Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
recensioni
Xenoblade Chronicles: Definitive Edition

Xenoblade Chronicles: Definitive Edition

Dopo dieci anni torna un grande capolavoro nella sua edizione definitiva. Ma reggerà il peso dell'età?

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Se c'è una cosa che è eccezionalmente impressionante nell'edizione definitiva di Xenoblade Chronicles è il fatto che il marchio Tetsuya Takahashi sia ancora vivo, unico e sorprendente dopo non dieci, ma oltre venti anni. Lo Xeno-Metaverse accompagna i giocatori dal 1998, quando il mercato ha accolto i controversi Xenogears, e da allora è riuscito a deliziare gli utenti con i suoi immensi mondi fantascientifici pieni di elementi fantasy e pregni di motivi psicologici e religiosi.

Xenogears, all'epoca ancora sotto il marchio Playstation, inizialmente doveva servire da scenario per il primo Final Fantasy VII (il che non sorprende, considerando quanto oscuro fosse lo stile del gioco; tuttavia, a causa di problemi legali che Xenogears aveva in Europa per via della sua rappresentazione di elementi religiosi, Squaresoft probabilmente ha ritenuto che tale mossa sarebbe stata troppo rischiosa). Allo stesso modo, il primo Xenoblade Chronicles è stato un tentativo di ripristinare il suo splendore nel genere jRPG dell'epoca d'oro di Final Fantasy, la cui popolarità sembra essere oggetto dell'invidia di Takahashi, anche se inutilmente.

Xenoblade Chronicles: Definitive Edition

Oggi, quasi esattamente dieci anni dopo il debutto del gioco, possiamo ancora una volta ammirare l'arte della sceneggiatura, che, nonostante il decennio che s è lasciato alle spalle, non è invecchiato di una virgola. In effetti, a lungo si dovrebbe cercare - non solo all'interno del genere, ma sul mercato in generale - per trovare un gioco che combini la sensibilità dell'anime con la pesante storia che commenta la natura dell'esistenza umana in una tale maniera. E il fatto che sia pubblicatio in forma eccellente come questo è semplicemente un valore aggiunto.

Molti di voi probabilmente riconoscono il marchio principalmente grazie a Xenoblade Chronicles 2. E non c'è da meravigliarsi - rispetto a tutte le altre iterazioni della serie - che la popolarità di quella sia stata sbalorditiva. Xenoblade Chronicles: Definitive Edition è una versione rinnovata del gioco del 2010, che dovrebbe dargli una seconda vita; principalmente correggere gli errori più significativi dell'originale mantenendo allo stesso tempo la coerenza artistica con il suo sequel. Sostituisce tutti i modelli di personaggi, ridisegna completamente il menu e l'interfaccia utente, affina le texture, aumenta la risoluzione, crea nuovi arrangiamenti di brani noti. È esattamente lo stesso vecchio, meraviglioso gioco, ma vista la quantità e il grado di modifiche introdotte ad esso, alcuni giocatori non sanno come classificare la nuova versione di Xenoblade Chronicles. È ancora un remaster o è già un remake? La risposta è: remaster, ovviamente. Gli stessi Monolith Soft non hanno mai chiamato questo gioco in nessun altro modo. In termini di gameplay, in termini di animazione, di sistema di combattimento - non è cambiato nulla. Ciò che è cambiato è la presentazione: interfaccia utente, tavolozza dei colori, personaggi, forse un po' il design dei personaggi.

Quando si tratta di gameplay, Xenoblade Chronicles è fondamentalmente un MMO. Implica esplorare le enormi e meravigliose terre (offrendo un'esperienza completamente diversa durante il giorno rispetto alla notte), collezionare dozzine di oggetti, svolgere centinaia di missioni - spesso generiche per un difetto, che purtroppo è il tallone d'Achille di questa iterazione. Anche se il gioco è stato - ed è tuttora - eccellente sotto molti aspetti, la sua interfaccia originale è vista come un abominio: infrangere le leggi grafiche di base che ogni artista apprende all'inizio della sua carriera, oscurato su metà dello schermo con informazioni non necessarie, uccidere gli occhi con diversi tipi di carattere di varie tonalità e dimensioni. Un cattivo design non significa, tuttavia, che il gameplay non sia buono. Ma perché non avere entrambi?

