Italiano
Gamereactor
Videos
HQ

Film Frenzy - Episodio 4: Rivedere Dune: Part Two e guardare avanti a Horizon: An American Saga

Magnus si unisce a Ben e Alex per discutere dell'ultima epopea d'azione di Denis Villenueve, prima che la conversazione venga dirottata per parlare dell'imminente scommessa western di Kevin Costner e di quello che speriamo diventi l'inizio delKevin Costner Cinematic Universe.

Audio transcriptions

"Ciao a tutti e bentornati a, credo che questo sia il quarto episodio di Film Frenzy.
Oggi, come puoi vedere nel riquadro qui sopra, abbiamo con noi Magnus.
Magnus è, per così dire, un guru del cinema. Magnus fa un sacco di ottime recensioni per noi, per quanto riguarda il lato cinematografico."

"Abbiamo coinvolto Magnus in questo episodio e potenzialmente anche in futuro perché Magnus ha avuto la possibilità di vedere Dune Parte 2, di cui parleremo oggi.
Naturalmente Alex è di nuovo qui, sopra di me.
Come sempre.
Come sempre, sembra assolutamente entusiasta di essere qui in questo momento."

"Ma sì, allora tuffiamoci. Mag, parlaci di Dune, era bello?
Credo che tu sia muto.
Sono silenzioso.
Riesci a sentirmi ora?
Si."

"Ecco fatto.
Sì, mi dispiace molto. Vuoi fare, devi rifare l'intera introduzione? Mi dispiace molto.
No, la sistemeranno.
È stato fantastico."

"Lo faranno rotolare.
Era solo, era così perfettamente accentuato. Non vorrei farti fare un secondo round di questo tipo.
Il bello di questo spettacolo è che è un vero e proprio disastro ferroviario fin dal primo minuto e noi ci siamo immersi in esso.
Sai, è così che facciamo queste cose."

"È informale e formale.
È un gioco da ragazzi. Corriamo prima di camminare. Mi piace molto.
Ok. Sì, sono andato a vedere Dune, parte seconda in una proiezione stampa.
Mentre stiamo registrando, credo che la recensione sia in diretta nella maggior parte dei paesi in cui si gioca."

"Quindi credo sia giusto dire che, sì, è molto buono.
Credo che la maggior parte di noi pensasse che lo sarebbe stato, vista la natura o la natura del consenso generale della critica e dei fan nei confronti del primo film.
E questo è una continuazione di quei temi centrali.
Quindi credo che in questo senso sia una delle scommesse più sicure."

"Anche se ovviamente c'è la tendenza, almeno in alcuni casi, a far sì che il secondo film di una trilogia sia una sorta di meandro, un po' noioso, mal ritmato, una sorta di brutto figlio di mezzo.
Questo non è affatto così.
Al momento non è chiaro se questo sia o meno il capitolo centrale di una trilogia o se dobbiamo considerarlo come la conclusione dell'adattamento del primo libro centrale."

"Ma credo che sia stato giudicato come una sorta di livello superficiale.
Sì, è molto buono.
Sì, è fantastico da vedere.
Ha un suono fantastico."

"Sembra fantastico.
È molto ben recitato e realizzato.
E inoltre, credo che si consolidi come una di quelle grandi esperienze cinematografiche che dovresti davvero andare a provare.
Pagare il biglietto intero, supportare un grande cinema di successo come questo."

"Quindi credo che meriti di essere inserito in questa sorta di schiera di colossi del cinema.
Quindi Oppenheimer, Mission Impossible, Dead Reckoning, Top Gun Maverick, sono cose di questo genere.
Sì, è una sorta di salvatori del cinema, se vuoi.
Credo che sia proprio quello che dovrebbe essere e che è."

"Quindi, da questo punto di vista, sì, è un ottimo momento.
Invito tutti ad andare a vederlo e a sostenere questo tipo di cinema.
Penso anche che, come sai, si parli di una potenziale trilogia.
Credo che alla fine tutto si riduca a una questione di soldi, no?
Se il film avrà successo, a prescindere dal fatto che Denis Villeneuve voglia o meno tornare, credo che ci saranno altri film del franchise."

