Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor Italia
preview
Total War: Three Kingdoms

Total War: Three Kingdoms - Provato

Creative Assembly si sta dedicando questa volta all'epoca della storia cinese denominata dei Tre Regni per uno dei più ambiziosi giochi di Total War fino ad oggi.

Skip

In linea generale, ci sono due modi per giocare la campagna principale di Total War: Three Kingdoms. Da un lato, ci sarà una cosiddetta modalità Record che dovrebbe essere molto simile alla modalità Campagna di ogni gioco storico della serie Total War fino ad oggi. D'altra parte, c'è la modalità Romance, una nuova svolta alla formula storica che lo studio ha perfezionato negli anni in cui le figure più importanti della leggendaria era dei Tre Regni in Cina sono ritratte con poteri quasi sovrumani. È tutt'altro che un fantasy, ma visto ciò su cui l'altra metà dello studio ha lavorato negli ultimi cinque anni, è facile capire perché sia stato scelto quel periodo e come il design sia stato successivamente progettato.

L'altro motivo per cui Creative Assembly ha scelto questo particolare periodo per la Cina è che quest'epoca eè stato un vero e proprio crogiolo di signori della guerra affamati di potere e disarmonia politica. Ambientato subito dopo la ribellione del Turbante Giallo e la caduta dell'impero Han, l'assetto topografico era stato completamente distrutto, e nel ruolo di uno dei personaggi chiave dell'epoca, avrai il compoito di unificare la Cina e diventare infine Imperatore.

Nei recenti giochi di Total War abbiamo visto più personaggi e temi narrativi più forti, e questo aspetto sembra destinato a continuare anche in Three Kingdoms. Personaggi famosi dell'epoca come Liu Bei formano il nucleo di questa campagna, e saranno doppiamente importanti per la tua esperienza se giochi a Romance. È davvero fondamentale per il giocatore scegliere se vogliono che la personalità dei loro generali abbia impatto sulla campagna, o se preferiscono semplicemente mantenere le cose più naturali. Per quello che vale, quando il gioco uscirà a marzo, quasi sicuramente giocheremo la modalità Romance.

Total War: Three KingdomsTotal War: Three Kingdoms

La costante evoluzione di Total War procede a ritmo sostenuto, con elementi raffinati da CA qua e là, ma nonostante i migliori sforzi dello studio nel semplificare le cose, le tante funzioni e cambiamenti significano che le prime ore del gioco saranno praticamente un tutorial continuo, in cui una testa parlante nell'angolo dello schermo offre continuamente perle di saggezza per guidarti. L'interfaccia utente è molto impegnata, e con così tante leve da tirare e pulsanti da premere, anche un giocatore relativamente esperto dovrà prendersi del suo tempo per acclimatarsi, adattandosi al nuovo stato del gioco.

Detto questo, per quanto alle volte possa sembrare un po' pesante (e non siamo nemmeno arrivati alla fine della demo di 30 round), il gioco sembra piuttosto chic. C'è uno stile pittorico nell'interfaccia utente e nell'artwork del gioco che restituisce in modo eccezionale il periodo e il team artistico dovrebbe essere particolarmente orgoglioso del lavoro svolto. Ci sono alcune innovazioni davvero carine, come le animazioni sulle tessere delle unità che rivelano quando stavano prendendo fuoco - un dettaglio accattivante ma pratico che ci è piaciuto molto. La cosa migliore è stato l'albero delle abilità, che era uno dei progetti più eleganti del suo genere che abbiamo mai visto.

Skip
Total War: Three Kingdoms
Total War: Three Kingdoms
Total War: Three KingdomsTotal War: Three KingdomsTotal War: Three KingdomsTotal War: Three Kingdoms