Italiano
Gamereactor
recensioni
Ace Combat 7: Skies Unknown

Ace Combat 7: Skies Unknown

La serie Ace Combat arriva anche su PlayStation 4 e Xbox One. E lo fa con un gioco fedele alle origini.

La serie Ace Combat, apparsa nel 1995, ha un enorme pregio: ha reso estremamente divertente il combattimento aereo dei caccia supertecnologici. Se vi siete approcciati a un simulatore di volo come Falcon 4 o a un gioco ibrido come Jane's USAF, avrete certamente avuto a che fare con lunghe fasi preparatorie, tutorial e apprendimento delle diavolerie informatiche che consentono a un cacciabombardiere di centrare una bicicletta da 15.000 piedi di altezza. Per i nerd dell'aeronautica militare, tutto ciò è molto eccitante. Per tutti gli altri, invece, si tratta di un muro invalicabile e complesso che richiede fin troppa dedizione per essere realmente apprezzato.

Ace Combat, invece, è esattamente agli antipodi della simulazione di volo: un gioco che può essere appreso in una manciata di minuti, che ci getta istantaneamente nel tritacarne del dogfighting aereo fornendoci una esagerata quantità di missili e più bersagli da colpire di un tiro a segno alle giostre. Ace Combat, in una parola, è adrenalina pura.

Il settimo episodio di questa saga ne sancisce l'arrivo sulle console Xbox One e PlayStation 4, e con quest'ultima giunge anche nel territorio della realtà virtuale. Dobbiamo ammettere, però, che la serie non ha visto enormi evoluzioni, nemmeno in questa incarnazione next gen: appena vi mettete al comando di un caccia in Ace Combat 7: Skies Unknown, vi troverete subito a vostro agio.

Ace Combat 7: Skies Unknown
Ace Combat 7: Skies UnknownAce Combat 7: Skies Unknown

Potremmo dire che Ace Combat 7: Skies Unknown è un gioco che non perde tempo. Bastano soltanto pochi minuti dall'inizio della prima missione, ed ecco che vi trovate ad agganciare un velivolo nemico, a pronunciare il fatidico "Fox Two" per segnale il lancio di un missile e, infine, assistere alle spettacolari e fumose esplosioni. Ancora qualche minuto, ed eccovi al comando di un aereo la cui missione è colpire dei bersagli a terra facendo uso di bombe teleguidate, e anche in questo basta un po' di intuito per diventare in pochi minuti dei veri e propri assi dell'aria. Perché perdere tempo con un tutorial sulle manovre evasive quando non dovete fare altro che lasciarvi sopraffare dall'istinto e iniziare delle virate strettissime che farebbero svenire anche Tom Cruise a causa dell'eccessiva forza G? Ace Combat è tutto questo: intuizione, facilità d'uso e molto, moltissimo divertimento senza pensieri.

Come da tradizione, anche Ace Combat 7: Skies Unknown è caratterizzato da una lunga campagna che ci porta in uno scenario di guerra fittizio, che rappresenta una summa dei più grandi conflitti militari del XX Secolo e, perché no, delle guerre post-undici settembre. Nel gioco interpretiamo un aviere di nome Trigger, la cui storia prende rapidamente una bruttissima piega: il nostro eroe si trova costretto a combattere in missioni potenzialmente suicide, ed è qui che il gioco diventa interessante. Se Ace Combat 7: Skies Unknown inizia in maniera semplice, quasi banale, con il susseguirsi degli eventi le missioni si fanno sempre più difficili e intricate.

La trama di Ace Combat 7: Skies Unknown, narrata da vari personaggi, è meno scontata di quanto pensassimo: si raccontano intrighi politici che fanno da cornice a una guerra di scala continentale, il tutto intermezzato da cut scene che caratterizzano molto bene il mondo distopico della serie Ace Combat. Naturalmente, anche in questo gioco la narrativa è un pretesto per spingerci ad abbattere enormi quantità di aerei nemici e a fare esplodere bersagli a terra, e in generale ci è apparsa fin troppo convenzionale. Siamo dunque molto lontani dalla curiosissima trama di Ace Combat: Assault Horizon e molto più in linea con tutti gli altri giochi della saga: un aspetto che, probabilmente, piacerà ai fan di vecchia data ma che non rappresenta necessariamente un bene per la serie.