"Perché è così che funzionano le case di produzione, no?
Beh, il fatto è che potrebbe farlo.
Potenzialmente potrebbe, perché il Messia di Dune è molto considerato come tale, come parte della storia di Paul.
Quindi potresti."

"È anche considerato dalla critica un buon libro.
Ed è un buon libro.
È stato prima che Frank Herbert fosse considerato un genio della letteratura, cosa che è avvenuta solo grazie a questi due o tre libri.
Ha perso la bussola anche alla fine del suo mandato come uomo di Dune."

"Quindi, se vuoi, il primo libro di Dune è stato, almeno fino ad ora, considerato non adattabile perché è troppo allegorico, una sorta di dietro le quinte del tutto.
Quindi, gli appunti strapazzati prima di essere riuniti in singoli per una storia a fili rossi.
Ma la storia va completamente fuori strada al terzo o quarto episodio.
E poi, naturalmente, arriviamo all'argomento controverso di suo figlio che ha pubblicato i nostri libri di Dune dopo la morte di Frank Herbert, che è considerato o meno parte del canone, a seconda della tua fedeltà a Frank stesso."

"Quindi potrebbero fare Messiah, a quanto pare ha fatto la sceneggiatura di Messiah.
Ma come hai detto tu, credo di aver controllato e penso che la seconda parte costi circa duecento milioni di dollari per la produzione, che è una cifra molto alta di questi tempi da buttare via quando non c'è nulla di sicuro da recuperare.
Quindi, se si possa recuperare o meno, credo che sia molto probabile che non lo sappia."

"Sì, è difficile da dire, perché ci sono stati film molto belli, in particolare nel ventitré, che non hanno avuto un buon successo al botteghino.
Ad esempio, ripenso ancora a Dungeons and Dragons e guardo a quel film.
È un vero peccato.
È stato un peccato perché era davvero un bel film."

"E mi sembra che non ci siano state abbastanza persone che gli hanno dato la possibilità di essere visto.
È perché è stato probabilmente uno dei film più divertenti dell'anno scorso.
Ma guardando indietro, dopo Baldur's Gate, credo che i numeri siano molto più alti.
Sì, è un ottimo risultato."

"Inoltre, ho appena parlato di calcolo del debito.
Anche Mission Impossible non è stato in grado di fare molti soldi, ma credo che riassuma anche la quantità di denaro che questi film devono fare per essere considerati finanziariamente validi e di successo.
E quando nemmeno i migliori film di franchising sono in grado di farlo, non so proprio dove si vada a parare."

"Avete visto le voci che circolano sul film del Joker, che ha un budget di 200 milioni?
Come cazzo fa a fare 200?
Quindi non solo un miliardo è un'ottima notizia, ma ora ha bisogno di fare un miliardo per poter essere anche solo una notizia stupida.
Non capisco come abbiano fatto a spendere così tanti soldi."

"La cosa che mi colpisce è ogni volta che si vede una storia di sì, ma quella che mi colpisce sempre è quella del Gladiatore.
Si vede che doveva avere un budget di circa 150 milioni e che è salito a 310 o giù di lì.
E ci sono voluti solo 49 giorni.
Sì, Ridley Scott deve essere stato un vero pazzo sul set."

"Deve aver fatto il pieno di soldi.
Voglio più scimmie, più tigri, datemi tutto.
Non capisco come possa accadere.
L'elenco di questi dati è riportato nel pezzo originale dell'Hollywood Reporter."

"Era una specie di "oh, beh, ma ha un passato davvero ricco di star".
E poi dicono Denzel Washington, Connie Nielsen.
Bene, questo è tutto.
Questi due."

"Quindi hanno chiesto 50 milioni a testa per presentarsi sul set.
In un certo senso devono farlo, no?
Altrimenti non so come hai fatto a consumare tutti quei soldi così in fretta.
49 giorni per 310 milioni."

"È fantastico.
È fantastico.
Sono sicuro che è fantastico.
Ma ci si chiede come faranno questi grandi film d'azione a rimanere a galla."

"Amico, mi sembra di ricordare che il primo film sia riuscito a generare solo 400 milioni di dollari al botteghino mondiale o giù di lì.
Beh, era all'apice dell'era COVID-19.
Quindi è una di quelle cose per cui è davvero difficile stabilire quanto successo abbia avuto.
Ma sì, sto valutando circa 434 milioni."