Xenoblade Chronicles: Definitive EditionXenoblade Chronicles: Definitive Edition

Bene, Xenoblade Chronicles: Definitive Edition dimostra che puoi farlo. Gli sviluppatori si sono impegnati e lo hanno reso possibile: hanno corretto tutti i difetti che ostacolano l'originale e rendere i nuovi menu puliti, trasparenti e intuitivi come nessun altro gioco Nintendo è mai stato. Questo è importante, perché Xenoblade è una produzione colossale, che richiederà almeno cinquanta ore per passare. Ovviamente, un'altra metà di questo tempo il giocatore lo passerà nel menu: scavando nelle abilità del personaggio, scegliendo l'armatura giusta e il suo aspetto (poiché, proprio come in Diablo, per qualsiasi arma o armatura possiamo applicare un cosmetico separato) , trovando una tonnellata di missioni secondarie o sviluppando la cosiddetta Affinity Chart.

Insomma, Nintendo è riuscita a trasformare un ottimo gioco in uno quasi ineccepibile. Anche se devi abituarti alla suddetta struttura MMO di Xenoblade, lascia la prima posizione per vedere quanto sia buona l'arte giapponese. Durante il gioco, scopriamo la storia di uno Shulk adolescente che brandisce una misteriosa spada Monado, che consente al ragazzo di predire il futuro e tentare di cambiarlo, cercando di spostare le maree della guerra in corso con creature meccaniche. Anche i giocatori che hanno già giocato a Xenoblade Chronicles 2 dovrebbero provarne "uno" e vedere di persona quanto - contrariamente al suo aspetto - lo colleghi al suo sequel. E dopo aver viaggiato in tutto il mondo accompagnato da una colonna sonora rinnovata (che è stata anche adattata allo stile sinfonico del sequel), puoi raggiungere il "Future Connected", pubblicizzato a gran voce, che avrebbe dovuto sposare entrambi i giochi, e si è scoperto essere la sua unica, ma grande delusione.

Xenoblade Chronicles: Definitive EditionXenoblade Chronicles: Definitive Edition

La storia di Future Connected si svolge un anno dopo la fine della storia principale dall'originale e doveva servire da ponte tra il primo gioco e il suo sequel. Tutta la storia ruota attorno a un'unica area, che è stata tagliata fuori da Xenoblade Chronicles 2010 per motivi di ottimizzazione. Purtroppo, contrariamente alle promesse degli sviluppatori, né aggiunge nulla alla storia, né crea alcun collegamento tra i due episodi. È bello per un po' e diverte, certo, ma serve al massimo come riempitivo. È ancora più preoccupante il fatto che i giocatori ci arrivino subito dopo aver completato un gioco base molto più massiccio e indimenticabile, lasciando ancora di più dell'amarezza.

Nonostante la delusione che l'estensione ci ha regalato alla fine, pensiamo che Xenoblade Chronicles: Definitive Edition sia il titolo top assoluto per l'esclusiva console ibrida di Nintendo, che ha resistito con grazia alla prova del tempo. E non solo: fa mangiare la polvere ad altri titoli di genere, dimostrando che quasi nessun titolo è capace di eguagliare la sua grandezza - anche dopo dieci anni.

Per i fan dello stile giapponese, gli appassionati di bei racconti, i devoti della sua splendida cornice artistica - e in generale chiunque apprezzi l'originalità del settore, stufo dei "giochi eccellenti" - Xenoblade Chronicles: Definitive Edition è un gioco imperdibile.

Xenoblade Chronicles: Definitive EditionXenoblade Chronicles: Definitive Edition
09 Gamereactor Italia
9 / 10
+
Storia di prim'ordine; scrittura brillante; menu intuitivo e chiaro; nuovi modelli di personaggi; bella avventura per dozzine, se non centinaia di ore; Il doppiaggio giapponese.
-
Future Connected è solo un riempitivo mediocre.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto