Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Home
recensioni
AI: The Somnium Files

AI: The Somnium Files

Kotaro Uchikoshi è tornato con un'altra storia contorta.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Coloro che conoscono il nome di Kotaro Uchikoshi sapranno che è la mente dietro la serie Zero Escape, tra le varie cose, e ora si prepara a fare ritorno con un nuovo titolo chiamato AI: The Somnium Files, in cui dirige e scrive questa storia di fantascienza. Avendo giocato a Zero Escape, eravamo curiosi di sapere come avrebbe funzionato l'IA, e ora che abbiamo finito il gioco e il mistero è stato risolto, possiamo dire con certezza che è uno dei suoi giochi migliori.

AI: The Somnium Files si apre con il protagonista Kaname Date, che indaga sulla scena di un orribile omicidio. Ad una donna è stato rimosso l'occhio sinistro ed è stata legata a un cavallo da giostra in un parco abbandonato, e il tuo compito è quello di indagare sul suo omicidio con l'aiuto della tua compagna, Aiba, che vive nella tua cavità oculare.

Già, perché il tuo personaggio fa parte della top-secret Advanced Brain Investigation Squad (ABIS), e Aiba in realtà sta per AI Ball, un dispositivo impiantato nei tuoi occhi per fornire analisi mentre conduci le tue indagini. All'inizio il concept è strano, e non viene certamente aiutato dal fatto che può sgusciare fuori dai tuoi bulbi oculari con le sembianze di una piccola creatura. È comunque la tua compagna e sicuramente hai bisogno di lei in giro.

AI: The Somnium Files
AI: The Somnium FilesAI: The Somnium FilesAI: The Somnium Files

Questo è solo l'inizio della storia, dato che a circa 20 ore di gioco scoprirai un mistero molto più profondo che non ci permetteremmo mai di spoilerare qui. Tutto quello che devi sapere è che è altrettanto fantasioso, bizzarro e inquietante come qualsiasi altra opera di Uchikoshi, e percorre alcune strade davvero interessanti, specialmente nella seconda metà della storia.

Per quanto riguarda il gameplay, osserverai scene e scoprirai indizi tramite interazioni in stile punta e clicca, ma più importanti sono le conversazioni che intrattieni. È come una graphic novel in questo senso, poiché parli costantemente con altri personaggi a proposito dell'indagine, o solo per il tuo interesse personale, che può essere fatto facendo clic su di loro e selezionando varie opzioni di dialogo (è facile sul controller come su PC, dal momento che abbiamo giocato su Switch).

Per proseguire la tua indagine, però, dovrai entrare nei sogni delle persone tramite una scansione al sonnifero usando una Psync Machine, e ciò accade con una varietà di personaggi nei punti chiave della storia. Qui veniamo catapultati in un puzzle in terza persona in cui Aiba, questa volta con le sembianze di una donna, guarda gli elementi chiave del sogno per scoprire indizi e sbloccare elementi più profondi della psiche. Oh, e c'è un limite di sei minuti, e ogni azione usa un certo periodo di tempo, tra cui bonus e penalità per il tempo extra.

AI: The Somnium Files
AI: The Somnium FilesAI: The Somnium FilesAI: The Somnium Files

Inoltre, ci sono anche rami narrativi da scoprire. Il tuo primo playthrough ti vedrà attraversare la storia e arrivare a uno dei tanti finali, ed è a questo punto che l'IA inizia davvero a diventare interessante. Questi rami si svolgono nelle stesse scansioni del somnio e una volta terminato il gioco puoi vedere il diagramma di flusso degli eventi per capire quali rami ti restano ancora da recuperare, scoprendo ulteriori dettagli sulla lore del mondo, i collegamenti tra i personaggi, e indizi per mettere insieme il puzzle.