"Ma il punto è che è stato realizzato per 165 milioni di dollari.
Quindi perché?
So che ai membri del cast piace sempre che il prodotto di produzione aumenti.
In un certo senso devono farlo perché tornare a far parte del cast principale richiede sempre un aumento di stipendio."

"È un po' il modo in cui funziona il business.
Ma allo stesso tempo, anche se fa parte del progetto COVID-19, sembra che sia una cosa che fa parte dell'azienda, sembra che non ci sia una serie di prove concrete che dimostrino che questo possa portare a casa il miliardo o il miliardo e 200 milioni.
Che possa essere parte di questo."

"E Dillner è già stato qui, perché Blade Runner 2049 doveva essere una vera e propria bomba, un successo immediato con la critica e parte di un franchise consolidato a lungo termine, che la gente chiede a gran voce da decenni.
Esce e perde sempre più soldi, perché questo è lo spazio in cui Dillner ha sempre operato."

"perché è un regista mainstream, ma anche non del tutto.
È solo un po' troppo "art house" per fare un miliardo di dollari.
Non è proprio il suo genere.
Quindi sembra una decisione davvero poco saggia quella di continuare ad aumentare i budget dei suoi film."

"Ad esempio, Blade Runner 2049 è stato realizzato con circa 180 milioni di dollari e ha incassato meno di mezzo miliardo.
Quindi è stato considerato un'enorme delusione da non ricordo quale Sony Warner Bros.
Il punto è che non ne ho idea, ma so che almeno nella mia cerchia di amicizie immediate, persone al di fuori della nostra sfera, sanno che sta per arrivare e ne sono entusiasti."

"Che poi si presentino o meno nei cinema, è tutta un'altra cosa.
Sì, è così. E penso che, come hai detto tu, lui sia una sorta di regista d'essai, Ricordo che andai a vedere Blade Runner 2049 al cinema.
A questo punto, mi sembra che siano passati 78 anni o giù di lì."

"Quindi sarei stato molto più giovane.
Ma sono andato con un paio di amici e uno di loro si è addormentato guardando il film, e ho pensato che fosse un ottimo esempio di come fosse il film.
Giusto. Sai, ci sono persone che lo guardano come se fosse una cosa volgare, tipo: "Wow, è fantastico"."

"E l'altra metà si chiede: "Cosa sto guardando?".
È così noioso. Quindi sì, credo che sia una dinamica interessante.
Ma credo che questo Dune Parte II si adatti a questa finestra, non è vero?
Ha il potenziale per prosperare perché è ormai consolidato essendo un sequel."

"E si spera che le persone accorrano in massa per questo motivo.
Ma no, sembra che abbia un futuro difficile davanti a sé per farcela.
Sì, è vero. E c'è anche da dire che l'unica cosa che ha a suo favore è che Dune Parte I è sempre stato pensato per essere questo.
È così che funziona il libro. E ho letto il libro due volte."

"Mi piace. Ma è anche una barriera molto difficile da superare, perché la prima parte di Dune è solo un'elaborata preparazione.
Ed è quello che succede alla fine del primo film di Dune, quando gli Harkonnen piantano il coltello nella schiena del cliente Atreides.
Questo dà il via agli eventi che fanno sì che il libro possa essere in grado di cavalcare l'onda, anche verso il secondo e il terzo atto."

"Ed è proprio questo il senso di questo libro. È una sorta di film ad alto numero di ottani in un modo diverso dalla prima parte.
Quindi, forse, grazie all'enfasi posta su questo film, questo ha maggiori possibilità di attrarre un pubblico più ampio, perché direi che è ancora un film molto interessante e avanzato, un'epopea sci fi profondamente spirituale. Ma è anche un film di guerriglia, un film di guerra in più sensi."

"Quindi, se questo lo aiuti o meno, se sia o meno il tipo di film che fa 400 milioni di dollari, è un'ottima domanda.
E sarà considerato un'enorme delusione, il che farà fallire completamente i piani, credo, per la realizzazione di Messiah.
Ma al momento è tutto in alto mare. Dovremmo ricevere i primi dati nel fine settimana, vero?
Sì, quindi tra un paio di giorni."

