Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
preview
Wolfenstein: Cyberpilot

Wolfenstein: Cyberpilot - Provato all'E3 2019

Quando i nazisti conquisteranno il mondo, l'unica opzione è usare la loro tecnologia contro di loro e prendere il controllo dei loro mech in VR.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Annuncio

Machine Games, Arkane e Bethesda sono tutti impegnati a occuparsi del franchise di Wolfenstein al momento, in quanto non solo tutti e tre hanno lavorato a Youngblood per consegnarci questo sparatutto in cooperativa il mese prossimo, ma allo stesso tempo otterremo anche un gioco in VR chiamato Wolfenstein: Cyberpilot, che offre un taglio leggermente diverso al franchise rispetto a quello che abbiamo visto nei precedenti giochi FPS da The New Order in avanti.

Pochi giorni fa, mentre eravamo all'E3, abbiamo visto esattamente in che modo questa nuova esperienza in realtà virtuale cambia le cose. Per cominciare, non giochi nei panni di una persona in quanto tale, ma abbiamo il controllo di un gigantesco mech corazzato capace di livelli di distruzione sovraumani.

È in realtà un mech nazista (ne hanno parecchi nell'universo di Wolfenstein, come forse avrai notato), e giochiamo nei panni di un hacker che usa questi giganteschi bruti metallici per punire i cattivi dall'interno. Con razzi e mitragliatrici a tua disposizione, magari stai pensando che sia poco più di un power fantasy, ma in realtà ad attenderci è una sfida abbastanza tosta.

Nella demo che abbiamo giocato, siamo morti quasi all'istante nelle prime uscite e non siamo riusciti a capire perché, ma ci siamo presto resi conto che il potere del tuo mech è compensato dal volume di soldati, guerrieri meccanizzati e altri strumenti di guerra nazisti che ci sparano addosso. Anche se sei una mastodontica bestia di metallo, 20 persone che lanciano pallottole contro di te ti ridurranno comunque a pezzettini, quindi non puoi correre nella mischia e sperare di farla franca. È una dura lezione da imparare, ma ricordiamo che è ciò che ci insegnano da sempre i giochi Wolfenstein.

Wolfenstein: Cyberpilot

Allora cosa fai? Devi mantenere una distanza di sicurezza, e lo fai spostandoti a sinistra e a destra con il pad nella mano sinistra (abbiamo giocato usando l'HTC Vive e i controller associati). Spostando le mani a destra, la tua prospettiva si sposta e ti consente di sparare con una delle tue armi, mentre le mani a sinistra usano l'altra arma, ma quest'ultima richiede un po' di tempo per abituarsi, anche se dopo pochi minuti di azione e spari diventa molto più gestibile.

Poi hai le tue opzioni difensive, dato che c'è un pulsante alla tua sinistra che puoi premere per attivare uno scudo temporaneo. Questo ha un cooldown, quindi la tempistica è della massima importanza e ci salvano dalla morte in più di un'occasione. Quando questo è attivo puoi continuare a sparare, oppure puoi collegare il controllo alla tua mano destra che ti permette di rigenerare un po' di salute, che in realtà può essere fatto in qualsiasi momento. Usare tutte queste semplici caratteristiche all'unisono è la chiave per il successo, e il resto della difficoltà deriva dal fare affidamento alla propria precisione quando scateni distruzione sui nemici.

Per quanto riguarda gli ambienti in gioco, abbiamo potuto vedere solo un'area di allenamento e poi una strada simile a quella che abbiamo visto in molti giochi Wolfenstein in passato (cioè invasa da strutture metalliche naziste e dall'architettura opprimente), ma tutto sembra come lo volevamo anche noi, con i soldati che uscivano dalla falegnameria per spararci addosso in varie strade lineari lungo cui avanzavamo. C'era persino un mech gigante con cui abbiamo dovuto affrontarci verso la fine della demo, cosa che ha richiesto tutta la nostra abilità per sconfiggerlo.

Non siamo riusciti a vedere un sacco di cose di Cyberpilot, in quanto la demo serviva più per mostrarci i controlli e il gameplay anziché elementi come la storia, ma quello che abbiamo visto ha offerto una sfida più significativa di quanto ci aspettassimo. Questa non è solo una tech demo che serve a tradurre il mondo di Wolfenstein in realtà virtuale, ma una vera sfida con la meccanica "facile da imparare ma difficile da padroneggiare". Sembra un'aggiunta significativa al catalogo Wolfenstein, e non vediamo l'ora di scoprire come andrà a finire non appena arriverà sui nostri dispositivi VR il prossimo mese.

Wolfenstein: Cyberpilot
Wolfenstein: Cyberpilot
Wolfenstein: Cyberpilot
Wolfenstein: Cyberpilot