Per quanto concerne il gameplay e le meccaniche di gioco, Ace Combat 7: Skies Unknown è un purosangue della serie Ace Combat. Non troverete quasi nulla di diverso da ciò che ha reso famosa e divertente questa saga, a partire dalla facilità con cui si maneggiano tutti i tipi di aereo fino alla disarmante semplicità del sistema di aggancio dei nemici: è sufficiente giungere a una determinata distanza da un nemico per vedere il nostro HUD colorarsi di rosso e invogliarci a premere con forza il grilletto. Quando, però, entrate in fase difensiva, il gioco introduce un elemento mai visto nella serie: le manovre post-stallo. I limitati modelli di volo dei precedenti giochi della saga, infatti, permettevano ai giocatori di compiere solo delle limitate azioni durante le fasi di stallo. In Ace Combat 7: Skies Unknown, invece, quando il velivolo stalla è possibile effettuare dei loop per fare in modo che il nemico che ci insegue ci sorpassi, trasformandoci così da preda a cacciatore. In Assault Horizon questo aspetto si svolgeva con dei semplicissimi QTE, mentre in Skies Unknown è tutto nell'abilità del pilota.

Ace Combat 7: Skies Unknown
Ace Combat 7: Skies UnknownAce Combat 7: Skies Unknown

Comprendiamo almeno in parte, dunque, la decisione di rendere il gioco compatibile con un joystick Hotas. Sebbene questo dispositivo sia indicato per i simulatori di volo e decisamente sovradimensionato per un titolo arcade come Ace Combat 7: Skies Unknown, durante le fasi di stallo può davvero fare la differenza, in particolare in multiplayer.

A proposito di multiplayer, Ace Combat 7: Skies Unknown propone diverse modalità di gioco, tra cui spicca la modalità Battle Royal. No, per una volta non si tratta dell'ennesimo tentativo di portare le meccaniche di Fortnite in un videogioco: Battle Royal è un dogfighting tutti contro tutti in cui vince chi fa più punti e in cui si ha la possibilità di respawnare dopo essere stati abbattuti. In una parola: è un normalissimo deathmatch. Purtroppo, Skies Unknown non ha un buon sistema di matchmaking, in quanto fa uso del vetusto sistema a stanze personalizzate. È un vero peccato che questa serie non si sia evoluta da questo punto di vista, perché il gioco in multiplayer funziona abbastanza bene.

Infine, dobbiamo segnalare la presenza della modalità VR su PlayStation 4, che approfondiremo con un articolo dedicato fra qualche giorno. In questa modalità single player possiamo giocare in prima persona a bordo dei nostri velivoli. Il senso di immersione è davvero eccellente, ed è un peccato constatare che il gioco includa appena tre (spettacolari) missioni compatibili con il visore PSVR, che si affiancano a una modalità airshow dedicata alle evoluzioni aeree e a una modalità volo libero.

Ace Combat 7: Skies Unknown è un buon gioco della serie Ace Combat. Il suo unico difetto risiede nella sua scarsissima propensione al rischio. Sembra quasi che gli sviluppatori volessero creare un gioco capace di accontentare i palati dei fan che giocano a Ace Combat da un quarto di secolo, senza tuttavia provare a rivolgersi alle nuove generazioni di giocatori. Si tratta dunque di un gioco divertente, ma che non si impegna abbastanza per diventare qualcosa di indimenticabile.

08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
Molto divertente, trama meno scontata del previsto, le manovre di stallo sono una bella aggiunta
-
Poco innovativo, multiplayer divertente ma tecnologicamente arretrato
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.