"In realtà devo prenotare i biglietti. Devo prenotare. Voglio andare a vederlo in IMAX.
Voglio vedere l'uscita di Sandworm, come quando nel 1900 la gente scappava dal treno locomotiva.
Voglio essere così quando il verme della sabbia mi viene incontro sullo schermo, sai?
Lo prenderai."

"Ci sono ottime scene di Sandworm nel film.
Ci sono molte scene di Sandworm nel film e la batteria di Hans Zimmer è onnipresente per tutta la durata del film.
Quindi dovrai andare in IMAX. Temo di sì.
Sicuramente. Va bene. Sto dirottando la conversazione. Rafa, il grande simbolo di dirottamento, le sirene, ci siamo."

"Non sarebbe un episodio di frenesia cinematografica se non dirottassi la conversazione per parlare di Papà TV, che è esattamente quello che stiamo facendo ora.
Beh, è in qualche modo collegato a Yellowstone perché c'è di mezzo Kevin Costner.
In sostanza, ieri, mentre stavamo registrando questo video, è arrivato il trailer di Horizon in American Saga Chapter One."

"Il più grande film di tutti i tempi.
Sì, beh, questo è bene, beh, lo vedremo.
La cosa interessante è che questo è il film che ha scatenato o la serie che ha scatenato il dramma di Yellowstone perché Kevin Costner non poteva fare Yellowstone.
mentre stava lavorando alla serie di film a cui stava lavorando."

"Ora, puoi capire perché sembra essere un film molto grande.
E non solo sono state pianificate quattro parti, ma solo quest'anno ci saranno due capitoli a distanza di sei settimane l'uno dall'altro.
Quindi stiamo parlando di un potenziale successo con una pausa di tre anni tra i due film.
Kevin Costner è così orgoglioso e sicuro del suo lavoro da far uscire due film western d'autore a sei settimane di distanza l'uno dall'altro."

"che sembrano avere un budget enorme, che lui stesso sta dirigendo e che ha in parte finanziato.
Quindi è bellissimo.
Non ho molte cose positive da dire su questo film finora, sarò sincero.
Sembra molto "meh"."

"C'è qualche precedente per l'uscita di un sequel?
Perché abbiamo già visto produzioni che si susseguono.
Non è una cosa nuova.
Ma le produzioni sono una dietro l'altra e poi vengono rilasciate a sei settimane di distanza l'una dall'altra."

"Voglio dire, se una delle due produzioni va molto bene, penso che sia troppo presto per far sì che si ripercuotano sull'altra.
L'unica cosa che mi viene in mente è Luna Ribelle, il film di Zack Snyder, perché quest'anno ne faranno la seconda parte.
E non è esattamente l'esempio migliore da fare.
Anche questo ha avuto cinque mesi di vita."

"Sì, beh, non è così.
E la prima parte è uscita.
Credo che la seconda parte sia uscita ad aprile.
Quindi sono quattro mesi."

"La metà.
Inoltre, devo dire che ci sono casi di film western che vanno molto bene, non è un genere cinematografico di grande richiamo, soprattutto al giorno d'oggi.
Ci sono delle eccezioni."

"Sicuramente sia Django che Hateful Eight hanno fatto molto bene.
Ma questi sono film di Tarantino ed è un altro tipo di film.
Ha un suo modo di fare.
Ma come per le persone, sembra che sia sempre più difficile per i film costosi recuperare il loro costoso budget."

"Quindi chi a giugno dirà: "So che questo mese andrò al cinema a vedere Verizon e American Saga".
Non particolarmente tardi.
No, il film di questo mese è Verizon e American Saga, il fottuto secondo capitolo.
Sto leggendo i commenti su questo film."

"C'è un sacco di gente che lo adora.
Tre minuti di brividi puri e non correlati in maiuscolo.
Bentornato, cinema.
È per i film western quello che Martin Scorsese è per i film di mafia."

"Oh, wow.
Molto meglio.
Wow.
Gesù Cristo, sembra proprio una bella giornata.
E questo perché noi siamo così."

