  • Kieran HarrisKieran Harris
The Elder Scrolls: Blades

Attualmente in Early Access, The Elder Scrolls: Blades è il nuovo tentativo di Bethesda di dominare lo spazio mobile offrendo un'esperienza multi-piattaforma che si dice sia alla pari con altri giochi di ruolo sulle console principali. Pensa a Skyrim o Oblivion che possono stare bene nel palmo della tua mano, con progressi che possono essere condivisi su molti dispositivi diversi (beh, questa è comunque l'idea, almeno). Durante lo showcase della compagnia all'E3, lo scorso giugno, è stato annunciato che Blades sarebbe arrivato su Switch nel corso del prossimo autunno, e abbiamo potuto dare un'occhiata più da vicino a questa versione mentre eravamo al QuakeCon Europe, pochi giorni fa.

La demo disponibile nello showfloor verteva solo su una missione, che ricordavamo di aver giocato all'inizio nella versione mobile. Qui abbiamo dovuto cercare due taglialegna scomparsi in una foresta mentre ci facevamo strada tra lupi e spriggans. Il livello stesso era molto lineare e la maggior parte delle volte abbiamo seguito un raggio luminoso di luce blu mentre facevamo una pausa per raccogliere materiali e impegnarci in battaglia. La demo in sé non ci ha mostrato ulteriori storie o contenuti del gioco, ma grazie ad essa abbiamo potuto farci un'idea su due cose: sul modo in cui il gioco si controlla su Switch e come regge su uno schermo TV.

Blades su Switch risolve molti dei nostri problemi con la versione mobile per quanto riguarda i controlli, principalmente perché l'utilizzo del touchscreen è completamente opzionale. Dover toccare lo schermo per far avanzare il tuo personaggio ogni paio di passaggi era davvero noioso, ed è molto più naturale riuscire a spingere uno stick analogico nella direzione da noi scelta. Anche lo schermo sul cellulare sembrava davvero troppo pieno, poiché i comandi per pozioni, attacchi speciali e blocchi difensivi con il nostro scudo occupavano tutti lo stesso spazio. Questo potrebbe accadere anche su Switch, ma ora c'è un pulsante assegnato a ciascuno, quindi non c'è pericolo di toccare accidentalmente quello sbagliato, il che può essere una manna dal cielo per quelli come noi che hanno le dita grassocce.

The Elder Scrolls: Blades

Va precisato che abbiamo giocato a Blade in modalità dock con un controller Pro, quindi ci sono ancora alcuni aspetti che non abbiamo potuto provare. All'E3 Bethesda ha rivelato che i controlli di movimento sarebbero stati effettivamente presenti, che immaginiamo funzioneranno davvero bene per azioni come lanciare la tua spada verso i nemici, ma purtroppo non abbiamo potuto vederli in azione. Inoltre, non abbiamo potuto utilizzare i controlli touchscreen a causa della configurazione, ma immaginiamo che funzioneranno insieme ai pulsanti assegnati e saranno puramente opzionali. Essenzialmente siamo contenti che ci sia la possibilità di giocare con i pulsanti sul controller.

Un punto di forza di Blades è che è multipiattaforma e i tuoi progressi vengono mantenuti senza problemi quando si passa a un altro dispositivo. Ciò significa che puoi giocare sul tuo telefono durante il tuo consueto tragitto giornaliero, ad esempio, e quindi continuare l'avventura su Switch quando torni a casa. La console Nintendo, ovviamente, ha il vantaggio di essere portatile ed è riproducibile sulla TV attraverso la modalità docked (oltre a Switch Lite), quindi questo elimina la necessità di dover alternarsi tra i dispositivi. Questo - e il fatto che sembra essere l'unica piattaforma in grado di offrire motion control - è il motivo per cui Switch sarà la nostra piattaforma preferita una volta che Blades uscirà dall'Early Access, più avanti nel corso dell'anno.

Blades è davvero impressionanti quando eseguito su dispositivi mobili, ma non è altrettanto bello quando si esegue su una TV. Va detto che la versione di Switch sembra identica a quella su un iPhone X, senza apparenti miglioramenti visivi nonostante funzionasse su hardware molto più potenti. Quando si gioca su uno schermo TV, iniziano a presentarsi anche molte imperfezioni, poiché i modelli dei personaggi appaiono un po' grezzi e le sfumature verdi della foresta sembrano semplicemente sbiadite. Essendo un titolo mobile free-to-play, si colloca al di sopra della concorrenza in termini grafici, ma non può competere con altri importanti giochi di ruolo per console con cui dice di essere in competizione.

Blades su Switch sembra essere il modo definitivo per giocare al gioco di ruolo free-to-play questo autunno, poiché può essere giocato sia a casa che in viaggio senza la necessità di spostarsi da un dispositivo e l'altro, oltre al fatto che include anche i controlli di movimento. In modalità portatile, inoltre, non è più necessario utilizzare i controlli touchscreen occasionalmente noiosi che non ci piacevano affatto nella versione mobile, ma le cose iniziano a sembrare molto meno rosee se lo si collega a una TV. Restiamo in attesa di saperne di più il prossimo autunno, dunque.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
The Elder Scrolls: Blades