Ci sono alcuni percorsi che in realtà ti bloccano in un punto specifico, in quanto richiedono che tu completi parte del gioco per poter avanzare, e in questo modo Spike Chunsoft mantiene il ritmo costante nello svelare tutti i misteri. In effetti, c'è un flusso costante di informazioni che ti arriva incontro senza essere travolgente o confuso, ed è un viaggio soddisfacente fino alla fine, quando tutto diventa chiaro e tutti i nodi vengono al pettine.

Ciò che tuttavia crea frustrazione nel gioco sono le scansioni del somnio. Le soluzioni, specialmente quando si tratta di percorsi alternativi che puoi intraprendere, possono essere ottuse e confuse, e spesso siamo rimasti a cercare online una guida per aiutarci. Con un limite di tempo in atto, può diventare noioso provare a riprodurli e indagare solo ciò che è necessario per aiutarti a progredire, soprattutto perché devi ancora guardare gli stessi filmati e dialoghi (anche se con un semplice avanzamento veloce e il pulsante salta).

AI: The Somnium Files
AI: The Somnium FilesAI: The Somnium FilesAI: The Somnium Files

Dove IA eccelle, tuttavia, è con i personaggi, progettati da Yūsuke Kozaki. Questi non sono solo colorati nel loro stile, con molta varietà in termini estetici, ma anche nella loro personalità. Ognuno aggiunge e ostacola l'indagine a modo suo, e scoprire come si collegano tra loro è incredibilmente gratificante. È difficile prevedere cosa accadrà e come le storie si collegano tra loro, ma IA sorprende costantemente.

È anche bello conoscere questi personaggi quando Date è anche una persona e non è visto solo come un detective. Crea legami e amicizie con queste persone e si collega a tutte loro, il che significa che c'è spazio per momenti più divertenti a parte le morbose attività criminali. Iris, ad esempio, è un'influencer social che vuole sempre interpretare ShovelForge (come Minecraft), e una scansione al somnio nel suo cervello ci ha permesso di scoprire il suo amore per i colori vivaci e la danza eccentrica.
Anche molti personaggi hanno i loro finali dedicati, quindi puoi svelare le loro storie personali durante la tua missione principale, e questo aggiunge ulteriore profondità a AI: The Somnium Files, oltre le inquietanti scene (di cui ce ne sono molte) e il mistero centrale nel cuore della storia.

AI: The Somnium Files
AI: The Somnium FilesAI: The Somnium FilesAI: The Somnium Files

Un'altra cosa che ci ha deluso un po' di IA sono stati i costanti riferimenti sessuali. Alcuni di questi momenti sono innocui e semplicemente ridicoli, come distrarre in un vicolo teppisti armati con un set di biancheria intima femminile (ovviamente), ma i commenti di Date e altri sul voler vedere attraverso l'abbigliamento femminile o toccare il loro seno sono più inquietanti che divertenti. Ci siamo sentiti a disagio, e sono una caratteristica selvaggiamente inutile, anche perché li trovi in punti casuali, senza alcun contesto.

Detto questo, una volta terminati tutti i rami e la storia si è finalmente conclusa in un finale eccellente (sul serio, devi vederlo), siamo rimasti piuttosto sbalorditi da quanto Uchikoshi e Spike Chunsoft ci avessero coinvolto nella trama. Ci stavamo già divertendo prima che i nodi venissero al pettine, e a quel punto si è raggiunta un'ulteriore profondità, cosa che ci fa dire con certezza che questo è un titolo che dovresti sicuramente giocare quest'anno. È un cocktail unico di momenti oscuri mescolati a stupidità esagerateun mix che si combina con una rete di misteri che danno vita, alla fine, ad un gioco davvero speciale.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità
AI: The Somnium FilesAI: The Somnium FilesAI: The Somnium FilesAI: The Somnium Files
09 Gamereactor Italia
9 / 10
+
Bel cast di personaggi, Trama ramificata con molti intrecci, Contenuti inquietanti mescolati a momenti divertenti, Molto da vedere.
-
Momenti sessuali a volte superflui, soluzioni oscure ai puzzle somnio.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

Caricamento del prossimo contenuto