"È perché balliamo con i muri e questo genere di cose, perché lui ha i piedi ben piantati a terra.
Trovo sconcertante che, guardando il trailer, non mi sia sembrato qualcosa di simile a Yellowstone.
Per me Yellowstone è un film drammatico e poliziesco.
Sai, in un certo senso è molto simile alla mafia, giusto?
È una grande famiglia ricca che controlla tutto."

"Ma se guardi questo, sembra completamente diverso.
Mi sembra che, come ho detto ad Alex, si tratti di pezzi di scena e di atmosfera.
E vuole che tu assomigli un po' ai film di Denis Villeneuve, giusto?
Vuole che tu apprezzi ciò che è al di là di un tipico film d'azione o di un film western."

"Ci sono altri capitoli, Ben.
Lo so.
Non puoi buttare tutto nel secondo capitolo.
Lo so.
Ho quattro di questi da fare."

"Prima stavi dicendo che sicuramente sarà molto popolare in Occidente e nel Sud americano.
Sto pensando che non è possibile.
Non è possibile che un bifolco vada al cinema a sorbirsi tre ore di film western di Kevin Kozner.
Beh, non sapranno che stanno andando al cinema."

"Vedranno una saga americana e basta.
È abbastanza per comprare il biglietto.
Vedi la bandiera.
Vedi Kevin Kozner."

"Vedi un gruppo di persone bianche e forse qualche nativo americano.
Insomma, questo è quello che penso sia un gran numero di spettatori americani rurali, almeno secondo me, è che non ci vuole molto per vendere il biglietto.
Ci vuole molto per vendere il secondo biglietto."

"Penso che alla fine di questo primo film, avremo uno di quei titoli di coda.
Dice che Kevin Kozner tornerà.
Ma a quanto pare, sembra che si tratti di un'iniziativa di un piccolo gruppo di Hollywood.
Mi sono addentrato nella stupida tana del coniglio per leggere cosa sta facendo Gina Carano da quando è stata licenziata da dal film Mandalorian, e che era così stufa delle linee guida del COVID-19 che volevano fare un western nel bel mezzo del nulla..."

"per un costo quasi nullo, che lei stessa ha finanziato, senza alcuna linea guida COVID-19.
E sembra che quando queste persone, quando queste specie di semi repubblicani, sono così stufi di Hollywood, si sentano in colpa, sono così stufi di sentirsi perseguitati.
Vanno a fare film western e li finanziano da soli."

"Quindi non ho idea del perché. Non ho idea del perché.
Sì, esattamente. E perché i film western?
È perché tutti si aggrappano a quella, sai, grande epoca americana.
Tutti loro amano quella merda."

"Amano il modo in cui, sai, la frontiera americana di conquistare la terra ed essere onesti e laboriosi.
È come se fosse il loro pane quotidiano, davvero.
Continuiamo a sentire che Kostner è difficile da lavorare.
E il fatto che se ne vada a fare il suo western nel deserto sembra non confermarlo direttamente."

"Ma la gente pensa che, sì, è qualcosa che potrebbe fare.
Si ha l'impressione che continuerà a versare altri soldi in questa situazione.
Come Francis Ford Coppola per il suo Megalopolis.
Giuro che ha dovuto vendere cinque vigneti per realizzarlo."

"E mi piacciono i titoli dei giornali in cui Kevin Kostner vende i suoi ranch nel Montana o quello che sarà.
Non vedo l'ora di conoscere il budget completo di questo film.
Non Megalopolis Horizon.
Voglio sapere quanto costerà alla Warner Brothers fare quattro parti di questo film e quanti soldi usciranno dalle tasche di Kevin Kostner."

"Perché non può essere economico.
Hanno una casa piuttosto grande.
Quattro film da miliardi di dollari.
Beh, chi lo sa?
Forse, come Alex ha appena accennato all'auto per un paio di minuti fa, la KCU."

"Ma solo per un breve momento, prestati a un mondo in cui questo accade davvero.
Dove ci troveremo 15 film di Horizon con più ambientazioni e più inquadrature del deserto nel sud, nel Montana e nel Midwest.
Quindici capitoli in cui c'è un grande multiverso di Kevin Kostner.
Non vedo l'ora."

"Sono venduto.
Sì, mi piacerebbe molto.
Mi piacerebbe assolutamente.
Si.
Non vedo l'ora di vedere il flop."

"Neanche io ci riesco.
Penso che sarà emozionante.
Comprerò abbastanza biglietti per farlo galleggiare.
Lo terrò in vita."

"Inoltre, non dimentichiamo che il ruolo principale di non protagonista è quello di Sam Worthington, che ancora oggi, secondo me, è il più grande enigma che sia mai entrato in un set di Hollywood.
Mi piace pensare a lui.
È pazzo.
Si tratta di un range emotivo che è molto simile a quello di un muro di cemento."

"La gente però lo ama.
Non ne ho mai abbastanza di lui.
Lo amo.
Penso che sia fantastico.
Perché?
Sei sicuro che la gente lo ami?
Sei sicuro di questo?
Sei sicuro che la gente lo ami?
Io lo amo."

"Perché è in Avatar?
Certo.
No, non è vero.
Hai guardato Attack of the Gods o quello che era.
Scontro tra titani."

"E tu l'hai visto bene come me.
Ed era una merda.
E lui ci stava di merda.
Perché lo è sempre.
Mi dispiace, ma è così."

"Quando non è blu, fa il blu per questo film.
Ma nel film Horizon, a parte Sam Worthington, c'è un bel cast qua e là, il che lo rende ancora più sconcertante.
Michael Rooker.
E c'è anche Giovanni Rubisti."

"E anche Will Patton.
Luke Wilson.
Luke Wilson.
Sì.
E Thomas Hayden Church, ovviamente."

"Figlio d'uomo.
Chiesa di Thomas Hayden.
Non è nemmeno nella lista del cast principale.
Lo sto guardando ora dal trailer."

"Non è scritto lì sotto.
C'è anche lui?
Chi è?
Thomas Hayden Church.
Thomas Hayden Church."

"Sì, è IPB Listen.
È così?
Comunque, potrei parlare di Horizon tutto il giorno.
Potrei davvero.
Potrei parlare del KCU."

"E ascolta, quando si arriverà a giugno, ne parleremo ancora.
Uno di noi si farà coraggio, andrà a vedere questo film e ti dirà se il primo capitolo è buono e se vale la pena prenotare il biglietto per il secondo.
Vorrei che ci fossero persone diverse per ogni capitolo.
Quattro persone diverse."

"Ma comunque, va bene, ne parleremo in futuro.
Per il resto, siamo andati avanti per ben 24 minuti.
Abbiamo parlato a lungo di Dune e del KCU.
Parleremo di altre cose la prossima settimana."

"Ci sono molti film importanti in uscita nelle prossime due settimane.
Quindi queste frenesie cinematografiche si susseguiranno in fretta e furia.
Tanti film importanti di cui parlare, soprattutto verso la fine di marzo.
Godzilla."

"Godzilla vs.
Oh no, Godzilla.
X-Kong, Il Nuovo Impero.
Ghostbusters.
Il Nuovo Impero."

"Impero congelato.
Ci sono troppi imperi.
Ci sono troppi imperi.
Cosa facciamo?
ECU."

"L'ECU.
Ne parleremo in futuro.
Ci arriveremo.
Per il resto, grazie per aver guardato questo episodio di Film Frenzy."

"Mag, grazie per essere qui.
Speriamo di vederti la prossima settimana e anche quelle successive.
Alex, è un piacere come sempre.
Duna agli altri come sei stato condannato a te stesso."

"Ti odio così tanto.
Sto finendo.
Sto finendo.
Oh mio Dio.
Stavo solo..."

"Sto finendo.
È stato terribile.
Wow.
Sto finendo.
Sto finendo."

"Sto finendo.
Sto finendo.
Sto terminando.
Sto finendo.
Sto finendo."

"Sto terminando.
Sto terminando.
Sto terminando.
Sto terminando.
Sto terminando."

"Sto finendo.
Sto finendo.
Sto terminando.
Sto terminando."

Interviste

Leggi

Video

Leggi

Trailer di film

Leggi

Trailer

Leggi

Eventi

Leggi